The Imitation Game è tratto dal libro di Andrew Hodges “Alan Turing: the Enigma e diretto dal regista norvegese Morten Tyldum.

Nel 1951, le autorità britanniche, a seguito di una chiamata per denunciare un furto, si recano a casa del matematico, criptoanalista e professore universitario Alan Turing. L’indagare finisce invece con l’arresto dello stesso Turing accusato di “atti osceni”, incriminazione che lo avrebbe portato alla devastante condanna per il reato di omosessualità. Le autorità non hanno la minima idea di chi stanno incriminando, l’uomo sotto interrogatorio è l’antesignano della moderna scienza informatica, ideatore della Turing Machines che in seguito porterà alla realizzazione degli odierni computer.

Il professore racconta che nel corso della Seconda Guerra Mondiale è stato ingaggiato, insieme ad altri  studiosi, linguisti, campioni di scacchi e agenti dei servizi segreti, per decifrare i codici della macchina tedesca Enigma, con i quali le Potenze dell’Asse mandavano messaggi per gli attacchi alle navi nemiche o ai convogli provenienti dall’America per i rifornimenti alimentari all’Inghilterra.

Durante il processo, Turing non negò i propri gusti sessuali, dichiarando con schiettezza che non ci trovava nulla di male.

Fu comunque perseguitato per la sua condizione, considerata allora un reato nel “liberalissimo” Regno Unito che, mentre da un lato si ergeva a paladino della democrazia e si impegnava per il suo mantenimento, dall’altro si adoperava contro l’omosessualità, facendo uso della castrazione chimica che ebbe fine solo nel 1967.

Colpevole di questo “gravissimo” reato, per un intero anno fu costretto a iniezioni di estrogeni che lo resero impotente. Nonostante l’umiliazione e la tortura di Stato, continuò a lavorare nei vari campi in cui si era precedentemente distinto ma il 7 giugno 1954 non riuscì più a sopportare gli abusi…

Senza il suo grande contributo e del suo gruppo per decrittare Enigma, la guerra probabilmente sarebbe durata almeno altri due anni e con decine di migliaia di morti in più.

Benedicht Cumberbatch e Keira Knightley
Benedicht Cumberbatch e Keira Knightley

Tra le tante leggende che circolano sull’origine del logo della Apple, la mela potrebbe essere stato un omaggio al protagonista del film, padre dell’intelligenza artificiale.

Alan Turing è interpretato magistralmente da Benedict Cumberbatch, l’attore inglese per molti conosciuto come lo “Sherlock Holmes” dell’ultima serie tv sul noto investigatore. L’attore si è calato nel personaggio in modo commovente, dimostrando di avere raggiunto una maturità artistica di alto livello. Cumberbatch porta sulle schermo un uomo con un’energia febbrile, ingenuo e incapace di confrontarsi con le convenzioni sociali del suo periodo la cui vita è stata tormentata dai segreti.

Nel film è interessante come sono stati accentuati i dolori, le tensioni, le frustrazioni e le solitudini dei vari personaggi, mentre la trama spionistica, anche se fondamentale nella narrazione, è solo il contorno di tutta la vicenda.

Gli altri attori del protagonisti del film sono: Keira Knightley che interpreta Joan Clark, una grande mente matematica, ma soprattutto una donna libera e moderna durante un periodo di grandi costrizioni, Charles Dance il Comandante Denniston ( Il trono di Spade ), Matthew Goode ( A single Man, La ragazza del dipinto, e per la tv The Good Wife )  interpreta il noto scacchista irlandese Hugh Alexander e Mark Strong  che interpreta Steward Menzies.

La scenografia del film è stata affidata a Maria Djurkovic ( La talpa, The Hours, Billy Elliot ) che ha riproposto quel periodo storico rispettando tutti i canoni del tempo, anche la ricostruzione della “Bomba/ Christopher”, la macchina costruita da Turing per decifrare il codice,  è stata fatta in modo dettagliato. Non è solo un oggetto scenografico, necessario al film, ma è vera e propria protagonista insieme agli attori in carne e ossa.

I protagonisti del film si sono calati con maggiore enfasi nelle loro parti grazie al minuzioso lavoro della costumista Sammy Sheldon Differ che è riuscita a reperire capi d’abbigliamento d’epoca.

Lo spettatore riesce ad essere maggiormente coinvolto alle vicende, grazie alle musiche affidate al compositore Alexandre Desplat che annovera tra le sue produzioni: La ragazza con l’orecchino di perle, Il curioso caso di Benjamin Button, The Queen, Argo, The monuments Men, The Grand Budapest Hotel. 

Probabilmente se nel 2009 il primo ministro Britannico Gordon Brown non avesse fatto pubblica ammenda per il modo indegno con cui era stato trattato in vita Alan Turing, e se nel 2013 la regina Elisabetta II non avesse concesso la grazia su richiesta di molti firmatari tra i quali anche l’astrofisico Stephen Hawking, nessuno avrebbe mai sentito parlare di questa grande mente, ma soprattutto di un uomo che è riuscito a fare cose per molti inimmaginabili.  

 

DATA USCITA: 01 gennaio 2015

GENERE: Biografico, Drammatico, Thriller

ANNO: 2014

REGIA: Morten Tyldum

SCENEGGIATURA: Graham Moore

ATTORI: Benedict Cumberbatch, Keira Knightley, Charles Dance, Matthew Goode, Mark Strong, Rory Kinnear, Tuppence Middleton, Allen Leech, Steven Waddington, Tom Goodman-Hill, Matthew Beard, James Northcote

FOTOGRAFIA: Oscar Faura

MONTAGGIO: William Goldenberg

MUSICHE: Alexandre Desplat

PRODUZIONE: Black Bear Pictures, Bristol Automotive

DISTRIBUZIONE: Videa

PAESE: USA

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.lanouvellevague.it/home/wp-content/plugins/ultimate-author-box/inc/frontend/uap-shortcode.php on line 119
style=”display:none;”>
Author Details
La prima serie Tv che ha visto è stata la tranquilla Happy Days (1974/ 1984) per approdare, dopo anni trascorsi davanti al piccolo schermo, alla più cruenta American Horror Story (2011/ in corso), entrambe raccontano la “routine” di due tipiche famiglie americane. Il passaggio da Fonzie a Costance Langdon ( Jessica Lange nella prima stagione ) possiamo definirlo paranormale. “Sai cos’è un legame chimico? Una grande forza di attrazione…legame covalente ionico…parlo dell’aggregazione di atomi e molecole per formare composti… I legami chimici sono quelli che formano la materia, sono quelli che tengono insieme il mondo fisico, inclusi noi”. Walter White da Breaking Bad, prima stagione episodio 7 “Nero e Azzurro”.
×
La prima serie Tv che ha visto è stata la tranquilla Happy Days (1974/ 1984) per approdare, dopo anni trascorsi davanti al piccolo schermo, alla più cruenta American Horror Story (2011/ in corso), entrambe raccontano la “routine” di due tipiche famiglie americane. Il passaggio da Fonzie a Costance Langdon ( Jessica Lange nella prima stagione ) possiamo definirlo paranormale. “Sai cos’è un legame chimico? Una grande forza di attrazione…legame covalente ionico…parlo dell’aggregazione di atomi e molecole per formare composti… I legami chimici sono quelli che formano la materia, sono quelli che tengono insieme il mondo fisico, inclusi noi”. Walter White da Breaking Bad, prima stagione episodio 7 “Nero e Azzurro”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.