Il prossimo 5 ottobre, Amaci, l’associazione dei musei d’arte contemporanea italiani, presenta la nona edizione della giornata del contemporaneo, un evento imperdibile in cui saranno coinvolti tutte le istituzioni, le gallerie, gli spazi pubblici dediti a raccontare le diverse forme espressive del XXI secolo.

A Roma sono molteplici gli eventi che catalizzeranno il tessuto metropolitano cittadino, diversi luoghi della cultura dedicheranno progetti speciali in onore della rassegna.

Di seguito un breve resoconto sulle manifestazioni più suggestive da non perdere.

Si comincia con i musei dedicati al contemporaneo di Roma, Macro e MAXXI apriranno gratuitamente le loro porte al pubblico per raccontare l’arte attraverso incontri, dibattiti e mostre.

Il Macro di via Nizza ospiterà la giornata d’inaugurazione della XII edizione del festival di fotografia di Roma. Il tema scelto per la rassegna prende il titolo di Vacatio, una riflessione profonda sulla sospensione e l’assenza della fotografia, correlata anche all’utilizzo delle tecnologie digitali, nella continua ricerca di un confine che possa delineare il labile confine tra fotografia e arti visive.

Il MAXXI, il museo dedicato alle arti del XXI secolo, proporrà ai suoi visitatori dalle 11 del mattino fino alle 22 una serie di appuntamenti ad ingresso gratuito. Si comincerà con un dibattito del ciclo intitolato Energy che avrà come protagonista lo scrittore Lorenzo Amurri, finalista con Apnea al premio Strega 2013. Gli interventi continueranno grazie alla presenza di diverse personalità afferenti al mondo contemporaneo: dall’installazione dell’architetto giapponese Uemon Ikeda fino all’incontro con l’artista Massimo Grimaldi che con la sua opera racconterà un progetto umanitario in Sudan.

 Tra le varie iniziative, da evidenziare l’omaggio a Francesco Vezzoli al Museo Mario Praz. Nel 1997 l’artista realizzò per l’istituto l’opera intitolata “Ok Praz is Right!”, il lavoro, oggi esposto al Maxxi, è l’incipit per visitare la raccolta museale dando al pubblico le stesse suggestioni in cui l’artista bresciano creò l’opera.

 Anche il Bioparco di Roma si aprirà al contemporaneo, da segnare in agenda il progetto espositivo che prende il nome di “Animali o uomini quale specie è meglio conservare?”, dieci artisti tra cui Francesca Bonanni, Massimo Catalani, Carlo Cecchi, Valentina De Martini, Ana Maria Laurent, Francesco Petrone, interpreteranno nei loro lavori il tema del mondo animale mettendo a confronto gli “ospiti” del bioparco alle opere dei creativi protagonisti dell’evento.

 Un ultimo appunto in questa ricca edizione della giornata del contemporaneo è dedicato al Maam, il Museo dell’altro e dell’altrove che ha sede nello spazio Metropoliz, un ex fabbrica occupata dove è in atto un’osmosi artistica inedita. Il 5 ottobre Metropoliz aprirà i suoi cancelli per partecipare all’evento intitolato Discrict 913.

Il curatore Giorgio De Finis ha chiamato a raccolta oltre 40 artisti impegnati in mostre, installazioni e performance. Due nuove stanze create da Micaela Lattanzio e Maddalena Mauri verranno inaugurate e costituiranno l’incipit di una festa che durerà tutta la serata.

Si replica il 6 ottobre con visite guidate all’interno degli ambienti di Metropoliz.

Brevi spunti per una giornata ricca di manifestazioni, per approfondire il programma della giornata indetta da Amaci basta consultare il sito dove sono elencati tutti gli eventi: http://www.amaci.org/gdc/lista-eventi?id=763

Non resta che scegliere e ricordare che in fondo tutta l’arte è stata contemporanea!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.