Si svolgerà il prossimo fine settimana a Trieste Boramata, il Festival dedicato all’importante vento triestino, la Bora.

Bora è pulizia, Bora è energia

Così il main sponsor ha introdotto BoraMata alla conferenza stampa di presentazione tenutasi venerdì nella Sala Veruda di Palazzo Costanzi.

 

Laboratorio Venti

La conferenza è stata l’opportunità per curiosare in anteprima nella mostra allestita proprio alla Sala Veruda e inaugurata proprio nella serata di venerdì.

Un’esposizione di fotografie, articoli, sculture, installazioni che festeggia i quindici anni del Magazzino dei Venti e i 20 anni del Museo della Bora a cura di Rino Lombardi.

Perché questa mostra? Per quello che abbiamo fatto e per quello che vorremmo ancora fare. Per i tanti, bellissimi incontri. Per valorizzare la scienza del vento nella capitale europea della ricerca scientifica 2020.

A questo proposito quest’anno BoraMata può fregiarsi anche del ‘bollino di Esof2020’ insieme agli approfondimenti scientifici.

Bora, sport e sociale

Sulla Bora come affermato da Federico Prandi, co organizzatore con la Prandicom dell’evento, si può costruire un nuovo e diverso storytelling della città, un nuovo modo di raccontarla.

Quest’anno oltre all’aspetto turistico e di valorizzazione di un elemento che è insito nel Dna di Trieste si aggiunge un aspetto sportivo.

Durante la settimana successiva a BoraMata infatti Trieste ospiterà alcuni dei match più importanti degli Europei di Calcio Under21.

Proprio ai colori delle squadre, ospiti in città e che si sfideranno allo Stadio Rocco, saranno dedicate le girandole.

Girandole ormai simbolo della manifestazione e presenti in un numero più che raddoppiato rispetto alle edizioni precedenti.

Le girandole infatti saranno quasi 400 e saranno protagoniste di un’asta che si svolgerà domenica e il cui ricavato andrà interamente all’Associazione “Oltre quella sedia” che si occupa di disabilità intellettive e che porta in scena performance teatrali e di arte di strada.

Tra gli eventi aquilonisti e non solo…

Ospiti speciali e molto attesi di questa edizione sono gli aquilonisti.

Doppio show per loro, originari della Val Di Fiemme, che si esibiranno venerdì e sabato mattina in piazza Unità dove si potranno trovare, fotografare e ammirare anche le girandole.

Seconda sede per la manifestazione è invece Piazza Ponterosso in cui apparirà una delle novità, già vista alla Mini Maker Faire: BORAMAT, il simulatore di vento realizzato dai makers dell’Ictp di Miramare.

Oltre agli aquiloni e alla mostra, BoraMata sarà anche un momento per raccontare libri di vento come“La ballata del vento”di Mario Ferraguti o per passeggiare, insieme a una guida naturalistica, sulle tracce stesse della Bora.

Per scoprire il ricco calendario di eventi: www.museobora.org! Buon Vento!

  • Articoli
Chi sono
Quasi trentenne triestina, laureanda in scienze dell’educazione col sogno di lavorare con minori in difficoltà. Curiosa di natura e sempre pronta a mettersi in gioco con nuove esperienze Appassionata di teatro e soprattutto di musical; di cinema, danza, musica e divoratrice di libri, insomma di qualsiasi forma d’arte
×
Quasi trentenne triestina, laureanda in scienze dell’educazione col sogno di lavorare con minori in difficoltà. Curiosa di natura e sempre pronta a mettersi in gioco con nuove esperienze Appassionata di teatro e soprattutto di musical; di cinema, danza, musica e divoratrice di libri, insomma di qualsiasi forma d’arte
Latest Posts
  • Tony Hadley

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.