Il presente libro (a cura di Francesca Falcone e Patrizia Veroli, con la traduzione di Sergio Lo Gatto, pubblicato da Dino Audino editore nella collana “Ricerche/Danza, pagine 160) è un importante contributo realizzato sulla “contact improvisation”, e il primo pubblicato in Italia su questa tecnica nata negli Stati Uniti nei tardi anni Sessanta dalle sperimentazioni di un gruppo di danzatori, tra cui Steve Paxton.

Da allora la “contact” si è sviluppata fino a diventare una delle tecniche più importanti per la formazione in danza contemporanea. L’enfasi posta sul contatto tra i corpi in ogni loro parte, sul peso e sulla fluidità del movimento hanno infatti resa parte fondamentale del bagaglio di ogni danzatore e danzatrice.

La sua pratica aiuta a sviluppare una maggiore auto-consapevolezza e capacità di percezione dell’altro e a perfezionare in particolare le abilità rivolte al rapporto con il suolo, che diventa quasi un partner di chi danza.

La “contact” svolge inoltre un ruolo cruciale anche nello sviluppo delle capacità di improvvisazione e nelle riabilitazioni terapeutiche.

Con un approccio interdisciplinare, che agli studi di danza unisce antropologia e sociologia, l’autrice presenta ai lettori questa particolare forma di danza nel suo rapporto con le tecniche somatiche affermatesi negli anni Sessanta e con l’egualitarismo, il femminismo e la libertà sessuale che hanno caratterizzato la speciale atmosfera dell’epoca.

L’autrice Cynthia Novack (1947-1996) è stata una danzatrice e docente di grande esperienza. Assieme al marito, Richard Bull, si è esibita con la compagnia “Richard Bull Dance Theater” e con l’“Improvisational Arts Ensemble”. Ha insegnato alla “Tisch School of the Arts” della New York University, al “Barnard College” della Columbia University e ha ottenuto le cattedre di “Dance Studies” e “Women’s Studies” presso la “Wesleyan University”.

Oltre a questo volume, uscito nel 1990, ha pubblicato diversi saggi su numerose riviste accademiche

  • Articoli
Chi sono
Editorialista , La Nouvelle Vague Magazine
Prima o poi scriverò qualcosa …
×
Editorialista , La Nouvelle Vague Magazine
Prima o poi scriverò qualcosa …
Latest Posts

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.