Dopo i libri di storia rispolveriamo quelli di filosofia e diamo un’occhiata ad alcuni film che hanno provato in due ore a rispondere alla domanda che il pensiero umano si pone da duemilacinquecento anni: qual è il significato della vita?

significato della vita

Guida Galattica per gli autostoppisti (2005)

Quarantadue. Possiamo terminare la nostra ricerca, abbiamo trovato la risposta a tutto quanto: quarantadue. Se non capite a cosa mi sto riferendo è perché non siete mia venuti a contatto con il capolavoro di fantascienza e comicità nonsense che sono i romanzi di Douglas Adams (ci manchi ogni giorno, Douglas).

Dalla sua saga culto sono stati tratti infiniti adattamenti, tra cui questo film con Martin Freeman e Zooey Deschanel. In breve: una specie aliena intelligentissima costruisce un computer per trovare la risposta alla vita, l’universo e tutte le cose, rimanendo però scioccanti una volta scoperta la sentenza calcolata dal computer: quarantadue.

Il punto è che non si può comprendere la risposta fino a quando non si trova la domanda. Guida Galattica è ciò che ottieni quando fai scontrare lo humour inglese con il fastidiosissimo battibeccare degli umani sulla vita, ed è tanto delirante quanto divertente.

Perché vederlo: è un classico moderno. E poi le password di metà dei nerd sul pianeta hanno qualcosa a che fare con il quarantadue, aprirete ogni account.

 

significato della vitaThe Tree of Life (2011)

Terrence Malick ha insegnato filosofia. È sempre utile ricordare questo fatto prima di gettarsi nella visione di uno dei suoi film. E d’altronde Malick è conosciuto per tre cose: la sua riservatezza, la sua meticolosità maniacale e la filosofia, che permea ogni cosa nelle sue pellicole.

E infatti nel divisivo The Tree of Life – con Brad Pitt, Jessica Chastain e Sean Penn – tutto inizia con una citazione di Tommaso D’Aquino, ma nel corso del film i laureandi di filosofia potranno divertirsi a trovare citazioni sparsi a molti altri autori.

Questa volta Malick prova a indagare il senso della vita partendo però da una storia semplice – di gusto molto autobiografico – raccontando le vicende di una famiglia nel Texas degli anni ’50.

Alla quotidianità del racconto e a vicende più o meno importanti che investono i personaggi, vengono poi contrapposte immagini che descrivono l’universo, la natura incontaminata e quella selvaggia. Al racconto del singolo quindi, dell’individuo visto attraverso il tempo, viene messa in relazione la vastità del tutto, in un confronto tra individuo e cosmo, tra finito e infinito che attraversa un po’ tutta la filosofia.

Perché vederlo: al di là delle pretese (più o meno riuscite) di narrazione universale, è un film con una brillante regia, un’intelligente sceneggiatura e delle fantastiche interpretazioni.

significato della vitaIl senso della vita (1983)

Ah, i Monty Python. A volte mi viene da domandarmi cosa succederebbe se qualcuno provasse a produrre un film come questo oggi, se uno scenggiatore descrivesse a un produttore i primi deliranti quindici minuti di questa pellicola.

Un altro cult della comicità inglese, che ha visto tra gli altri anche la collaborazione di Douglas Adams; nonostante non sia il lavoro a cui i Monty Python erano più affezionati, o quello che sia riuscito come l’avevano immaginato, è indubbio che sia quello che più è rimasto nella pop culture e nell’immaginario collettivo.

Scene iconiche che ancora oggi sono citate e riprese, e che più che regalarci il senso della vita, ce ne restituiscono il caos. Per i sensibili, avvertenza: ci sono vomito e sbudellamenti.

Perché vederlo: perché sono i Monty Phyton, quasi quattro decadi dopo fanno ancora ridere.

significato della vitaA Serious Man (2009)

I film dei fratelli Coen sono come le cipolle di Shrek: pieni di strati. Ma invece di annoiarci con le possibili letture, affrontiamo quella più ovvia. Perché se Dio è bene esiste il male? Perché se Dio è giustizia esiste l’ingiustizia? Dai presocratici a Nietzsche potete fermarvi in un punto a caso della storia del pensiero occidentale e troverete sicuramente un filosofo/poeta/scrittore che sta sbattendo la testa contro quest’unico problema.

I fratelli Coen decidono invece di affrontare la questione riprendendo la parabola di Giobbe. Larry infatti – interpretato da uno stupendo Micheal Stuhlbarg – proprio come il personaggio biblico, è un uomo giusto a cui però sembrano capitare solo ingiustizie. Mentre la vita di Larry pare crollare pezzo a pezzo, l’uomo si rivolge a una serie di rabbini per cercare di capire perché Dio lo stia punendo.

Raccontata in questo modo potrebbe sembrare una tragedia shakespeariana, ma questi sono i fratelli Coen, quindi tutto è visto attraverso la lente del loro umorismo nero.

Perché vederlo: i dialoghi dei Coen pronunciati con le capacità recitative di Stuhlbarg. E poi la parabola dei denti del non ebreo: dieci dei minuti più geniali del cinema moderno.

significato della vitaUn piccione seduto su un ramo riflette sull’esistenza (2014)

L’ultimo della trilogia che Roy Andersson ha dedicato al tema esistenziale è anche il più conosciuto, vincitore del Leone d’oro nel 2014.

Prima avvertenza: è un film senza una vera e propria trama orizzontale, ma è piuttosto un collage di molti piccoli quadretti. Seconda avvertenza: il linguaggio di Andersson, dai dialoghi ai movimenti di macchina (che in questo film non esistono) fino allo spazio fisico che occupano i personaggi è un linguaggio nonsense, qualcosa a cui i nostri cervelli abituati al classico linguaggio filmico possano reagire con gradi di fastidio che variano dalla noia al disagio.

Terza avvertenza: considerate le prime due avvertenze, non aspettativi che il film esista su un piano narrativo ma uno completamente metaforico. Prendetelo come una raccolta di aforismi.

Perché vederlo: è un trip di acidi senza bisogno degli acidi.

  • Articoli
Chi sono
Nata a Reggio Calabria nel 1997, durante l’infanzia si trasferisce a Trieste dove tuttora vive. Cresciuta in una famiglia nerd, è da sempre appassionata di scrittura e narrativa. Spera un giorno di poter sfruttare la sua abilità di citare Cyrano a memoria. Guarda troppa tv. Nel tempo libero studia scienze dell’educazione.
×
Nata a Reggio Calabria nel 1997, durante l’infanzia si trasferisce a Trieste dove tuttora vive. Cresciuta in una famiglia nerd, è da sempre appassionata di scrittura e narrativa. Spera un giorno di poter sfruttare la sua abilità di citare Cyrano a memoria. Guarda troppa tv. Nel tempo libero studia scienze dell’educazione.
Latest Posts

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.