La stagione live del Teatro Miela di Trieste apre con un colpo da 90 : dalla Francia arrivano i Nouvelle Vague a presentare il loro ultimo disco “I could be happy”.

Erano sei anni che i Nouvelle Vague non incidevano nulla di nuovo e cinque che mancavano dall’Italia ed eccoli tornare in splendida forma ad aprire la stagione del Miela Live.

Nouvelle Vague al Teatro Miela ©Fabrizio Caperchi Photography / La Nouvelle Vague Magazine 2017

Marc Collin ©Fabrizio Caperchi Photography / La Nouvelle Vague Magazine 2017

La band transalpina, fondata agli inizi del 2000 da Marc Collin (alle tastiere) e Olivier Libaux (alla chitarra), è diventata famosa per la capacità di riarrangiare in chiave bossa nova i grandi successi punk e new wave degli anni 80. Le canzoni sono anglosassoni ma sembra di stare a Rio de Janeiro negli anni ’50. E non chiamateli cover band perché il suono che sono riusciti a creare in questi anni è assolutamente unico.

I could be happy

Il nuovo disco prende il titolo da una canzone datata 1982 portata al successo dagli Altered Images, una band scozzese. La canzone faceva parte del loro secondo album “Pinky blue“.

Nouvelle Vague al Teatro Miela ©Fabrizio Caperchi Photography / La Nouvelle Vague Magazine 2017

Olivier Libaux ©Fabrizio Caperchi Photography / La Nouvelle Vague Magazine 2017

A completare il disco dei Nouvelle Vague troviamo brani di Brian Eno, Cure, Ramones, Cocteau Twins e Richard Hell & The Voidoids.

La novità

Ma la grande novità di questo lavoro è che per la prima volta contiene brani originali, ben quattro canzoni.

Le luci sono state soffuse per tutto il concerto per creare un’atmosfera molto parigina della rive gauche. Ma a calamitare l’attenzione del numeroso pubblico sono state senza dubbio le due cantanti : la storica Mélanie Pain e la new entry Julia Jean-Baptiste.

C’è tutta la Francia in loro, o meglio l’immaginario francese : l’eleganza naturale, la giusta dose di civetteria, la voce sensuale, quel finto distacco che crea simpatia. In poche parole hanno impiegato meno di una canzone per sedurre tutti.

Nel loro concerto hanno ovviamente cantato, oltre ai nuovi brani, anche  le canzoni che li hanno portati al successo planetario  come per esempio “Guns of Brixton”, “Dance With Me” e “Love Will Tear Us Apart”.

Un paio di bis hanno garantito l’ottimo successo della serata. Bravo il teatro Miela ad aver puntato su di loro per l’apertura di stagione.

Mélanie Pain - Nouvelle Vague al Teatro Miela
Julia Jean-Baptiste - Nouvelle Vague al Teatro Miela
Julia Jean-Baptiste - Nouvelle Vague al Teatro Miela
Mélanie Pain - Nouvelle Vague al Teatro Miela
Nouvelle Vague al Teatro Miela
Nouvelle Vague al Teatro Miela
Julia Jean-Baptiste - Nouvelle Vague al Teatro Miela
Julia Jean-Baptiste - Nouvelle Vague al Teatro Miela
Nouvelle Vague al Teatro Miela
Nouvelle Vague al Teatro Miela
Olivier Libaux - Nouvelle Vague al Teatro Miela
Nouvelle Vague al Teatro Miela
Olivier Libaux - Nouvelle Vague al Teatro Miela
Julia Jean-Baptiste - Nouvelle Vague al Teatro Miela
Julia Jean-Baptiste - Nouvelle Vague al Teatro Miela
Marc Collin Nouvelle Vague al Teatro Miela
Mélanie Pain - Nouvelle Vague al Teatro Miela
Julia Jean-Baptiste - Nouvelle Vague al Teatro Miela
Nouvelle Vague al Teatro Miela
Nouvelle Vague al Teatro Miela
Mélanie Pain - Nouvelle Vague al Teatro Miela
Mélanie Pain - Nouvelle Vague al Teatro Miela
Mélanie Pain - Nouvelle Vague al Teatro Miela
Nouvelle Vague al Teatro Miela
Nouvelle Vague al Teatro Miela
Nouvelle Vague al Teatro Miela
Nouvelle Vague al Teatro Miela
Julia Jean-Baptiste Nouvelle Vague al Teatro Miela
Descrizione

Nouvelle Vague al Teatro Miela ©Fabrizio Caperchi Photography / La Nouvelle Vague Magazine 2017