9° Festival Internazionale di Danza Contemporanea

Direttore: Virgilio Sieni

19-29 giugno 2014

Venezia

 

Biennale Danza 2014:

mondo novo – gesto, luogo, comunità

Per il 9° Festival Internazionale di Danza Contemporanea (19-29 giugno), realizzato in collaborazione con la Fondazione Prada, Virgilio Sieni ha invitato 30 artisti da tutto il mondo che ha coinvolto direttamente in molteplici progetti, non solo di ospitalità ma anche di commissione, “tutte proposte studiate capillarmente e associate a luoghi, dettagli di opere, persone e comunità”.  Verranno presentati 42 spettacoli, di cui 28 in prima mondiale e 9 in prima nazionale.

Ci saranno: Saburo Teshigawara, Jérôme Bel, Enzo Cosimi, Christian Rizzo, Laurent Chétouane, per la prima volta in Italia, Jan Martens, Roy Assaf, Adriana Borriello, Simona Bertozzi, Radhouane El Meddeb, Jonathan Burrows e Matteo Fargion, i nuovissimi Dewey Dell, Meg Stuart, Kinkaleri, Iris Erez, Cristina Rizzo, Alessandro Sciarroni, David Zambrano, Anton Lachky, Ramona Caia, Sara Sguotti, Giuseppe Comuniello, Keiin Yoshimura con la danza tradizionale giapponese Kamigata-mai, Luisa Cortesi, Marina Giovannini, Raffaella Giordano con Maria Muňoz, Helen Cerina, Stian Danielsen, Steve Paxton, a cui verrà anche consegnato il Leone d’oro alla carriera, e Michele Di Stefano, destinatario del Leone d’argento.

Un progetto particolare è Aura, ciclo di 5 performance ispirato da opere d’arte di pittori veneziani: Giorgione per Saburo Teshigawara, Giambattista Tiepolo per Michele Di Stefano e Jérôme Bel, Giovanni Bellini per Jonathan Burrows e Matteo Fargion, Jacopo Tintoretto per Laurent Chétouane.

Le creazioni di Biennale College-Danza che debutteranno all’interno del Festival sono 12.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Le 7 performance del ciclo Vita Nova, sviluppate sul tema dei giochi popolari e interpretate da giovanissimi danzatori dai 10 ai 14 anni; e le 5 performance di Agorà, che nascono dal rapporto con lo spazio dei campi veneziani e portano la danza tra la gente.

Alle Corderie dell’Arsenale si svolgeranno azioni coreografiche nate per l’occasione e work in progress che debutteranno in forma completa nel 9° Festival di Danza Contemporanea. Sempre alle Corderie si svolgeranno alcune fasi di creazione del Vangelo secondo Matteo: 27 quadri che debutteranno al Teatro alle Tese in cicli di 9 quadri per volta (4, 5, 6 luglio; 11, 12, 13 luglio; 17 e 18 luglio).

Una mostra con i materiali video, fotografici e documentaristici dell’Archivio Storico/ASAC della Biennale di Venezia, sarà allestita al Portego di Ca’ Giustinian, sede della Biennale, con tre approfondimenti su artisti che negli anni ’70 hanno coinvolto Venezia in avvenimenti esterni: Merce Cunningham, Living Theater e Meredith Monk.

Tutte le attività del Settore Danza per il 2014 sono sostenute dalla Fondazione Prada.

“La Fondazione Prada è lieta di collaborare con la Biennale di Venezia per il 9° Festival Internazionale di Danza Contemporanea – dichiara l’istituzione. L’accordo contribuisce a rafforzare l’identità multidisciplinare della Fondazione, impegnata a valorizzare innovativi progetti culturali nel campo delle arti visive, del cinema, della filosofia, del design e dell’architettura. Il sostegno alla Biennale Danza rappresenta inoltre un’importante occasione per proseguire il dialogo creativo tra Virgilio Sieni e Miuccia Prada che, attraverso l’ideazione dei costumi, ha contribuito alla realizzazione di quattro spettacoli presentati tra il 1990 e il 1999 dall’attuale Direttore del Festival”.

L’Institute français, l’Ambasciata d’Olanda, l’Ufficio Culturale dell’Ambasciata d’Israele hanno contribuito alla realizzazione di alcuni spettacoli del 9. Festival Internazionale di Danza Contemporanea.

Tutte le informazioni sulle attività 2014 del Settore Danza sono disponibili sul sito www.labiennale.org

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.