AMICI si “snellisce” della presenza di VITTORIA

1028

Non è passato inosservato il plurimo intervento, nella terza puntata del serale del talent di AMICI, per citare in sintesi la frase “bimbi minchia”, a cui è seguita la rottura post trasmissione per divergenze tra il coach e i concorrenti della squadra Bianca sciogliendo Morgan dall’incarico e conseguente espulsione dal Programma.

La diatriba tra Arte e mercato, Cultura e ascolti, è stato uno dei motivi da siparietto, delle liti e dissapori degli Allievi, in testa a tutti Mike Bird, possibili candidati a diventare i prossimi vincitori della 16ma Edizione.

- Advertisement -

Ci si è preoccupati di togliere, rimuovere un elemento che è libero e sciolto da ogni convenzione e regole televisive, se non dettate dal rispetto più alto che ricopre la parola ARTE, auspicando di sostituirlo con qualcuno di più rassicurante, come la potenziale Emma Marrone che rientra perfettamente nello schema del gioco conoscendo da ex allieva ed ex coach, essa stessa, i meccanismi, e l’identikit del Programma.

Ma fare cultura è un’altra cosa. Non è il solito loop nel quale ritrovare sempre e solo le stesse facce, rischiando di diventare autoreferenziali di se stessi, in un clima di piaggeria.

La Queen Mary De Filippi definisce questo momento una sua sconfitta, ma non è così.

E’, come spesso capita, un ingranaggio che piace al pubblico perché ama il battibecco, quello per intenderci della porta accanto, che contribuisce fortemente all’audience di un Programma.

Ma è un punto di rottura che dovrebbe portare la Redazione ad una riflessione: Non è forse ora, che, anche il pubblico selezionato ed invitato dalla Produzione venga istruito a comportarsi in studio senza schiamazzi da stadio ed interferenze continue?

IL LUOGO DEPUTATO per le rappresentazioni è uguale al Teatro in cui è il Silenzio e l’Ascolto il motore sinergico della REL-AZIONE, nel processo di comunicazione tra ricevente e trasmittente, dove spesso il paraverbale parla e si pronuncia prima delle intenzioni e delle parole spese.

Una Generazione di giovani capaci di introiettare voracemente tutto quello che arriva dal web, digitando velocemente per ore sui tasti di un computer o di un telefonino, rigorosamente in silenzio, è refrattario alle regole ( quelle che governano il mondo e la natura stessa), incapace poi di incanalare le energie e non sfogare gli istinti, sfociando nel tifo da stadio. come l’Arena nell’antica Roma , decretava vita o morte ai Gladiatori con il pollice verso.

Ben venga quindi, chi, come Marco Castoldi, con un linguaggio pieno di contenuti diretto e senza ipocrisie, ha donato ricchezza ed ascolti al Programma.

Metodi, modi e modalità con cui poi perseguire un obiettivo sono 3 concetti assai differenti; simili forse, apparentemente sinonimi, ma pur sempre diversi.

Addio Vittoria

E in tutto questo schiamazzo si è spostato il focus : l’unica concorrente femminile ballerina, Vittoria Markov, voluta al serale anche da Giuliano Peparini per la “BELLA FACCIA”, capace di emozionare nelle sue interpretazioni, è stata eliminata.

Il Programma si è snellito di una presenza, in senso fisico e metaforico. Non ricoprendo i canoni fisici e in parte tecnici del ballerino prototipo, non ha incontrato il gusto delle professioniste, Eleonora Abbagnato, ètoile, e Alessandra Celentano, coreografa.

Una dura selezione, che spesso andrebbe analizzata con molta più profondità e delicatezza, aprendo una finestra specifica, che il taglio del talent non offre, argomento affrontato e dibattuto tante volte nelle precedenti edizioni in fase di eliminazione dei candidati.

Sappiamo bene, che, il tema del sovrappeso, in età evolutiva ed adolescenziale, può sfociare nel disturbo alimentare dell’anoressia/bulimia, con conseguenze, sul piano della inadeguatezza, autostima, crescita interpersonale.

Argomento sdoganato anche con forti denunce da parte di addetti ai lavori e professionisti danzatori dell’ambiente Accademico classico.

Come consigliano i medici specialisti, una sana correzione alimentare, ed una coscienza corporea più profonda che supporti l’emotività del piacere tra psiche e soma, sono ingredienti alla base di uno sviluppo equilibrato dell’individuo.

Prima che la moltitudine di spettatori giovani, e meno giovani, scambino, il Format di AMICI, come un contenitore ed un vettore per un lancio veloce e sicuro per il successo, di facile consumo come il prodotto di un fast food, a Vittoria, di nome e di fatto, auguriamo tanta danza nella sua vita e nel suo futuro , perché come disse il”Tartaro Volante”, dal Diario , nelle sue ultime lettere alla danza :

OGNI UOMO DOVREBBE DANZARE PER TUTTA LA VITA. NON ESSERE BALLERINO, MA DANZARE!

RUDOLF NUREYEV 

- Advertisement -

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.