Confessions of a Redheaded Coffeshop girl

 

Cosa succede quando si esce dall’università e l’unico lavoro che si trova è in un coffee shop?

Rebecca Perry, attrice e scrittrice del monologo, racconta la storia di una giovane appena laureata in Antropologia, che, costretta a lavorare in un bar per pagare i debiti, applica le teorie appena studiate alla fauna che popola il locale.

Ecco apparire il manager-scimmione che comunica a gesti, la ragazza che non riesce a smettere di fare jogging nemmeno quando ordina il caffè, il signore impettito che non accenna nemmeno un sorriso e ordina il solito americano.

Una carrellata di personaggi fino all’arrivo di Marco, il principe azzurro, che gli fa conoscere la sua Antropologa- idolo con cui partirà per una spedizione in Kenia.

Una storia leggera e con un troppo classico happy-end americano ma interpretata magistralmente da Rebecca che oltre a recitare superbamente, canta con la stoffa da vera interprete.

 

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

 

 Toronto Fringe Festival

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.