Prosegue con Alex Britti, dopo l’apertura di martedì con i QuintoRigo, la nuova edizione di GradoJazz (rientrante nella 30° edizione di Udin&Jazz), che si svolge fino a sabato 1 Agosto nella rinnovata, ampia e distanziata, venue del Parco delle Rose di Grado.

Da adolescente (e non solo!) nei primi anni 2000 chi non ha mai cantato almeno una volta un pezzo di Alex Britti: da Settemila caffè  a Oggi sono io, a Una su un milione o Lo Zingaro Felice.

Crescendo e affinando il gusto e le conoscenze musicali non si può però non apprezzare la versatilità dell’autore e cantante come musicista.

Una versatilità che lo rende difficilmente inquadrabile o etichettabile all’interno di un determinato genere musicale.

Il melting pop

Ecco perché qualcuno, in una recente intervista televisiva, ha coniato nei suoi confronti il termine Melting pop: termine che, ascoltandolo anche dal vivo, sembra particolarmente calzante visto che nelle sue interpretazioni si mescolano pop, blues e appunto jazz.

Ma perché poi guardare al genere, adesso basterebbe  guardare al cuore , alla voglia di suonare

Una voglia di suonare, anzi un’urgenza di suonare quella di Britti: artista di poche e sagge parole e tanti e meravigliosi duetti strumentali.

Una dedica speciale però Britti la dedica ai musicisti cone lui presenti tra il pubblico, con un brano che è esso  stesso dedica non a una donna ma a un genere: il jazz.

Jazz che è importante, perchè allarga la visuale mentale dell’orecchio, quindi la percezione armonica, ti insegna a fare gli assoli però può essere anche un problema perchè rischi di isolarti

Insieme a Jazz successi di ieri e di oggi del cantautore riarrangiati per dare spazio alle sue varie anime

Sul palco di Grado Britti è salito, oltre che con l’imprescindibile chitarra, con il suo sestetto, formato da Davide Savarese (batteria),  Matteo Pezzolet (basso), Benjamin Ventura (tastiere), Cassandra De Rosa e Oumy N’Diaye (cori) e un ospite speciale: Flavio Boltro,  trombettista sulle scene principali del jazz europeo da oltre quindici anni.

Il Festival prosegue quindi come già accennato fino al primo Agosto con artisti e musicisti di altissimo livello: Musica Nuda, Chiara Civello e Rita Marcotulli, Paolo Fresu, Francesco Cafiso e la gran chiusura di sabato con Stefano Bollani.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.