Confessioni audaci di un ballerino di liscio di Paola Cereda

175

Il “Sorriso dancing club”, la balera più famosa del Polesine, compie cinquant’anni. Il suo proprietario, Frank Saponara, organizza una grande festa di compleanno alla quale partecipa l’intera comunità di Bottecchio sul Po.

 

Frank è un ballerino di liscio che ha avuto tante donne quante sono le mazurche che ha ballato, ma quelle che hanno segnato la sua carriera sentimentale sono tre: Ivana, il suo primo amore, Kristelle, una star del porno, e Barbara, musicista e cantante.

La sera del compleanno del “Sorriso” le tre donne si ritrovano sulla stessa pista mentre, poco distante, nella golena di Ca’ Silente, Vladimiro Emerenzin, amico di Saponara e poeta di paese, muore in strane circostanze. Tra le sue dita, un biglietto della festa alla quale non ha partecipato e una parola scritta a matita.

Frank è chiamato a dare un senso a quell’ultimo messaggio e scopre che la vita è come il liscio: si balla in due e bisogna andare a tempo. (Collana Romanzi e racconti, Baldini&Castoldi, pagine 208).

“La notte mi consolai con quattro gin tonic e un classico del liscio, illudendomi di poter bastare a me stesso. Dopotutto le persone finiscono per assomigliare ai luoghi dove vivono, provavo a convincermi, e io dovevo al fiume il mio perpetuo scorrere”.

Paola Cereda psicologa, è nata in Brianza ed è appassionata di teatro. Dopo un lungo periodo come assistente alla regia in ambito professionistico, è andata in giro per il mondo fino ad approdare in Argentina, dove si è avvicinata al Teatro comunitario.

Oggi vive a Torino e si occupa di progetti artistici e culturali nel sociale. Vincitrice di numerosi Concorsi letterari, è stata finalista al Premio Calvino nel 2001 e nel 2009. Ha pubblicato “Della vita di Alfredo” (2009), “Se chiedi al vento di restare” (2014) e “Le tre notti dell’abbondanza” (2015).

Baldini & Castoldi

Baldini & Castoldi è un marchio da cui emana una antica nobiltà editoriale. Siamo nella Milano che si trasforma in grande città industriale, che si prepara ai “primi dieci anni del secolo”, a Boccioni, al futurismo, ai cattolici modernisti e al socialismo.

La casa editrice viene fondata nel 1897 da Ettore Baldini e Antenore Castoldi – fra i consulenti più attivi il poeta Gian Pietro Lucini – con una sede, prestigiosa, in Galleria Vittorio Emanuele. Caratterizzata dalle copertine illustrate a piena pagina, raggiunge il successo con “Piccolo mondo antico” di Antonio Fogazzaro e conosce una vera stagione di best seller con i romanzi popolari di Guido da Verona.

Nel 1991 Alessandro Dalai acquista il marchio Baldini&Castoldi, ormai inattivo da una decina d’anni, e ne affida la direzione a Oreste del Buono e Piero Gelli, rilanciandola, anche grazie a titoli italiani come “Va’ dove ti porta il cuore” di Susanna Tamaro, “Jack Frusciante è uscito dal gruppo” di Enrico Brizzi e i formidabili romanzi di Giorgio Faletti.

Decisiva la narrativa straniera di qualità, con autori che comprendono Haruki Murakami e Hunter Thompson, Tom Robbins e Annie Proulx, Ulrich Becher e Kingsley Amis. Dal 2015 entrano in gioco Michele Dalai e Filippo Vannucini che ridisegnano la mappa dei successi più recenti (fra tutti il “Nel mare ci sono i coccodrilli” di Fabio Geda) e la fisionomia delle collane. Spiccano una rinvigorita attenzione allo sport, alla musica, al teatro, alla divulgazione scientifica, e naturalmente alle grandi narrazioni (quelle dei giovani narratori e quelle del romanzo di intrattenimento).

C’è uno spirito nuovo, che vuole aprire strade e, al contempo, riorganizzare le punte di qualità di un catalogo che si rivela pieno di gemme e di ricchezza culturale. Da Margherita Hack a Rita Levi Montalcini, da Guy Debord a Norberto Bobbio, la sequenza di nomi suona strategica: guarda da lontano e guarda lontano. Si riapre la collana “La Tartaruga” con uno sguardo rinnovato che richiama all’attenzione dei lettori autrici e autori come Sofja Tolstoja e Jakob Wasserman.

  • Articoli
Chi sono
Editorialista , La Nouvelle Vague Magazine
Prima o poi scriverò qualcosa …
×
Editorialista , La Nouvelle Vague Magazine
Prima o poi scriverò qualcosa …
Latest Posts

Rispondi

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.