Ancora una volta Daniele Silvestri ha regalato forti emozioni al pubblico romano grazie ad una performance eccezionale al Palazzo dello Sport della Capitale, incantando gli spettatori e facendoli innamorare, ancora una volta, del suo stile. Ecco il fotoracconto della serata.

La cifra stilistica di Daniele Silvestri coniuga la ricerca di una nuova canzone d’autore con il riscon-tro del grande pubblico, mescolando talento e tradizione, leggerezza espressiva e impegno civile, come testimoniano canzoni quali Cohiba, Il mio nemico e La mia casa al fianco di Le cose che ab-biamo in comune Acrobati (2016, Salirò e Quali alibi. Le sue partecipazioni a festival popolari hanno sempre lasciato un segno, grazie alla singolare impronta che le contraddistingue: mai sopra le righe, ma sempre sorprendenti.

I tantissimi riconoscimenti ricevuti (Premio Tenco, David di Donatello, Recanati, Amnesty Italia, Grinzane-Cavour, Carosone per citarne alcuni) costituiscono un’ulteriore conferma della sua attenzione verso l’altro, dello sguardo, della parola e dell’azione sempre vigili sul presente, solidali, lucidi, generosi. Nascono così i numerosi progetti costruiti con e per Onlus anche molto diverse tra loro: Movimondo in Mozambico, Agende Rosse, CUAMM, Every Child is my Child tra le altre.

I suoi testi sono spesso acrobazie linguistiche balzate fuori dagli otto album in studio: Daniele Sil-vestri (1994), Prima di essere un uomo (1995), Il dado (1996), Sig. Dapatas (1999), Unò-dué (2002), Il latitante (2007), S.C.O.T.C.H. (2011) e Acrobati (2016). Il 3 maggio 2019 è uscito il suo ul-timo disco La Terra sotto i piedi, che contiene anche Argentovivo, brano presentato al Festival di Sanremo dello stesso anno.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.