Chiara Civello & Salerno Jazz Orchestra. La scoperta di un talento

1012

Chiara Civello.Un quadro rosso. Una figura sinuosa che oltre che esplodere nella sua arte canora sfoggia una sensualità e una passione inconfondibili. Passato e presente si intrecciano per incantare e essere invitati a schioccare le dita per accompagnare l’orchestra e l’artista.

Chiara Civello
Chiara Civello

Il jazz. Una forma musicale apparentemente chiassosa e imperfetta e non sempre di facile comprensione. Nato a New Orleans nel XX secolo, è un genere musicale popolare che si è sviluppato tra il 1915 e il 1940, identificandosi come musica d’arte tipicamente afroamericana. Si evolve grazie agli africani deportati e schiavizzati negli Stati Uniti i quali cantavano per rendere più leggero il lavoro nei campi.

Dal ’30 al ’40 viene considerato musica da ballo dominante e i brani delle big band furono ai primi posti delle classifiche. Successivamente l’attenzione del pubblico statunitense verso questo genere si assottiglia, ma il jazz ha richiami in Europa e nel resto del mondo. Tendenza che inizia con il movimento bebop nel ’45, raggiungendo l’apice negli anni ’60 con il free jazz e guidando i musicisti a  un’emancipazione totale e versatile.

Negli anni ’80 la generazione di giovani musici infonde nuova vita grazie all’introduzione di diverse tendenze. Nascono scuole di jazz europeo, stile main-stream, e altre contaminazioni confluiscono nel fusion, nell’acid jazz per attingere a tradizioni musicali etniche verso la world music.

Ancor oggi il jazz è considerato una musica alta, particolare da ascoltare e da seguire. Molti artisti sono influenzati dalla corrente jazzistica e se ne scoprono di nuovi. Chiara Civello è una delle protagoniste.

Esordisce nel 2005 con il suo primo album Last Quarter Moon – Verve Records, etichetta americana. Attualmente ha 5 album e 11 singoli pubblicati. Vince il Premio Multishow nel 2012 per la miglior canzone dell’anno, Problemi, colonna sonora di una telenovela brasiliana. Nei suoi brani è solita suonare chitarra e pianoforte con incredibile trasporto.

Abbiamo avuto il piacere di assistere, per la prima volta, a uno dei suoi concerti. Una performance gradevole e piena di ritmo all’interno della Sala Sinopoli, Auditorium Parco della Musica. Il 10 dicembre clamore e energia sono stati connessione elettrica alla vita musicale.

La cantautrice, accompagnata dalla Salerno Jazz Orchestra, si è esibita in It’s Wonderful. Il progetto Canzoni è un riadattamento di brani famosi, sia italiani che stranieri, da parte della stessa orchestra. Creata nel 2007 è diretta dal M. Stefano Giuliano e composta di 20 elementi. Promuove il jazz campano a livello nazionale conferendole collaborazioni con artisti famosi.

Una scaletta incentrata soprattutto sui nuovi lavori ove presente e passato si intrecciano per incantare. La voce calda e profonda di Chiara Civello, adattabile, fa davvero immergere dentro note ritrovate e rielaborate, atmosfere cariche di melodie sinuose e ardenti.

Contaminazioni sonore protagoniste si sono appropriate di noi, avvolgendoci nel jazz, nel ritmo brasiliano riecheggiando la colonna sonora del film Metti una sera a cena, nel blues e nel ritmo spagnolo di Que me importa el mundo, traduzione di Che mi importa del mondo.

Con Resta, E se e A me non devi dire mai, l’artista si immerge in se stessa. Momenti in cui l’amore viene espresso in modo intimo e sentito. Chitarra, pianoforte e voce, luci rosse come sfondo, sono un trittico affascinante. Le parole si confondono nonostante l’impeto chiaro e percettibile in E se. Calma, stupore, inganno d’amore, sono emozioni grandi e dolci le quali evocano malinconia.

Vasco Rossi – Va bene così, è stato completamente spogliato della sua immagine rock. In chiave jazz entra in un altro mondo. Azione e ritmo denotano la sensualità dei movimenti della Civello trasformandosi in dimensioni frizzanti. Fever, Via con me, Incatevole, Con una rosa, When I fall in love esprimono ritmi vitali e invitanti al ballo.

L’espressione jazzistica vive nel brano strumentale iniziale e in Fever. Gli ottoni si forgiano della loro arte. Trombe, Sergio Vitale, Nicola Coppola, Gianfranco Campagnoli, Corrado Pinto, tromboni, Raffaele Carotenuto, Alessandro Tedesco, Aniello Sessa, Antonio Di Somma, e saxes, Stefano Giuliano, Giusi Di Giuseppe, Giuseppe Plaitano, Tony Panico, Giuseppe Esposito.

Tutti invitati a schioccare le dita in sala si segue il ritmo. Ognuno con il suo strumento suona il suo pezzo. E’ un caos? No, è il jazz. Momenti sonori indimenticabili che tracciano la professionalità dell’orchestra. Insieme, poi, riprendono la melodia comune per terminare il pezzo.

Al piano, Marco De Gennaro, al contrabbasso, Domenico Andria, e alla batteria, Sergio Di Natale.

Il retrò lo abbiamo assaporato con il brano Veleno. Emblema anni ’50, con le ospiti Ladyvette, che hanno donato un salto nel passato e nell’eleganza di quei tempi.

Una versatilità che definisce un’artista e l’amore per il suo mestiere, ciò di cui ha saputo circondarsi, frequentando scuole professionali e entrando nel firmamento dei nuovi songwriter internazionali.

Potremmo definire la cantautrice un animale da palcoscenico che con sorriso, gioia, amore e gratitudine dona ogni singolo sorriso al mondo grazie alle sue capacità canore, alla sua felicità di fronte la vita e al suo pubblico.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.