La famiglia più dark della televisione e del cinema è arrivata a teatro.

Ha debuttato al Teatro Della Luna di Assago “La Famiglia Addams” regia di Giorgio Gallione a cura di Murciano Iniziative, con due grandi nomi dello spettacolo italiano: Elio e Geppy Cucciari.

Mercoledì Addams (Giulia Odetto), primogenita della famiglia, si è innamorata di Lucas Beineke (Paolo Avanzini) che le ha chiesto addirittura di sposarlo.

Alla vigilia della cena di presentazione fra le due famiglie, la ragazza confida questo segreto al padre Gomez (Elio) chiedendogli di non parlarne assolutamente con la madre Morticia (Geppy Cucciari) per paura delle sue reazioni.

Per Gomez è molto difficile tenere nascosto qualcosa alla moglie, ma accetta per amore della figlia.

Mercoledì convoca la famiglia prima della cena chiedendo loro di avere un comportamente adeguato con i Beineke in quanto loro, sono una famiglia“normale”: la nonna  Addams (Sergio Mancinelli) e lo zio Fester (Pierpaolo Lopatriello) sono assolutamente favorevoli a questo fidanzamento, tanto che Fester chiede addirittura aiuto agli avi della famiglia. Il piccolo Puglsey (Giacomo Nasta) ha paura di perdere la sorella e crede di aver trovato il modo per dissuaderla usando una pozione della nonna ma, per uno scherzo del destino, le cose non andranno secondo i suoi piani.

I genitori del ragazzo, Alice (Clara Maselli) e Mal (Andrea Spina) rimangono un po’ scioccati appena arrivati a casa Addams, accolti ovviamente dal maggiordomo di casa, Lurch (Filippo Musenga).La serata si mostrerà subito movimentata per tutti e avrà il suo culmine dopo il gioco organizzato da Morticia, il “fuori tutto”, dove ogni componente della famiglia deve svelare un segreto agli altri.Tutto questo porterà ad un litigio tra le coppie che degenererà alla separazione di Lucas e Mercoledì, Alice e Mal e Gomez e Morticia, che è pronta addirittura ad andar via dalla sua casa.

Con un susseguirsi di gag e numeri musicali dei protagonisti, e degli avi, tutto si risolverà per il meglio e gli Addams non avranno acquisito solo un genero…Ancora una volta, l’ amore vince su tutto!

Meravigliosi  i costumi di Antonio Marras della Sartoria del Piccolo Teatro di Milano che vestono l’ intero cast; particolarmente scintillanti quelli di Morticia e Gomez e quelli dei fantasmi curati nei minimi dettagli, come le scenografie di Guido Fiorato.

I personaggi sono tutti fisicamente somiglianti agli originali: il gigantissimo Lurch davvero impressionante anche con la voce.

Personalmente ho apprezzato Pierpaolo Lopatriello che ha dato un’ impronta molto particolare allo zio Fester, tra il surreale e il poetico, rendendolo davvero originale.

 

Per scoprire le date del tour visitate il sito www.familyshow.it e la pagina facebook

 

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.