Premetto che non ho assistito alla premiazione lunedì, anche se sono stata tempestivamente relazionata il giorno dopo da ben quattro giornalisti esperti presenti e ho letto alcune cronache.

Intanto mi hanno colpito i sei premi andati a “Priscilla, la regina del deserto”, Miglior  Protagonista Maschile, Spettacolo, Regia, Coreografia, Scenografia e Costumi. Non tanto perché non se li meritino, tutt’altro: lo spettacolo è stato ottimo nel suo allestimento completo, ineccepibile direi, ma, a vedere bene, di questi sei premi solo uno è andato effettivamente ad un italiano, Simone Leonardi come miglior protagonista maschile. Gli altri cinque hanno premiato il lavoro della produzione Australiana, dal momento che di italiano c’era ben poco. E quindi mi chiedo? Possibile che tra i vari spettacoli italiani non ce ne sia stato uno degno di prendere uno dei premi in queste categorie? E la creatività italiana che fine ha fatto???

La seconda riflessione è sul gesto che ha fatto Loretta Goggi (premiata come miglior Protagonista Femminile per “Gipsy”) durante la consegna del suo premio, dicendo apertamente e senza timore (ma lei se lo può permettere) che la produzione di Gipsy (la stessa del pluripremiato Priscilla) non le ha ancora saldato quanto pattuito. Subito si sono alzati i performer di Priscilla urlando che anche a loro devono ancora soldi.

L’affermazione della Goggi è stata ripresa dagli organi di informazione e postata viralmente sui social network.

C’è quindi da sperare che questo abbia un effetto positivo e che le produzioni insolventi  vario facciano il loro dovere visto che performer e personale addetto hanno fatto il loro.

Sulle altre nomination poco da dire, molto corrette e meritate. Solo un po’ di personale amarezza perché, per chi scrive, Frankenstein Jr meritava molto di più dei due premi dati agli attori non protagonisti, gli ottimi Giulia Ottonello e Mauro Simone.

Speriamo in una prossima edizione un po’ più accorta nel suo risultato finale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.