Càmbiale. Ogni elemento è utile per divertire.

836

Suoni, ritmi, elementi scenici. Poesia, leggerezza, spirito retrò. Corpo, voce, sospiri, respiri. Un connubio che conduce all’anima per ascoltare equilibri e muscoli del nostro fisico.

Rassegna Battiti. Dal 12 al 22 novembre. Segno distintivo del Teatro Furio Camillo, alla terza edizione.

Come ogni anno l’attenzione al corpo, allo spirito, alla mente e all’anima si concentrata sul fisico, sull’acrobatica e sul sentimento naif che contraddistingue la poetica degli spettacoli. L’arte circense è dunque protagonista. Si alterneranno sul palco compagnie italiane e straniere le quali racconteranno realtà sceniche contemporanee.

Càmbiale, in scena il 13 novembre, è stato un esempio sobrio e dal sapore retrò. I due protagonisti de la Compagnia FourHands Circus hanno delineato un quadro delicato composto di suoni e rumori con i quali si gioca, grazie all’uso degli elementi scenici. Le musiche si sono unite alla performance senza alcuna sbavatura.

Uno studio ove un interno caldo e un esterno piovoso convergono. Si impara, poi, a interagire. Due figure si conoscono per sbaglio e, entrando in contatto, corpo e respiro, voce e sospiri, creano un tono malinconico e divertente in stile clownistico.

Oltre che insieme, si è anche soli. Si vivono trapezio e stoffe evidenziando padronanza del corpo e consapevolezza dei movimenti, essendo ben attenti ai tempi di caduta e agli equilibri. Più affascinante la figura di lei sul trapezio, che, con morbidezza, lo sente suo e si sente sicura.

I corpi entrano in contatto. I ricordi riaffiorano. Fotografie sparse, ombrelli, palline, pezzette per pulire sono l’insieme che rende lo spettacolo fruibile anche ai bambini, perché semplice e di facile lettura.

Càmbiale, forse, non è una delle esibizioni più eclatanti alle quali abbiamo assistito al Furio Camillo, ma rimane pur sempre un dettaglio importante per comprendere la sperimentazione del corpo, fluido e leggiadro, del lavoro che c’è dietro per arrivare al pubblico, e soprattutto quanto l’immersione nell’ascoltarsi sia magica.

E quanto il dono della parola sia pregiato e da non sottovalutare.

Introduzione alla rassegna Battiti una mostra che accompagna il percorso degli artisti tra clave, cerchi e trapezio. I loro movimenti esposti grazie alla maestria delle foto del CSF Adams di Roma che catturano l’occhio dello spettatore e dove, soprattutto, quelle in bianco e nero risultano essere atmosferiche e più efficaci e intense.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.