di Matteo Lucchi

Dal 5 giugno arriva Assolo al cinema, presentato da Explorer Entertainment, prodotto da Moon Over Produzioni e proiettato in anteprima da ANICA (Associazione Nazionale Industrie Cinematografiche Audiovisive e Multimediali). Scritto e diretto da Massimo Piccolo, affermato regista teatrale, troviamo Antonio De Matteo (Un posto al sole e Un medico in famiglia) nei panni del protagonista con Gaia d’Angelo, Adriana Cardinale, Maddalena Stornaiuolo, Zaira De Felice e David Power ad affiancarlo.

Danny “sweet touch” Caputo ed il suo sax hanno impiegato tutta la vita per arrivare a debuttare a New York. Dieci ore di prove al giorno per vent’anni gli hanno permesso di trovarsi a cinquanta minuti al suo battesimo del fuoco.
Proprio in questo lasso di tempo che lo separa dal successo, Danny, di fronte ad una semplice domanda, comincia a raccontare il proprio passato e, in modo particolare, i precedenti amori.
Un turbinio di memorie, sensazioni, baci e lacrime lo guideranno, inesorabilmente, verso lo scadere dei fatidici cinquanta minuti.

Completato in appena 11 giorni e con un budget volutamente ridotto, Assolo riesce a guadagnarsi a pieno merito un posto tra le migliori opere indipendenti.
Con un fantastico uso della fotografia, a cura di Valentina Caniglia, Massimo Piccolo ci porta all’interno della mente del protagonista , distorcendo lo spazio e facendo convergere più realtà nello stesso momento. Tutti i ricordi, infatti, si confondono e si uniscono senza creare una vera e propria cronologia degli eventi. Il tempo convenzionale cessa di esistere per lasciare spazio al tempo soggettivo di De Matteo che, invece di date o orari ben precisi, risulta composto di sensazioni legate alla vista, al tatto e, soprattutto, all’udito.
In questo spazio surreale, quale è la mente umana, le composizioni al pianoforte di Claudio Passilongo accompagnano costantemente lo spettacolo, senza risultare particolarmente invadente ma riuscendo, allo stesso tempo, a scandire i tempi del film e a donare ritmo alle battute del protagonista.

<< Sono contento – racconta il regista – perché finalmente è stato possibile far uscire una storia prodotta a Napoli e scritta da un napoletano che non parlasse di degrado o di camorra. Quando si vive in una città in cui tutto il sistema culturale è legato a degli stereotipi, di cui però non metto in dubbio l’esistenza, risulta molto complicato riuscire a raccontare una storia che sia solo una storia. Questo è, infatti, Assolo. Solo una storia banale di un uomo innamorato>>. Ma anche il banale, se rappresentato nel modo giusto, può ancora riuscire a sorprendere e Massimo Piccolo è pienamente riuscito nel compito.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.