I bei giorni di Aranjuez @ Teatro Stabile Sloveno
Gen 12@20:30–Feb 4@20:30
I bei giorni di Aranjuez @ Teatro Stabile Sloveno | Trieste | Friuli-Venezia Giulia | Italia
20:30
  Il “dialogo” teatrale I BEI GIORNI DI ARANJUEZ dell’autore carinziano Peter Handke aprirà il nuovo anno 2018 nella sala del Ridotto del Teatro Stabile ...
Arriva in Italia il trailer di The Post, l'ultimo lavoro di Steven Spielberg in odore di oscar @ Al Cinema | Italia
21:00
Candidato a 6 Golden Globe: Miglior Film, Miglior Regia, Miglior attrice protagonista (Meryl Streep) Miglior attore protagonista (Tom Hanks) Miglior sceneggiatura, Miglior colonna sonora Regia ...
SETUP CONTEMPORARY A FAIR 2018. La VI edizione torna ad animare con le sue novità l'Art Week bolognese @ Palazzo Pallavicini | Bologna | Emilia-Romagna | Italia
21:00
Art grows here! ecco lo slogan che riassume perfettamente lo spirito di SetUp Contemporary Art Fair. I cambiamenti e le novità di questa VI edizione sono ...
DEBUTTA A MILANO LA PRIMA PRODUZIONE ITALIANA DEL MUSICAL “MARY POPPINS” @ Teatro Nazionale Che Banca! | Milano | Lombardia | Italia
20:30
WEC – World Entertainment Company è lieta di presentare la prima produzione italiana assoluta di “Mary Poppins”. Il musical, originariamente prodotto da Disney Theatrical Productions ...
Feb 24@21:00–23:45
LA CAMBIO IO LA VITA CHE, Patty Pravo in tour @ Teatro La Fenice | Venezia | Veneto | Italia
21:00
  Il Gran Teatro La Fenice di Venezia inizia il nuovo anno con un evento di grande classe e prestigio: Patty Pravo, la diva per ...
Mag 8@11:00–Mag 19@23:00
Cate Blanchett, guiderà la giuria del 71° Festival di Cannes @ Festival di Cannes | Cannes | Provence-Alpes-Côte d'Azur | Francia
11:00
Sono stata a questo festival sotto vari panni: come attrice, come produttrice o come personaggio, sono orgogliosa di tornarci con quest’altra veste.   Cate Blanchett ...
The Chemical Brothers tornano in Italia la prossima estate, domani alle 10 aperte le prevendite @ Rock in Roma | Roma | Lazio | Italia
19:30
The Chemical Brothers tornano in Italia la prossima estate: giovedì 19 luglio si esibiranno al Rock in Roma 2018. I biglietti per il concerto di Roma potranno essere ...

Calendario eventi ultima modifica: 2014-01-26T15:27:37+00:00 da Redazione
Gen
12
ven
I bei giorni di Aranjuez @ Teatro Stabile Sloveno
Gen 12@20:30–Feb 4@20:30
I bei giorni di Aranjuez @ Teatro Stabile Sloveno | Trieste | Friuli-Venezia Giulia | Italia

 

Il “dialogo” teatrale I BEI GIORNI DI ARANJUEZ dell’autore carinziano Peter Handke aprirà il nuovo anno 2018 nella sala del Ridotto del Teatro Stabile Sloveno di Trieste.

Il testo è stato scelto e messo in scena dal coordinatore artistico del TSS Igor Pison, mentre i protagonisti saranno due attori cult della scena teatrale slovena: Nataša Barbara Gračner e Ivo Ban.

Handke ha scelto come sottotitolo e definizione del proprio testo semplicemente “un dialogo estivo”, a voler sottolineare l’indirizzo e lo scopo di questa conversazione tra un uomo e una donna che non aspira allo sviluppo e alla conclusione di una vera e propria vicenda, ma tocca molte storie che possono far parte dell’esperienza di vita di ciascuno.

I protagonisti decidono di trascorrere un pomeriggio di sole parlando d’amore. Quesiti esistenziali e verità si intrecciano come in una filigrana in questo dialogo che diventa una riflessione sui rapporti di coppia. E’ del 2016 l’adattamento cinematografico del testo nella regia di Wim Wenders (presentato anche alla Mostra del Cinema di Venezia). Protagonista nel ruolo della Donna era l’attrice Sophie Semin, compagna nella vita di Peter Handke, alla quale è anche dedicato questo dialogo teatrale, scritto nel 2012 in lingua francese.

Venerdì 12 gennaio andrà in scena a Trieste la prima traduzione in lingua slovena di questo testo, firmata da Štefan Vevar e tratta dal testo in lingua tedesca. Lo spettacolo sarà sovratitolato in italiano.

Il titolo I bei giorni di Aranjuez si riferisce a una citazione dal Don Carlos di Schiller che parla della fine di un’epoca, come del passato parla anche questo dialogo tra un Uomo e una Donna, il loro gioco sottile in un giardino, dove vengono evidenziati ricordi e sentimenti che sono di natura più universale che personale.

Uomo e Donna non hanno infatti un nome, non sono definiti: di loro sappiamo che si conoscono da tempo e che il loro rapporto è abbastanza intimo da permettere a Lei di raccontare a Lui i dettagli delle proprie avventure erotiche. Regole del gioco sono franchezza e sincerità, in un dialogo che non ha un obiettivo prefissato, ma vive nello sviluppo di un incontro intenso e spontaneo.

Il regista Igor Pison ha scritto del contenuto e della forma di questo testo particolare:

Nell’ascolto e nella comprensione di testi poetici lo spettatore di questa società accelerata percepisce una certa pressione, teme di perdere tempo. Ma proprio oggi testi simili sono necessari, per non perdere la nostra umanità.

La messinscena è quindi a suo modo una sfida che si basa sul valore della parola e sul modo di esprimerla attraverso il carisma degli attori. Una sfida accolta da due fuoriclasse come Ivo Ban e Nataša Barbara Gračner.

La Gračner è attrice della compagnia stabile del Teatro nazionale di prosa sloveno Drama di Ljubljana: nella sua carriera ha vinto un gran numero di premi per meriti artistici, tra i quali quattro prestigiosi premi Borštnik. Sono otto invece i premi Borštnik collezionati insieme a molti altri da Ivo Ban, che è stato anche direttore del principale teatro di prosa professionale sloveno, dove ha recitato dal 1975 in poi. Entrambi sono stati anche interpreti di numerose produzioni cinematografiche e televisive.

La regia dello spettacolo che andrà in scena al Teatro Stabile Sloveno è di Igor Pison, che firma anche la scena, mentre i costumi sono di Belinda Radulovič.

La prima in abbonamento seguirà venerdì 12 gennaio e le repliche proseguiranno fino al 4 febbraio a Trieste, mentre la replica goriziana è prevista lunedì 5 febbraio. Tutti gli spettacoli saranno corredati da sovratitoli in italiano.

Le repliche domenicali prevedono anche l’autobus navetta gratuito che collegherà il teatro con le zone limitrofe alla città (in partenza da Muggia, Sistiana e Opicina). Gli spettatori potranno esprimere il proprio parere sullo spettacolo dopo ogni replica, partecipando al premio del Primorski dnevnik.

Peter Handke

I BEI GIORNI DI ARANJUEZ

regia: Igor Pison

traduzione: Štefan Vevar

scene: Igor Pison

costumi: Belinda Radulović

assistente alla regia: Gioia Battista

Con:

UN UOMO Ivo Ban

UNA DONNA Nataša Barbara Gračner

In un corpo e un’anima trascorre il tempo e tutto ciò che conta anela all’eternità

PRIMA E REPLICHE
  • venerdì 12 gennaio, ore 20.30 A1
  • sabato 13 gennaio, ore 20.30 B1
  • giovedì 18 gennaio, ore 20.30 D1
  • venerdì 19 gennaio, ore 20.30 A2
  • sabato 20 gennaio, ore 20.30 B2
  • domenica 21 gennaio, ore 16.00 C1
  • venerdì 2 febbraio, ore 20.30 A3
  • sabato 3 febbraio, ore 19.00 B3
  • domenica 4 febbraio, ore 16.00 C2

Sala Ridotto – con sovratitoli in italiano

I bei giorni di Aranjuez ultima modifica: 2018-01-08T16:05:54+00:00 da Redazione
Feb
1
gio
Arriva in Italia il trailer di The Post, l’ultimo lavoro di Steven Spielberg in odore di oscar @ Al Cinema
Feb 1@21:00–Feb 8@23:30
Arriva in Italia il trailer di The Post, l'ultimo lavoro di Steven Spielberg in odore di oscar @ Al Cinema | Italia

Candidato a 6 Golden Globe:

Miglior Film, Miglior Regia,

Miglior attrice protagonista (Meryl Streep)

Miglior attore protagonista (Tom Hanks)

Miglior sceneggiatura, Miglior colonna sonora

Regia di

STEVEN SPIELBERG

Con

MERYL STREEP

TOM HANKS

un’esclusiva per l’Italia LEONE FILM GROUP

in collaborazione con RAI CINEMA

e

01Distribution

DAL 1 FEBBRAIO AL CINEMA

La trama di The Post

1971: Katharine Graham (Streep) è la prima donna alla guida del The Washington Post in una società dove il potere è di norma maschile, Ben Bradlee (Hanks) è lo scostante e testardo direttore del suo giornale.

Nonostante Kay e Ben siano molto diversi, l’indagine che intraprendono e il loro coraggio provocheranno la prima grande scossa nella storia dell’informazione con una fuga di notizie senza precedenti, svelando al mondo intero la massiccia copertura di segreti governativi riguardanti la Guerra in Vietnam durata per decenni.

 La lotta contro le istituzioni per garantire la libertà di informazione e di stampa è il cuore del film, dove la scelta morale, l’etica professionale e il rischio di perdere tutto si alternano in un potente thriller politico.
I due metteranno a rischio la loro carriera e la loro stessa libertà nell’intento di portare pubblicamente alla luce ciò che quattro Presidenti hanno nascosto e insabbiato per anni.

Per la prima volta nella sua lunga carriera Steven Spielberg dirige in The Post la coppia premio Oscar Meryl Streep e Tom Hanks, con una sceneggiatura scritta da Liz Hannah e Josh Singer.

Nel cast Alison Brie, Carrie Coon, David Cross, Bruce Greenwood, Tracy Letts, Bob Odenkirk, Sarah Paulson, Jesse Plemons, Matthew Rhys, Michael Stuhlbarg, Bradley Whitford e Zach Woods.

Arriva in Italia il trailer di The Post, l’ultimo lavoro di Steven Spielberg in odore di oscar ultima modifica: 2017-12-14T18:32:14+00:00 da Redazione
SETUP CONTEMPORARY A FAIR 2018. La VI edizione torna ad animare con le sue novità l’Art Week bolognese @ Palazzo Pallavicini
Feb 1@21:00–Feb 4@22:00

Art grows here! ecco lo slogan che riassume perfettamente lo spirito di SetUp Contemporary Art Fair.

I cambiamenti e le novità di questa VI edizione sono il risultato di cinque anni di continue evoluzioni e innovazioni.

SetUp predispone le basi per il cambiamento, rinnovandosi di anno in anno, ma, al contempo, mantiene viva e attuale la sua identità. La sua mission, infatti, è offrire nuovi orizzonti interessanti, promuovere gallerie che investono su artisti emergenti, far crescere una nuova generazione di collezionisti. In altre parole, l’obiettivo è innescare un cortocircuito virtuoso tra economia e cultura, offrendo un luogo di incontro e di scambio per esperti e appassionati di arte contemporanea.

Questo è un intento molto caro a SetUp e la volontà è di perseguirlo in un’ottica di valorizzazione del territorio fatta attraverso l’arte contemporanea come strumento di partecipazione.

NUOVA SEDE

Per la sua sesta edizione, SetUp Contemporary Art Fair ha scelto di rinnovarsi, scegliendo come nuova sede Palazzo Pallavicini, dimora di origine rinascimentale nel cuore della Bologna antica, e confermando, così, il suo carattere eccezionale, da sempre all’avanguardia e in controtendenza rispetto alle altre manifestazioni fieristiche.
Palazzo Pallavicini è un edificio sontuoso, fu la sede di un’importante corte europea, una vera e propria reggia, cornice di feste, banchetti, concerti, che ha visto il passaggio di importanti personaggi storici: la principessa Maria Carolina D’Asburgo nel 1768, l’imperatore d’Austria Giuseppe II nel 1769 e un giovane Wolfgang Amadeus Mozart che si esibì nella splendida “Sala della Musica” il 26 Marzo 1770.

La sua struttura maestosa sarà la splendida cornice in cui si svolgerà SetUp 2018: il contemporaneo si unirà al passato, proiettandosi direttamente verso futuro, creando un connubio di sensi e percezioni intriganti per i visitatori.

Le tredici stanze della sede accoglieranno 39 espositori, di cui 34 gallerie d’arte e 5 fra case editrici, fondazioni e altre realtà che supportano la cultura e l’arte in Italia e che avranno uno spazio dedicato interamente a loro. La riduzione del numero di espositori è una scelta mirata ad aumentare il livello qualitativo delle proposte espositive.

SetUp

SETUP2018 under35 MAC Florencio de la Fluente Carla Andrade Paths To Land 2012

TEMA

Il tema che guiderà SetUp 2018 è l’attesa, e va a completare, dopo i leitmotiv delle passate due edizioni orientamento ed equilibrio, una trilogia tematica che ha chiesto notevole audacia e coraggio agli organizzatori, trovando compimento assoluto nel divenire dell’idea e della riflessione come atto di fiducia per il domani.

“Il presente del passato è la memoria,
il presente del presente è la visione,
il presente del futuro è l’attesa”

Sant’Agostino

Proprio queste parole di Sant’Agostino sono esemplificative per rappresentare gli intenti di SetUp Contemporary Art Fair che, fin dalla sua nascita, ha creduto nella forza propulsiva del domani per poter esistere e realizzarsi.

Già dal significato della parola setup, ovvero “predisporre le basi per il cambiamento”, si evince, infatti, la volontà di tendere al futuro, con lo sguardo proattivo verso il sentire ed il fare delle nuove giovani leve creative.

Su questi presupposti, la fiera ha chiesto agli espositori di presentare un progetto curatoriale in cui la visione del presente sia un’indagine dell’attesa da cogliere come proiezione temporale e spaziale in cui qualcosa prende forma definendo così gli scenari delle “aspettative” economiche, sociali, politiche, delle relazioni, geografiche, ma anche fisiche, tecnologiche, formali e di identità che aprono la lettura del futuro attraverso l’arte.

Attesa, quindi, non concepita come un momento in cui bisogna far passare il tempo, ma come momento in cui ci si protende oltre il tempo e si crea il presupposto emotivo e di azione per delineare il futuro.

Il progetto dovrà essere presentato, come di consueto, sulla base dell’intramontabile format che richiede l’interazione delle tre figure chiave del sistema dell’arte contemporanea: artista, curatore-critico, gallerista. Anche quest’anno, i galleristi sono stati invitati a presentare un progetto curatoriale di almeno un artista under 35, illustrato da un testo critico di un curatore under 35.

 

SETUP CONTEMPORARY A FAIR 2018. La VI edizione torna ad animare con le sue novità l’Art Week bolognese ultima modifica: 2018-01-18T13:47:15+00:00 da Redazione
Feb
13
mar
DEBUTTA A MILANO LA PRIMA PRODUZIONE ITALIANA DEL MUSICAL “MARY POPPINS” @ Teatro Nazionale Che Banca!
Feb 13@20:30–23:15

WEC – World Entertainment Company è lieta di presentare la prima produzione italiana assoluta di “Mary Poppins”. Il musical, originariamente prodotto da Disney Theatrical Productions e Cameron Mackintosh, andrà in scena per la prima volta in Italia e in lingua italiana, con una grande orchestra dal vivo al Teatro Nazionale Che Banca! dal 13 febbraio 2018.

Mary PoppinsLa magica storia della tata più celebre del mondo sbarca finalmente a Milano in uno show fatto di incredibili effetti e coinvolgenti coreografie, ma soprattutto canzoni indimenticabili come “Supercalifragilistichespiralidoso”, “Cam caminì”, “Com’e’ bello passeggiar con Mary” e “Un poco di zucchero”.

La versione teatrale di Mary Poppins è un riadattamento dei meravigliosi racconti di P.L. Travers e dell’amato film di Walt Disney con Julie Andrews del 1964 che vinse ben 5 Oscar e che avrà un suo sequel nel 2018.  Il musical è stato co-creato da Cameron Mackintosh  con un libretto firmato da Julian Fellowes (Oscar® per “Gosford Park” e creatore di “Downton Abbey”). Mary Poppins ha un’indimenticabile colonna sonora di Richard M. Sherman e Robert B. Sherman con nuovi brani e testi aggiunti per la trasposizione teatrale dai compositori George Stiles e Anthony Drewe (entrambi vincitori dell’Olivier Award).

Mary Poppins è prodotto da Thomas Schumacher per Disney Theatrical Productions, la divisione di Disney che ha portato a teatro i grandi classici “The Beauty and The Beast”, “The Lion King” e “Aladdin”, e da Cameron Mackintosh, produttore inglese noto per spettacoli come “Cats”, “The Phantom of The Opera” e “Les Misérables”.

Disney Theatrical Productions e Cameron Mackintosh supervisioneranno ogni aspetto anche di questa versione italiana del musical.

La produzione italiana dello spettacolo è curata da un consolidato team di creativi, riconosciuto e apprezzato anche nel West End, fra i quali il regista Federico Bellone (“Newsies” della Disney, “Dirty Dancing” in l’Inghilterra, “A Qualcuno Piace Caldo”), il supervisore musicale Simone Manfredini (“The Lion King” e “Les Misérables” nel West End, “Newsies” della Disney) e la coreografa Gillian Bruce (“Newsies” della Disney, “Frankestein Jr.” “La Vedova Allegra” per il Teatro alla Scala).

La produzione italiana dello show è di WEC – World Entertainment Company, nota società di spettacolo italiana che ha già prodotto il musical “Newsies” e presentato in Italia show internazionali come “Cats”, “Parsons Dance”, “Il Lago dei Cigni on Ice”, “Matthew Bourne’s Sleeping Beauty”.

La produzione originale di “Mary Poppins” ha debuttato nel West End nel 2004 e a Broadway nel 2006. Lo show è andato in scena anche in Australia e Nuova Zelanda e una versione tour ha girato negli Stati Uniti e in Gran Bretagna. Lo spettacolo è stato visto da più di 11 milioni di persone.

La versione italiana dello show avrà un numeroso cast selezionato con un’audizione nazionale, una grande orchestra dal vivo, straordinarie coreografie, spettacolari cambi scena, costumi suntuosi e incredibili effetti speciali.

 

Prezzi :

 

biglietti per martedì, mercoledì, giovedì, domenica sera
– poltronissima € 47 + diritto di prevendita
– poltrona e prima galleria € 42 + diritto di prevendita
– seconda galleria € 33 + diritto di prevendita

biglietti venerdì, sabato pomeriggio, sabato sera e domenica pomeriggio

– poltronissima € 51 + diritto di prevendita
– poltrona e prima galleria € 46 + diritto di prevendita
– seconda galleria € 39 + diritto di prevendita

Disponibili biglietti a prezzo speciale Family Pack per famiglie.

[amazon_link asins=’B078GZ1HLX,B01MXIBITX,B01MTLQPCA,B01LYLH8CU’ template=’ProductCarousel’ store=’lanouvagmag00-21′ marketplace=’IT’ link_id=’24406580-f15a-11e7-ac39-f1e14c9a73cf’]

 

 

fonte foto
Ufficio Stampa Mary Poppins

Copertina: Pg Ufficiale Evento

 

DEBUTTA A MILANO LA PRIMA PRODUZIONE ITALIANA DEL MUSICAL “MARY POPPINS” ultima modifica: 2018-01-04T14:30:58+00:00 da Redazione
Feb
24
sab
LA CAMBIO IO LA VITA CHE, Patty Pravo in tour @ Teatro La Fenice
Feb 24@21:00–23:45
LA CAMBIO IO LA VITA CHE, Patty Pravo in tour @ Teatro La Fenice | Venezia | Veneto | Italia

 

Il Gran Teatro La Fenice di Venezia inizia il nuovo anno con un evento di grande classe e prestigio: Patty Pravo, la diva per eccellenza della musica italiana, in un concerto-evento con la Gaga Symphony Orchestra e con la sua rock band: “…La cambio io la vita che”, sabato 24 febbraio alle 21.00, unica data per il Triveneto. Un racconto in musica per celebrare oltre 50 anni di successi.

La prima parte del concerto, accompagnata dall’Orchestra, si ispirerà al repertorio francese di Patty Pravo, la seconda sarà un viaggio nei suoi successi, da La bambola a Ragazzo triste, passando per Il Paradiso, Se perdo te, fino ai più recenti L’immenso, Unisono, Il vento e le rose, accompagnata dalla sua band rock.

La cambio io la vita che Tour 2018 prende il nome da alcuni versi dalla canzone E dimmi che non vuoi morire firmata da Vasco Rossi e Gaetano Curreri. Un progetto elegante e sensuale, come nello stile di Patty Pravo, che proprio nell’esecuzione orchestrale sembra dare sostanza a un suo sogno da adolescente:

Fino ai quindici anni ero convinta che sarei diventata direttrice d’orchestra, al limite una pianista

ha dichiarato recentemente. L’autoritratto intimo e sincero di una donna imprevedibile, sempre pronta a ricominciare, a innovare e a rinnovarsi, senza che il tempo le passi addosso.

L’avventura artistica di Nicoletta Strambelli (il suo vero nome) inizia da Venezia negli anni ’60 e proprio da Venezia parte con questo omaggio a se stessa, e va alla ricerca di Patty, la donna che diventerà una stella della musica italiana.

Patty il successo planetario

Un talento multiforme: ha cantato in otto lingue, con decine di successi planetari. È una dei 7 cantanti italiani che ha superato il tetto dei cento milioni di copie vendute: basti pensare che il singolo La bambola ha venduto da solo, nelle sue multiple versioni, 40 milioni di copie, risultando una delle canzoni italiane più famose anche all’estero.

Su nove partecipazioni al Festival di Sanremo è arrivata otto volte in finale, ottenendo inoltre numerosi premi speciali, tra cui quattro premi della critica, che si aggiungono ad altri prestigiosi riconoscimenti nazionali ed internazionali.

Una personalità esplosiva, spesso in anticipo sui tempi e sule mode, capace di attrarre poeti come Ezra Pound, Léo Ferré e Vinícius de Moraes, artisti come Lucio Fontana, Tano Festa e Mario Schifano, musicisti come Mick Jagger, Jimi Hendrix e Robert Plant.

La sua storia, iniziata nei favolosi anni Sessanta che scalpitavano di libertà e anarchia, gli anni del più clamoroso rinnovamento generazionale del secolo scorso, attraversa il Novecento fino ai giorni nostri. E svela il misterioso rapporto tra Patty e Nicoletta, tra il personaggio e la donna, tra la vita sotto i riflettori e la vita, semplicemente.

 

Biglietti per “…La cambio io la vita che”

Platea € 78,00 + d.p.
Palco Centrale 1, 2 e 3 fila parapetto e non parapetto € 65,00 + d.p.
Palco Laterale 1, 2 e 3 fila parapetto € 52,00 + d.p.
Galleria e Loggione € 35,00 + d.p.

Prevendite

Biglietteria Teatro La Fenice, tutti i giorni dalle ore 10 alle ore 17
Punti Vendita Venezia Unica
Punti Vendita Ticketone

Vendita on line
www.veneziaunica.it – www.ticketone.it

Vendita telefonica
Call Center Venezia Unica +39 0412424 Call Center Ticketone +39 892101

LA CAMBIO IO LA VITA CHE, Patty Pravo in tour ultima modifica: 2018-01-08T15:37:52+00:00 da Redazione
Mag
8
mar
Cate Blanchett, guiderà la giuria del 71° Festival di Cannes @ Festival di Cannes
Mag 8@11:00–Mag 19@23:00
Cate Blanchett, guiderà la giuria del 71° Festival di Cannes @ Festival di Cannes | Cannes | Provence-Alpes-Côte d'Azur | Francia

Sono stata a questo festival sotto vari panni: come attrice, come produttrice o come personaggio, sono orgogliosa di tornarci con quest’altra veste.

 

Cate Blanchett succede a Pedro Almodóvar, al timone di presidente della giuria della 70a edizione, la cui giuria aveva assegnato la Palma d’oro a The Square dal regista svedese Ruben Östlund.

Pierre Lescure, Presidente del Festival di Cannes e Thierry Frémaux, Delegato Generale, hanno dichiarato:

Siamo lieti di accogliere un artista dal talento così raro e unico,  i cui ideali arricchiscono sia lo schermo che il palcoscenico. Pensiamo a lei come ad una Presidente impegnata, una donna appassionata e uno spettatrice dal cuore grande

Cate Blanchett è una delle attrici più apprezzate dal pubblico e dai registi. In grado di passare dalle produzioni indipendente a quelle più sontuose, appare nei titoli di coda di tutti i notevoli cinema contemporanei in lingua inglese:  la trilogia di Peter Jackson The Lord of the Rings (in Italia Il signore degli anelli), Benjamin Button di David Fincher, Babel di Alejandro González Iñárritu, The Life Aquatic (in Italia Le avventure acquatiche di Steve Zissou) di Wes Anderson, The Good German (in Italia Intrigo a Berlino) di Steven Soderbergh, Coffee and Cigarettes (almeno questo non lo hanno tradotto!) di Jim Jarmusch.

A questo elenco bisogna aggiungere altri nomi come quello Steven Spielberg, di Terrence Malick, di Sally Potter, Ridley Scott, Woody Allen e Todd Haynes.

Quando non è sullo schermo, Cate Blanchett si dedica al teatro. Accanto al suo socio produttore Andrew Upton, è stata CEO e co-Artistic Director della Sydney Theatre Company dal 2008 al 2013. La Blanchett ha vinto diversi premi per i suoi lavori  nei teatri di New York, Washington, Londra, Parigi (si è esibita in Jean Genêt’s The Maids al fianco di Isabelle Huppert, presidente della giuria nel 2009) e anche a Sydney, naturalmente, dove è cresciuta nella produzione di A Utrman di Un tram chiamato desiderio.

Cate Blanchett è anche Ambasciatrice presso l’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati, dove si concentra sui problemi dell’apolidia per i rifugiati in tutto il mondo.

Il Festival de Cannes 2018 si svolgerà dall’8 al 19 maggio e, eccezionalmente, aprirà il martedì e terminerà il sabato.

[amazon_link asins=’B00QQWVZTG,B078M8KRG6,B073DL7J3H,B077KRG26X’ template=’ProductCarousel’ store=’lanouvagmag00-21′ marketplace=’IT’ link_id=’85c6a08a-f164-11e7-8ce3-cf4c57effd3c’]

 

Cate Blanchett, guiderà la giuria del 71° Festival di Cannes ultima modifica: 2018-01-04T16:34:58+00:00 da Redazione
Lug
19
gio
The Chemical Brothers tornano in Italia la prossima estate, domani alle 10 aperte le prevendite @ Rock in Roma
Lug 19@19:30–23:30
The Chemical Brothers tornano in Italia la prossima estate, domani alle 10 aperte le prevendite @ Rock in Roma  | Roma | Lazio | Italia

The Chemical Brothers tornano in Italia la prossima estate: giovedì 19 luglio si esibiranno al Rock in Roma 2018.

I biglietti per il concerto di Roma potranno essere acquistati online dalle ore 10 di domani, martedi 19 dicembre su Ticketone.it e RockInRoma.com; i biglietti saranno in vendita anche nei punti vendita TicketoneVivaticketETES e BoxOffice Lazio, dalle ore 10 di domani, martedi 19 dicembre. Diffidate dai circuiti di vendita non ufficiali.

Il duo composto da Tom Rowlands e Ed Simons, tra gli alfieri dell’elettronica d’Oltremanica insieme ai Prodigy, si è imposto all’attenzione di pubblico e critica grazie ai live pulsanti e alle sonorità sempre innovative: ogni spettacolo è un’esperienza unica pensata ad hoc in ogni minimo dettaglio.

Il loro stile inconfondibile affonda le radici nella musica elettronica, spaziando nel big beat, nel trip hop e perfino nella techno: ne sono un esempio i brani ormai culto Hey Boy Hey Girl, Galvanize, Do It Again, che fanno ballare il pubblico sin dai primi anni Novanta.

L’ultimo lavoro è Born In The Echoes, uscito per Virgin EMI.

 

ARTISTI GIA’ ANNUNCIATI:
19 LUGLIO 2018
  • THE CHEMICAL BROTHERS – Ippodromo delle Capannelle
20 GIUGNO 2018
  • THE KILLERS – Ippodromo delle Capannelle
26 GIUGNO 2018
  • PARKWAY DRIVE + Thy Art Is Murder + Emmure – Ippodromo delle Capannelle
3 LUGLIO 2018
  • MACKLEMORE – Ippodromo delle Capannelle
7 LUGLIO 2018
  • COEZ – Ippodromo delle Capannelle
8 LUGLIO 2018
  • THE HOLLYWOOD VAMPIRES – Ippodromo delle Capannelle
14 LUGLIO 2018
  • ROGER WATERS – Circo Massimo
The Chemical Brothers tornano in Italia la prossima estate, domani alle 10 aperte le prevendite ultima modifica: 2017-12-18T16:12:11+00:00 da Redazione