Cinque dollari per un’illusione. Dignità autonome di Prostituzione.

Prostitute, gigolò, maitresse, e un amministratore pappone compiacente e compiaciuto. Cinque “dollarini” in dotazione.

Va in scena il lavoro più vecchio del mondo, la Prostituzione ma qui non si vende banalmente il proprio corpo per soddisfare gli istinti più bassi e beceri dell’essere umano, qui si vende altro. Cosa? A te o caro pubblico il piacere della scoperta.

Dignità Autonome di Prostituzione, di e con Luciano Melchionna, in scena al teatro Brancaccio in Roma fino all’8 ottobre sorprende per potenza, innovazione, ironia e soprattutto per grande e raffinata qualità presente nell’eterogenea complessità della pièce.

Tutto parte dell’uso, sapiente, innovativo, assoluto e Pieno dello spazio. Spazio spesso totalmente dimenticato dalla drammaturgia contemporanea. Il pubblico stavolta non è passivamente e sbracatamente seduto ad “attendere” che qualcosa accada o gli venga inculcato. Viene avvolto e coinvolto sin dall’inizio. Ed è uno spettacolo nello spettacolo vedere i visi degli ignari spettatori, divertiti, goffamente sconvolti, insospettiti, diffidenti e quasi ipnotizzanti nel “vivere” e partecipare in qualcosa di nuovo che non sanno ne controllare ne gestire. Tre momenti di passaggio, l’accoglienza al di fuori del teatro con i prostituti e prostitute in vetrina, un secondo momento musicale e coreografico nel foyer del teatro (dove vieni marchiato in maniera pornograficamente ironica come un pezzo di carne da macello) e il terzo momento l’entrata nel vero e proprio teatro.

Tutto viene sapiente mentente gestito dal “papy” Melchionna e da tutta la variegata e colorata truppa di prostitut-attori. Siamo in un luogo non luogo dove la luce rossa che evoca atmosfere da bordello hardcore viene riscaldata da flebili candele probabilmente simbolo di un’innocenza perduta o forse dimenticata.  Tra pile di poltrone scardinate ti siedi a terra ed inizia lo show. Momenti di puro spettacolo fatti di forti contrasti, dove all’ironia si alternano momenti di profonda rabbia, riflessione, accusa. Musica, luci, parole tutto è finalizzato alla presentazione dei numerosi “march ettari” dell’arte. Ora si può scegliere finalmente con chi spendere i tuoi cinque dollarini.

E di nuovo ritorna l’uso potente e prepotente dello spazio, ogni angolo del teatro esterno e interno viene vissuto, calpestato, respirato. Contrattazioni in ogni angolo, ammiccamenti, sorrisi, provocazioni,carovane più o meno disorientate di persone. Divertimento, adrenalina e paura. Sensazioni che convergono velocemente in suggestioni. Ad ogni passo l’ansia aumenta come se stessi facendo davvero qualcosa di veramente sporco, perverso, amorale. Scegli tu con chi andare, qui tutto è metaforicamente in vendita.

La vera rivoluzione arriva adesso. il Pubblico consapevolmente cliente si trova tu per tu con il prostituto/prostitua di turno. Un faccia a faccia al quale è impossibile sottrarsi. Difendersi è del tutto inutile. Allora è meglio stare al gioco. E qui si arriva all’essenza, al vero centro dello spettacolo e del teatro. Le parole nate dalla penna e dal vissuto di Melchionna ora fredde come bisturi ora avvolgenti come languide carezze si cuciono addosso ad ogni attore fondendosi peferttamente con la maschera. Le miserie e le disperazioni dell’animo umano diventano sublimi, mostrano una ricchezza di fondo spesso dimenticata,lacerata,negata. Nessun registro viene risparmiato, il comico, il drammatico,il grottesco,l’aulico, il satirico, l’accusa.

Melchionna riesce a creare un meccanismo avvolgente e potente, orchestrando magistralmente la complessa varietà dei propri attori, bravi, energici, Dignitosi e mai eccessivi, sempre calati nel ruolo senza mai mostrare cenni di stanchezza o cedimento. Pezzi di un puzzle complesso che si incastrano alla perfezione. La coralità lascia voce al singolo per poi ritornare di nuovo coro. Un cerchio che si chiude sempre nell’energia e nella poesia.

Ed un unico vero messaggio. La pornografia, la mediocrità,la vera prostituzione ci sono. Ma sono fuori da quelle mura di teatro, qui sul palco è solo un gioco che diverte, fa riflettere ma spaventa.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.