Quasi un centinaio di scatti compongono la mostra “Beyond Beauty” che Gagosian Gallery, in via Crispi a Roma, ha dedicato al celebre fotografo di moda Richard Avedon. Dal 27 febbraio fino al prossimo 11 aprile si potranno ammirare, con ingresso gratuito, alcune delle immagini che hanno rivoluzionato il tradizionale concetto di fotografia di moda.

Che si tratti di scatti posati oppure di istantanee “rubate”, la bellezza racchiusa nelle immagini di Avedon va – come ricorda il titolo della retrospettiva – “oltre” i canoni convenzionali a cui siamo abituati.  Ed ecco, dunque, che l’elegante primo piano di Marlene Dietrich precede il ben più intimo ritratto della moglie di Avedon; e ancora, lo scatto rubato di Dorian Leigh è accostato a quello di Veruschka, raffigurata – invece – in una posa plastica. Jacqueline Kennedy, Sophia Loren, Marylin Monroe e Janis Joplin sono alcuni tra i personaggi più celebri che trovano spazio nell’esposizione.

L’allestimento è suddiviso in tre sezioni. I primi undici scatti, commissionati al fotografo dalla rivista Harper’s Bazaar tra il 1947 e il 1957, appartengono all’Early Paris Fashion Portfolio. Si tratta di immagini en plein air in giro per le strade parigine. La seconda sezione raccoglie una cinquantina di opere in cui modelle, celebrità ma anche donne sconosciute sono ritratte in pose, atteggiamenti o con capi di abbigliamento studiati per esaltarne la personalità, la forza e lo stile.

Tutto rigorosamente in bianco e nero: per Avedon, il colore distrae dallo scorgere la vera bellezza nascosta in ciascun soggetto.

L’ultima sezione della mostra è quasi un’appendice. Il registro sia formale sia sostanziale cambia radicalmente. In queste immagini compare il colore, quasi a voler segnare un netto contrasto con le tematiche noir e macabre di cui si parla. Ventiquattro immagini, pubblicate dal New Yorker nel 1995 e intitolate “In memory of the late Mr. And Mrs. Comfort”, raffigurano l’incontro fra la bellezza perversa e la morte ineluttabile come fossero le due facce della stessa medaglia.

Scomparso nel 2004, Richard Avedon è considerato uno degli artisti più influenti del ventesimo secolo. La sua carriera, iniziata negli anni quaranta, vanta collaborazioni con riviste del calibro di Vogue e Harper’s Bazaar.

Author Details
Giornalista pubblicista, collabora da qualche anno con diverse testate nazionali di cultura e spettacolo. Si è laureata all’Università del Salento in Scritture Giornalistiche e Multimedialità, dopo aver conseguito la laurea triennale in Scienze della Comunicazione. Si interessa in modo specifico alla scena musicale indie italiana attraverso le interviste ai protagonisti e i concerti. Appassionata di fotografia, frequenta corsi e partecipa a workshop. Il genere prediletto è il fotogiornalismo, oggetto, fra l’altro, della tesi di laurea specialistica. Nell’ultimo periodo si accosta anche alla fotografia di spettacolo documentando attraverso le immagini le esibizioni dal vivo in tutta la provincia leccese.
×
Giornalista pubblicista, collabora da qualche anno con diverse testate nazionali di cultura e spettacolo. Si è laureata all’Università del Salento in Scritture Giornalistiche e Multimedialità, dopo aver conseguito la laurea triennale in Scienze della Comunicazione. Si interessa in modo specifico alla scena musicale indie italiana attraverso le interviste ai protagonisti e i concerti. Appassionata di fotografia, frequenta corsi e partecipa a workshop. Il genere prediletto è il fotogiornalismo, oggetto, fra l’altro, della tesi di laurea specialistica. Nell’ultimo periodo si accosta anche alla fotografia di spettacolo documentando attraverso le immagini le esibizioni dal vivo in tutta la provincia leccese.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.