Presentato ieri il ricco programma della nuova edizione del Triestebookfest, festival letterario triestino che si svolgerà dal 20 al 22 ottobre all’Auditorium Revoltella.

Una sede unica e una platea altrettanto unica quest’anno, grazie al sostegno e la partnership con il Comune di Trieste e il Progetto Area Giovani (PAG).

Il tema di quest’anno è

la letteratura vista attraverso il cinema, il teatro e la musica

proprio perché l’obiettivo dell’associazione è lavorare sulla diffusione del libro e della lettura, anche tra persone appassionate delle altre arti

OSPITI

Nessun evento in contemporanea neanche quest’anno per far in modo che gli spettatori possano seguire tutto il percorso creato dalle organizzatrici e abbiano la possibilità di ascoltare tutti gli ospiti.

Ad aprire il Festival, venerdì alle 17.30, Marco Paolini che proprio due giorni prima debutterà al teatro Rossetti di Trieste con “Le avventure di Numero Primo” spettacolo basato sull’omonimo libro di cui è co-autore Gianfranco Bettin (anche lui presente all’incontro) e che uscirà nelle prossime settimane.

Questo evento è possibile grazie alla collaborazione del Teatro con il TriesteBookFest.

Si è scelto Paolini soprattutto poiché

rappresenta forse l’artista che si muove con larga abilità tra questi linguaggi

Altri artisti e autori che si avvicenderanno sul palco dell’auditorium sono: Paolo Di Paolo che parlerà di teatro e che ospiterà sul palco artisti del Cut in un reading sul tema del “Teatro della vita e delle parole”

Si parlerà poi di Truffaut con Marco Ongaro e nel pomeriggio Nicoletta Romeo dialogherà con Laila Wadia sul suo ruolo di scrittrice e sceneggiatrice

Seguiranno Valerio Fiandra, che suggerirà titoli di libri che possano completare il percorso dei tre giorni del Festival ma anche un evento su cui è stato posto l’accento ed è l’intervento di Maurizio De Giovanni con  Peppe Dell’Acqua.

I due dialogheranno, intervistati da Massimo Cirri,  sulla versione teatrale di “Qualcuno volò sul nido del cuculo” adattata proprio da De Giovanni.

Spazio domenica mattina a Joyce in scena con il suo massimo conoscitore triestino Renzo Stefano Crivelli e all’opera di Ennio Morricone con il suo biografo Alessandro De Rosa.

Nel pomeriggio e in chiusura si svolgerà prima il reading di Paolo Valerio sul “Poema a fumetti” di Dino Buzzati e poi un interessante chiaccherata con Simone Cerri sul cinema.

In chiusura, come del resto nella scorsa edizione, Giuseppe Culicchia e il “Moby Dick”

Locandina del concorso e bando http://bit.ly/Ri_scritture
NOVITA’ DI QUESTA EDIZIONE

Due le novità di quest’anno: la prima è la rassegna “Cibi d’autore” e la seconda è il concorso “Ri_scritture giovani”.

La prima darà l’occasione al pubblico e agli appassionati di poter passare del tempo con gli autori durante pranzi, brunch o cene. Sedi di questi eventi, su prenotazione e a pagamento, la casa di Gaia Stock,  nonché il Caffè S. Marco e il locale “Mimì e Cocotte”.

Mimì e Cocotte ospiterà anche nella prima giornata un evento speciale in serata con uno spettacolo sul teatro musicale di Gaber e Luporini

Il secondo è rivolto agli studenti delle scuole secondarie di secondo grado con lo scopo di sensibilizzare e promuovere il tema della lettura.

In base al tema generale del Triestebookfest, vengono distinte 3 sezioni di concorso:

  • a) testo musicale da riferirsi a qualsiasi genere (rap, musica leggera,filastrocca, etc.);
  • b) idea per una pièce teatrale e
  • c) idea per un cortometraggio.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.