Carlo Lizzani - Amore a Roma tra il Diavolo e l’acquasanta

Per lo storico Teatro Vittoria, Carlo Lizzani scrive e dirige Amore a Roma tra il Diavolo e l’acquasanta. Lo fa a modo suo, cioè alla maniera della Compagnia Attori e Tecnici di cui è parte da molti anni: mescolando insieme aneddoti storici e contemporanei, misti a risate e riflessioni, con passione e amarezza, lasciando alla singola identità attoriale il giusto spazio per esprimersi e coordinando i linguaggi scenici al fine di dare vita a un evento corale, che abbraccia il pubblico e lo fa sentire parte dell’azione.

Se c’è ancora una “famiglia” di scena, a Roma, quella si può trovare al Teatro Vittoria. Negli anni non è stato tutto rose e fiori, come in ogni famiglia ci sono stati matrimoni e divorzi, liti e riappacificazioni, nascite e morti. Come in ogni famiglia si è scelto di proseguire nel cammino intrapreso molti anni fa, per costanza artistica e dedizione al lavoro e per continuare a mantenere vivo un principio cui tutti i componenti sono rimasti fedeli: il teatro è un mezzo per vivere la Cultura, ma anche “di” Cultura. Entrambe le condizioni non avvengono senza un pubblico in grado di comprendere, condividere, apprezzare e supportare le operazioni culturali scelte.

E nonostante gli anni trascorsi, il cambio generazionale e un inevitabile imbarbarimento civile, il pubblico del Teatro Vittoria è rimasto sempre fedele e consapevole, anche grazie all’operato di questi masnadieri rivoluzionari, sognatori e pratici al tempo stesso. Il pubblico del Teatro Vittoria è uno zoccolo duro di quella romanità che, quest’anno in particolare, si è visto ripagato da una stagione per la gran parte dedicata a Roma, alle sue mille facce, alle vicende dei suoi innumerevoli cittadini.

Carlo Lizzani – Amore a Roma tra il Diavolo e l’acquasanta

Anche in Amore a Roma tra il Diavolo e l’acquasanta i tre ingredienti principali sono gli stessi: una famiglia attoriale, un teatro in abbandono e Roma. Oltre gli aneddoti più divertenti e rocamboleschi, sembra di ripercorrere, nascosta qui e lì, la storia di chi realmente ha fatto rinascere un teatro a Testaccio. Ce lo suggeriscono le scenografie leggere e quasi improvvisate, da compagnia itinerante; gli abiti fuori dal tempo; la commistione di musica (e che musica!) e parola; la narrazione mista al dramma, ma senza tragedia, al massimo da farsa, da pochade, da vaudeville.

Ce lo conferma la bellezza di un Teatro senza tempo che si è piegato alle esigenze dell’emergenza per continuare a parlare al suo pubblico, alle persone; la gentilezza e la professionalità di tutto il personale che riesce a sorridere anche indossando una mascherina; l’arguzia di un testo fitto di rimandi ad altri mondi, ad altri universi; il talento sincero, puro e a tratti disincantato dei cinque meravigliosi attori: Simone Balletti, incantevole “pecoraro seduttore”, ironico e instancabile; Valerio Camelin, che ricorda il talento di un giovane Montesano nel personaggio di Fausto il burattinaio, senza mai farne sterile copia; Chiara David, una sexy Margherita (quasi Rosetta) che oltre alla bellezza possiede una voce splendida; Virginia Della Casa, comicissima e versatile, rende giustizia alla Papessa Giovanna senza trasformarla in una macchietta; infine il villain di Stefano Dilauro, multiforme Mefistofele, ha giocato da elegante ago della bilancia nel delicato equilibrio in doppia coppia (attori giovani e caratteristi) fra cui si è distinto in particolare.

Una piacevole conferma, nel ricordo dei tanti momenti indimenticabili trascorsi su quelle accoglienti poltrone.

Amore a Roma tra il Diavolo e l’acquasanta

Viaggio dell’amore, attraverso i secoli, tra i misteri e le magie della Città Eterna

scritto e diretto da Carlo Lizzani

con Simone Balletti, Valerio Camelin, Chiara David, Virginia Della Casa, Stefano Dilauro

Produzione Attori & Tecnici

Dal 17 al 25 ottobre 2020

Amore a Roma

Viaggio dell’amore, attraverso i secoli, tra i misteri e le magie della Città Eterna.

A Roma sono sempre stati di casa l’Alchimia e il Sapere Magico. Qui la gente è capace di imbrogliare anche Satanasso. E infatti Baialardo, che altri non è che un Faust autoctono, vende l’anima al Diavolo in cambio del libro delle Formule Magiche e con un inganno si salva.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.