Anche voi siete qui per…? Sì, ma ci ha detto proprio male!

Il Roma Fringe Festival con il patrocinio del World Fringe Network di Edimburgo è tornato a Villa Mercede (San Lorenzo) per la sua sesta edizione. Iniziato il 30 agosto vedrà la sua conclusione il 23 settembre, dopo aver ospitato ben 50 compagnie dall’Italia e dal Mondo, per oltre 150 appuntamenti tra prime italiane e internazionali.

Nell’ambito di questo Festival eterogeneo va in scena Anche voi siete qui per… di A. Callerame: uno spettacolo che parla di lavoro e delle ansie connesse alla sua ricerca.

Lo fa in chiave divertente, canzonatoria, ironica… o meglio: vorrebbe farlo!

La serata infatti non è più completamente estiva e il fresco palco all’aperto si trasforma, in poco tempo, in un campo freddo e umido. Ad appena dieci minuti dall’inizio dello spettacolo inizia una pioggia fitta e sottile che impedisce agli attori – e ai preoccupati tecnici – di proseguire.

Ed è un peccato vero: da quello che si era potuto comprendere, Anche voi siete qui per… sembrava promettente, giocando sui doppi sensi e sulle debolezze umane in un momento della vita così delicato, come è quello del colloquio di lavoro. Il pubblico, a sua volta gettato nella mischia dei candidati, è coinvolto, partecipa, ride e sembra quasi rispondere alle provocazioni di Angelo Callerame, il giovane interprete che aveva già accolto gli spettatori all’ingresso, seduto su una panchina, in attesa.
Questo diverte e permette agli ascoltatori una comprensione del dialogo che poi avverrà fra palco e platea.

Anche voi siete qui per...

Quando lo spettacolo inizia, infatti, il timido protagonista sale proprio dalla parte del pubblico, come fosse parte di esso, si siede in scena e inizia a parlare, direttamente, senza filtri. È in attesa e vuol far uscire tutti i suoi dubbi, tutte le sue manie, condividendole con chi gli è accanto. Purtroppo il tempo gli è sfavorevole, come capita anche in alcuni casi nella realtà.

Non solo il tempo, ma anche le occasioni, gli incontri che permettono di iniziare un nuovo percorso lavorativo spesso lo sono. E poi, anche quando il lavoro si è ottenuto, spesso la precarietà rende impossibile la stabilità sia emotiva che economica. È il momento storico ed è bene che anche il teatro contemporaneo tenga un occhio attento a tutto questo. La compagnia “Lo spazio vuoto” lo fa, quando può.

 

 

Compagnia “Lo spazio vuoto”

Anche voi siete qui per…

di
Angelo Callerame

Regia: Roberto Calabrese
con: Angelo Callerame e Francesco De Filippi

 

  • Articoli
Chi sono
Appassionato di musica e teatro da sempre tanto da laurearsi sia nell’una che nell’altra disciplina, ha però affiancato agli studi musicali e sulla vocalità esperienze di lavoro in diversi ambiti: editoria, scuola, conservazione e catalogazione, management, comunicazione, organizzazione eventi, istituti finanziari, no-profit. Ancora non sa quale sarà il suo futuro, ma ama lo yoga, i viaggi e la buona cucina.
×
Appassionato di musica e teatro da sempre tanto da laurearsi sia nell’una che nell’altra disciplina, ha però affiancato agli studi musicali e sulla vocalità esperienze di lavoro in diversi ambiti: editoria, scuola, conservazione e catalogazione, management, comunicazione, organizzazione eventi, istituti finanziari, no-profit. Ancora non sa quale sarà il suo futuro, ma ama lo yoga, i viaggi e la buona cucina.
Latest Posts

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.