L’ultima serata della XIII edizione del RIFF, Rome Indipendent Film Festival, si è conclusa ieri sera, domenica 23 marzo 2014 presso il Nuovo Cinema l’Aquila di Roma, dove i presentatori, Fabrizio Ferrari, direttore artistico del RIFF e Mario Midena hanno assegnato i Riff Awards.

Dopo aver ringraziato gli sponsor e i media partners sono stati assegnati i primi premi per le sceneggiature.

Malatempora Night” di Valerio Vestoso riceve il premio alla Miglior Sceneggiatura per Cortometraggio, mentre per la sezione Lungometraggi il vincitore è “Chameni” di Domenico Modafferi; per la sezione Soggetto per Sceneggiatura – premio Frabrique du cinema – è stato assegnato a “Santo Vito” di David Fratini.

Per la sezione Experimental è stato premiato con entusiasmo “Street Views” di Annie Berman ed è stato riconosciuto un merito anche a “Maria’s City” con la regia di Dania Reymond.

I premi per Migliore Sceneggiatura sono stati presentati dai due giudici Sesto Cifola e Maurizio di Rienzo, mentre a presentare la sezione Miglior Cortometraggio sono stati i tre giudici Vanessa Formicari, Benni Atria e Gianni Garko.

Miglior Cortometraggio Italiano è “Sassiwood” di Antonio Andrisani e Vito Cea, con una menzione speciale a “L’impresa” di Davide Labanti, il quale sale sul palco insieme all’attore Franco Trevisi per ringraziare.

Il titolo di Miglior Cortometraggio Internazionale va ad Anders Walter con il suo “9 meter”; entrambe le sezioni, italiano e internazionale, ricevono il Premio Romefilmmarket, un contratto di distribuzione per un valore di 1000 euro.

A ritirare il Premio Panalight per la sezione Studenti è Yoav Hornung, presente in sala, con il suo corto “Deserted”; riceve una menzione un altro corto, di Tara AtashgahFor the Birds”.

Premio per la sezione Animazione (Augustus Color) va a “Wind Of Share (Les Voiles du partage)” di Pierre Mousquet.

A salire sul palco ora è la volta di Fabio Mancini, Daniele di Gennaro e Armando Suàrez Cobiàn, i quali assegnano il Premio Magui Studio, per il titolo di Miglior Documentario Italiano, a “Happy Goodyear” di Francesco Menghini e annunciano una menzione alla regia di Carmelo Camilli con il suo “Iriria – Nina Terra”.

Il primo premio tra i Documentari Internazionali va a “No Burquas Behind Bars” di Nima Sarvestani.

A salire sul palco è la volta di Ania Trzebiatowska che assegna il premio Miglior Lungometraggio Internazionale al film polacco “The Girl From the Wardrobe” di Bodo Kox e riconosce una menzione a “Tempo Girl” di Dominik Locher.

A concludere la serata delle premiazioni è stato Fabio Meloni, direttore del Nuovo Cinema l’Aquila, il quale ha annunciato i vincitori ex aequo della categoria Miglior Film Italiano e del Premio Distribuzione Nuovo Cinema Aquila; Sono dunque stati chiamati a salire sul palco Patrizio Gioffredi (Collettivo John Snellinberg), regista di “Sogni di Gloria” e Davide Minnella, che ha diretto “Ci Vorrebbe un Miracolo”.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.