Ha appena festeggiato i venti anni di attività e il 18 gennaio la Compagnia Teatribù che da diverse stagioni porta in scena il teatro di improvvisazione, è pronta per un nuovo  spettacolo.

Il 18 gennaio al Teatro Edy Barrio’s di Milano è in scena Aspettando che ci torni la memoria con la compagnia Teatribù e la partecipazione di Andrea Bienati e Maura Levi accompagnati dalla musica dal vivo di Marcella Schiavelli.

Abbiamo intervistato Mico Pugliares della compagnia Teatribù.

Avete da poco compiuto 20 anni di attività con una grande festa a teatro e a distanza di poco sarete in scena con Aspettando che ci torni la memoria. Di cosa parla?

Aspettando che ci torni la memoria è uno spettacolo che anticipa la “giornata della memoria” che sarà una settimana dopo. Parlerà di memorie direttamente legate alla Shoah ma anche di libere connessioni con quello che viene mosso e provocato da quella tragedia.

Quanto è importante la Memoria?

E’ fondamentale. A livello individuale potrebbe essere il serbatoio di ciascuno di noi dal quale attingere la bellezza e la malinconia necessaria per essere creativi e vivi. Non mi piace chi dimentica da dove arriva e chi annacqua o sbiadisce la storia dietro la scusa “erano altri tempi”. E’ vero che ogni azione è figlia del proprio tempo e del contesto e non possiamo guardare i fatti storici con gli occhi di adesso ma il passare degli anni non può diminuire l’importanza e la portata degli eventi.

Nella presentazione affermate “tenere viva la memoria è sempre necessario ed ognuno lo fa a modo suo”. Qual è il modo di Teatribù?

Il nostro modo è semplice: improvvisiamo. Lo faremo con quello che sappiamo fare e cioè daremo vita a delle scene ispirate dalle altre forme espressive che ci saranno sul palco del Barrio’s. Non metteremo in scena quello che sentiremo ma quello che assoceremo per dare spazio a momenti non drammatici grazie ad un fatto drammatico. E’ la sfida di questo spettacolo cioè mischiare dramma e leggerezza.

Aspettando che ci torni la memoria. Non è solo uno spettacolo di improvvisazione. Ci saranno anche altre forme d’arte. Quali?

Ci saranno delle letture fatte da Maura Levi e saranno tutte dedicate all’Olocausto e non anticipo quali. Inoltre ci sarà sul palco Marcella Schiavelli violoncellista strepitosa. Il gioco sarà quello di mischiare la testimonianza delle parole “vere”, la musica “colta” e l’improvvisazione di Teatribù.

Quali sono i vostri progetti per il 2020?

La stagione di Teatribù è circa a metà e fino a maggio sono previsti ancora spettacoli sia nel nostro spazio in Via agordat che in altri posti (Febbraio e marzo al teatro della cooperativa) seguendo la linea di questa stagione che è incontrarsi con altre forme espressive.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.