Vi emozionerete, piangerete sicuramente e vi farete molte domande

Così viene lanciato Cabaret (al teatro della Luna di Milano fino al 22 Novembre e poi in tour fino la prossima primavera), il nuovo lavoro della Compagnia della Rancia di Saverio Marconi. E mai così veritiera è uno strillo dell’ufficio stampa, solitamente addetto ad esaltare un lavoro per contratto.

Ma questa volta ha scritto la verità. Si esce con gli occhi umidi da queste due ore travolgenti di sentimenti contrastanti, di affermazioni dure, di coinvolgimenti emotivi forti che possono andare dall’ironia beffarda, sporca, sguaiata dei primi minuti per arrivare alla disperazione finale che non lascia un barlume di speranza.
Nelle due ore (intervallo compreso), si sviluppa la storia nota di Cabaret.

Siamo nella Berlino degli anni ’30, nel delicato e tragico periodo che porterà alla nascita del Nazismo.
Lo scrittore americano Cliff Bradshaw (Mauro Simone), arriva nella capitale tedesca la sera dell’ultimo dell’anno. L’intenzione è di trovare una storia da scrivere. Accolto dall’anziana affittacamere Fraulein Schneider (Altea Russo), viene indirizzato dal di lei spasimante, il timido e tenero fruttivendolo ebreo Herr Schultz (Michele Renzullo) a trascorre quella festa al Kit Kat Club, un cabaret di infimo ordine, decadente, ma con la splendida Sally Bowles (Giulia Ottonello), una ragazzina inglese di belle speranze con il sogno di diventare una grande attrice, stella del Kit Kat Club.
Cliff, oltre a conoscere dalla irruente Sally, che si trasferirà armi e bagagli nella sua piccola stanza, entrerà qui in contatto con Ernest Ludwig (Alessandro di Giulio), che, capendo che il giovane scrittore è
A corto di soldi, gli offrirà di compiere dei viaggi a Parigi, facendolo diventare a suon di marchi, un trafficante che contribuirà, suo malgrado, alla nascita del nazismo.
Le storie quindi si intrecciano e si snodano sia all’interno del Kit Kat Club, sia negli appartamenti di Fraulein Schneider. E le storie avranno un denominatore comune: i soldi. Per soldi le ragazze si prostituiscono, per soldi Cliff diventerà faccendiere nazista, per soldi Fraulein rifiuterà la proposta di matrimonio di Schulz, ebreo braccato dai nazisti (“ma io sono tedesco!” ripete spesso).
L’amore non è permesso. Neppure quando Sally si accorgerà di aspettare un bambino da Cliff. Per ambizione ed egoismo deciderà di abortire all’insaputa dello scrittore.
Ma la sua ambizione si trasformerà presto in fallimento a causa dei nuovi tragici venti politici che porteranno l’umanità intera a vivere senza un bagliore di speranza sopra tutti i protagonisti della storia incombe ammaliante, tentatore, quanto ambiguo e tormentato, il Maestro di Cerimonie (Giampiero Ingrassia) che, da presentatore del Kit Kat Club, sottolineerà gli avvenimenti con stravaganza, ironia e angoscia.

Saverio Marconi allestisce per la terza volta Cabaret. E questa lettura è decisamente coraggiosa. Per il pubblico del musical italiano (del musical, non della prosa), gli spettacoli del genere sono allegria, danze, luci…Marconi invece va controcorrente (ogni tanto qualcuno ci prova, e paradossalmente sono i lavori meglio realizzati, come Salvatore Giuliano e Spring Awakening, ma purtroppo poco seguiti) con questo allestimento duro, scarno, decadente. La scenografia è essenziale e a vista, un teatro nel teatro. La decadenza si avverte subito quando la luminosa insegna “Cabaret” cade di botto, sulle prime note di “Wilkommen”, restando così penzolante di lato per tutto lo spettacolo. Nel locale si vedono solo teli sgualciti che fungono da sipario (che in realtà servirà a delineare il confine tra quanto accade nel locale e quanto accade fuori), vecchi tavolini. L’appartamento è essenziale, povero.
Le luci sono minime e non c’è fondale per cui i movimenti di scena ed attrezzisti sono sotto gli occhi di tutti.

Marconi si affida quindi totalmente agli attori per la resa dello spettacolo. E loro accettano la sfida: sono bravissimi, tirando fuori ognuno il meglio di sé, cariche emotive esplosive che portano lo spettatore prepotentemente dentro il Kit Kat Club, le cosce delle ballerine, le stanze e lo sconvolgente finale (che volutamente non racconto). Il tutto solo con la forza del loro talento visto che non possono nascondere eventuali mancanze dietro paillettes, luci, filtri, maschere.

Giampiero Ingrassia è qui la massimo della sua maturità artistica. La mimica facciale, l’intensità degli sguardi, le movenze così come la sua voce calda, passano dallo sberleffo al dramma in una frazione di secondo.

Questo sottolineato dal trucco pesante e sbavato che ricorda il Joker burlone di Jack Nicholson
Ed è l’Ingrassia drammatico che preferisco al pur ottimo Ingrassia brillante del precedente Frankenstein Jr.

Coinvolgente e sorprendente Giulia Ottonello che tiene magistralmente il palco e il pubblico con la sua stupenda voce, qui messa in rilievo da canzoni come “Life is a cabaret” struggente solista davanti ad una cortina rossa, cornice del fallimento del suo sogno di fama e gloria.

Ottima nella parte dell’anziana affittacamere Altea Russo (che anziana non è). Convincente Mauro Simone , sognatore dai piedi ben piantati a terra.

Con loro e con Michele Renzullo, Alessandro di Giulio, Valentina Gullace, Ilaria Suss, Nadia Scherani, Marta Belloni, Andrea Verzicco, Gianluca Pilla.

Una compagnia ben affiatata, molti dei quali reduci da tre anni di Frankenstein Jr, che offre questo titolo e che lascia lo spettatore con tante domande in testa e con tante situazioni in cui riconoscersi.

Chi di noi non ha mai rinunciato all’amore per convenienza o per influenze esterne? Chi di noi non è stato costretto a rinunciare ai propri sogni, alle proprie ambizioni? Quante volte i fatti ci hanno tolto la speranza?

Allora, nel periodo del Nazismo, come adesso. E la cronaca di oggi lo conferma. Sulle prime pagine dei giornali di stamani la notizia dell’accoltellamento di un ebreo a Milano.
La storia, e non solo in questo ultimo caso, purtroppo sempre si ripete. Pare non poterci fare nulla. Cabaret non da speranze. Ma il mondo si. Oggi infatti a Milano c’è il sole.

  • Articoli
Chi sono
Responsabile della Redazione Milano e Autrice La Nouvelle Vague Magazine
Giornalista pubblicista dal 1988 (critico musicale e spettacolo per quotidiani, mensili femminili e musicali), inizia la sua storia professionale come ufficio stampa nel campo della musica e dello spettacolo con uno dei più grandi promoter italiani, Franco Mamone, noto, tra gli altri, per i tour di Springsteen e Sting oltre che per essere stato manager della PFM. Inizia infatti con lui nel 1989 l’attività, tra i pochi consulenti del settore della comunicazione allora in circolazione. Da quel momento collabora con molti promoter italiani per tourneé italiane di cantanti italiani (Ramazzotti, Jovanotti, Carboni, Raf, Antonacci, 883) ed internazioni (U2, Springsteen, Sting, Dire Straits, Paul Mc Cartney, David Bowie, Michael Jackson, Sex Pistols, Cure, Kiss, Metallica, Bob Geldof), festival rock come Sonoria e Gods of Metal ed eventi (per Rai Due si occupa della promozione del Cantagiro 1992 – con Fiorello – e 1993). E’ ufficio stampa di Francesco de Gregori, Enrico Ruggeri, Riccardo Cocciante, Ornella Vanoni, Gino Paoli, Antonello Venditti, Lucio Dalla, Angelo Branduardi, Litfiba. Collabora esternamente con Emi Music Italy, con la quale contribuisce al lancio italiano di Coldplay e Gorillaz e agli album di Robbie Williams, Paul Mc Cartney (con incontro stampa a Milano) ecc.. e con diverse etichette indipendenti. Dal 1990 al 2001 è collaboratrice di Mario Luzzatto Fegiz del Corriere della Sera con il quale firma, per tre stagioni consecutive, il programma di Radio2 Rai “Fegiz Files”. Sempre con Fegiz, oltre a seguire la sua normale attività di critico musicale, lancia le prime collane di musica allegate al quotidiano quali “Cantautori Italiani” e “Musica per Sempre”. Si occupa, sempre per Radio2 de “I concerti dai Magazzini Generali di Milano” per tre stagioni consecutive. Negli ultimi anni ha lavorato sempre come consulente comunicazione, pr, promozione giornali, radio tv anche con importanti tour teatrali come “Notre Dame De Paris” (2003 da diretta tv Rai1 e tour 2004) ,“Tosca Amore Disperato” (tour 2004) “Cirque Du Soleil-Saltimbanco” (2004 Milano e Roma), Joaquin Cortes (2005) Arturo Brachetti “L’uomo dai 1000 volti” (2007). Dal settembre 2009 a gennaio 2013 è ufficio stampa del Teatro degli Arcimboldi di Milano. Nel 2010 ha seguito, sempre come ufficio stampa, le produzioni del Teatro delle Erbe (Divina commedia, Caveman, Christmas show). Ha assunto l’ufficio stampa del tour 2011 del decimo anniversario di “Notre Dame De Paris” e nel 2012 ufficio stampa di “Peter Pan il Musical” per Il Sistina. Nel 2013 è’ ufficio stampa dell’evento “Sensation Source of light” in esclusiva per l’Italia il 13 aprile 2013; di “Siddharta il Musical” e della pièce teatrale “Apnèa” Nel 2014 consulente comunicazione del musical “Spring Awakening”
  • endgame
    ENDGAME – Ricomincio dalla fine

    Vi emozionerete, piangerete sicuramente e vi farete molte domande Così viene lanciato Cabaret (al teatro della Luna di Milano fino al 22 Novembre e poi in tour fino la prossima primavera), il nuovo lavoro della Compagnia della Rancia di Saverio Marconi. E mai così veritiera è uno strillo dell’ufficio stampa, solitamente addetto ad esaltare un […]

  • Musicanti, ovvero chi ha il pane …

    Vi emozionerete, piangerete sicuramente e vi farete molte domande Così viene lanciato Cabaret (al teatro della Luna di Milano fino al 22 Novembre e poi in tour fino la prossima primavera), il nuovo lavoro della Compagnia della Rancia di Saverio Marconi. E mai così veritiera è uno strillo dell’ufficio stampa, solitamente addetto ad esaltare un […]

  • Netflix
    Netflix o non Netflix

    Vi emozionerete, piangerete sicuramente e vi farete molte domande Così viene lanciato Cabaret (al teatro della Luna di Milano fino al 22 Novembre e poi in tour fino la prossima primavera), il nuovo lavoro della Compagnia della Rancia di Saverio Marconi. E mai così veritiera è uno strillo dell’ufficio stampa, solitamente addetto ad esaltare un […]

  • Da Sanremo agli Oscar: il ritorno dei faraoni

    Questo è stato il mio primo pensiero quando questa mattina ho letto la lista dei vincitori degli Oscar 2019 assegnati a Los Angeles questa notte.

  • La polemica della domenica pomeriggio

    Vi emozionerete, piangerete sicuramente e vi farete molte domande Così viene lanciato Cabaret (al teatro della Luna di Milano fino al 22 Novembre e poi in tour fino la prossima primavera), il nuovo lavoro della Compagnia della Rancia di Saverio Marconi. E mai così veritiera è uno strillo dell’ufficio stampa, solitamente addetto ad esaltare un […]

  • Sanremo. Il rito del giorno dopo

    Vi emozionerete, piangerete sicuramente e vi farete molte domande Così viene lanciato Cabaret (al teatro della Luna di Milano fino al 22 Novembre e poi in tour fino la prossima primavera), il nuovo lavoro della Compagnia della Rancia di Saverio Marconi. E mai così veritiera è uno strillo dell’ufficio stampa, solitamente addetto ad esaltare un […]

  • Lo sconosciuto mondo delle Ball

    Sto seguendo con grande interesse una serie appena sbarcata su Netflix italia intitolata “Pose”. Interessante perché descrive un mondo, una realtà, una cultura poco o per nulla conosciuta qui in Italia, la realtà delle ballroom community, in breve Ball.

  • Non ci resta che… ridere

    Vi emozionerete, piangerete sicuramente e vi farete molte domande Così viene lanciato Cabaret (al teatro della Luna di Milano fino al 22 Novembre e poi in tour fino la prossima primavera), il nuovo lavoro della Compagnia della Rancia di Saverio Marconi. E mai così veritiera è uno strillo dell’ufficio stampa, solitamente addetto ad esaltare un […]

  • I ritorni: le polemiche preSanremo, Celentano, True Detective e altre amenità

    Vi emozionerete, piangerete sicuramente e vi farete molte domande Così viene lanciato Cabaret (al teatro della Luna di Milano fino al 22 Novembre e poi in tour fino la prossima primavera), il nuovo lavoro della Compagnia della Rancia di Saverio Marconi. E mai così veritiera è uno strillo dell’ufficio stampa, solitamente addetto ad esaltare un […]

  • Il pretesto della Musica del Diavolo

    Vi emozionerete, piangerete sicuramente e vi farete molte domande Così viene lanciato Cabaret (al teatro della Luna di Milano fino al 22 Novembre e poi in tour fino la prossima primavera), il nuovo lavoro della Compagnia della Rancia di Saverio Marconi. E mai così veritiera è uno strillo dell’ufficio stampa, solitamente addetto ad esaltare un […]

×
Responsabile della Redazione Milano e Autrice La Nouvelle Vague Magazine
Giornalista pubblicista dal 1988 (critico musicale e spettacolo per quotidiani, mensili femminili e musicali), inizia la sua storia professionale come ufficio stampa nel campo della musica e dello spettacolo con uno dei più grandi promoter italiani, Franco Mamone, noto, tra gli altri, per i tour di Springsteen e Sting oltre che per essere stato manager della PFM. Inizia infatti con lui nel 1989 l’attività, tra i pochi consulenti del settore della comunicazione allora in circolazione. Da quel momento collabora con molti promoter italiani per tourneé italiane di cantanti italiani (Ramazzotti, Jovanotti, Carboni, Raf, Antonacci, 883) ed internazioni (U2, Springsteen, Sting, Dire Straits, Paul Mc Cartney, David Bowie, Michael Jackson, Sex Pistols, Cure, Kiss, Metallica, Bob Geldof), festival rock come Sonoria e Gods of Metal ed eventi (per Rai Due si occupa della promozione del Cantagiro 1992 – con Fiorello – e 1993). E’ ufficio stampa di Francesco de Gregori, Enrico Ruggeri, Riccardo Cocciante, Ornella Vanoni, Gino Paoli, Antonello Venditti, Lucio Dalla, Angelo Branduardi, Litfiba. Collabora esternamente con Emi Music Italy, con la quale contribuisce al lancio italiano di Coldplay e Gorillaz e agli album di Robbie Williams, Paul Mc Cartney (con incontro stampa a Milano) ecc.. e con diverse etichette indipendenti. Dal 1990 al 2001 è collaboratrice di Mario Luzzatto Fegiz del Corriere della Sera con il quale firma, per tre stagioni consecutive, il programma di Radio2 Rai “Fegiz Files”. Sempre con Fegiz, oltre a seguire la sua normale attività di critico musicale, lancia le prime collane di musica allegate al quotidiano quali “Cantautori Italiani” e “Musica per Sempre”. Si occupa, sempre per Radio2 de “I concerti dai Magazzini Generali di Milano” per tre stagioni consecutive. Negli ultimi anni ha lavorato sempre come consulente comunicazione, pr, promozione giornali, radio tv anche con importanti tour teatrali come “Notre Dame De Paris” (2003 da diretta tv Rai1 e tour 2004) ,“Tosca Amore Disperato” (tour 2004) “Cirque Du Soleil-Saltimbanco” (2004 Milano e Roma), Joaquin Cortes (2005) Arturo Brachetti “L’uomo dai 1000 volti” (2007). Dal settembre 2009 a gennaio 2013 è ufficio stampa del Teatro degli Arcimboldi di Milano. Nel 2010 ha seguito, sempre come ufficio stampa, le produzioni del Teatro delle Erbe (Divina commedia, Caveman, Christmas show). Ha assunto l’ufficio stampa del tour 2011 del decimo anniversario di “Notre Dame De Paris” e nel 2012 ufficio stampa di “Peter Pan il Musical” per Il Sistina. Nel 2013 è’ ufficio stampa dell’evento “Sensation Source of light” in esclusiva per l’Italia il 13 aprile 2013; di “Siddharta il Musical” e della pièce teatrale “Apnèa” Nel 2014 consulente comunicazione del musical “Spring Awakening”
Latest Posts
  • endgame
  • Netflix

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.