Nella splendida cornice del Macro Testaccio, sabato 12 Dicembre, è andato in scena un party dal sapore newyorkése, “Cose al Buio” per celebrare la luce che accende la notte. Uno spettacolo variegato tra installazioni luminose, teatro, sfilate di moda e musica con un insieme di eventi che dalle 18 hanno continuato fino alle luci dell’alba.

L’ apripista della serata è stata la sfilata di moda degli straordinari abiti di Made in Testaccio, un laboratorio che ha il suo asse creativo nel riciclaggio e nel rispetto dell’ambiente e che ha saputo creare abiti eleganti e mai banali, con una collezione etno-chic che va dagli inserti di tulle vaporoso dal sapore ottocentesco al kimono rivisitato in chiave moderna.

Una sfilata di abiti preziosi nella loro originalità, per vestire una donna moderna e ricercata, seguita nel parterre dalla band di “Le Cardamomò” che ha accompagnato con le sue trombe e i suoi violini la sfilata e che ha proseguito la serata con un concerto dal sapore retrò– francese.

[flagallery gid=491]

Il quartetto ha entusiasmato la platea con un repertorio acustico fatto di strumenti tradizionali come la fisarmonica e il violino, suonando vecchie melodie rivisitate della tradizione francese. La serata ha poi lasciato spazio al teatro con la compagnia di teatro-danza Theatrica che ha presentato lo spettacolo Trentatre, una moderna rivisitazione dell“Ultima cena” in cui un Gesù-donna ammantato di bianco ammonisce gli ormai corrotti apostoli che si abbuffano di vino e cibo e deridono la sua incorruttibilità. Apostoli moderni che verranno trasformati in ospiti televisivi e racconteranno le loro storie di vita e di sofferenza tra parole e movimenti di danza.

Tra i food truck di Panelle, Sfizio capitale e Ape magna che proponevano un originale street food e le installazioni digitali e i writer che hanno dato vita a sessioni di pittura live, la serata è arrivata al culmine con le crew di Any given Monday, Freak & c, R.U.M, Forever Young, Glamorize e Tempus Machina che hanno animato la notte con due consolle in cui si sono alternati i migliori dj della capitale.

Un insieme di sinergie creative che hanno ridato vita a una spazio, quello del ex mattatoio, che merita tanti week-end come questo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.