DEGAN / BARALE, un’oasi d’amore nell’ISOLA

1079

Sull’“Isola dei Famosi”, il format più seguito tra i programmi della rete ammiraglia Mediaset, condotto da Alessia MARCUZZI, si consuma la curiosità mediatica, del rapporto amoroso tra il candidato vincitore alla finale, Raz Degan e la “bionda” Paola Barale, sua ex compagna di una vita, volta alla sua 12esima edizione.

Ma cosa interessa veramente al pubblico? Quale tipo di empatia nasce tra i protagonisti dei personaggi famosi e la semplice quotidianità della coppia di innamorati della porta accanto?

Raz e Paola. Un amore vissuto e condiviso per oltre quindici anni, viaggiando in tutti i continenti, sperimentando, ricercando curiosità, aneddoti, incontrando popoli e culture altre. Una vita vissuta dentro e fuori gli schemi.

Lei, Paola, la giovane adolescente che voleva diventare insegnante di ginnastica, da sosia di Madonna, a valletta inossidabile di Mike Bongiorno, fino a conquistare il Telegatto, come personaggio femminile dell’anno nel 1991, per la trasmissione Buona Domenica a fianco di Maurizio Costanzo.

Galeotto programma televisivo, culla del suo innamoramento e matrimonio, con il primo ballerino Gianni Sperti, durato 4 anni, il tempo di una meteora. Quell’astro che di lì a breve si materializza nelle sembianze di Raz, rapporto iniziato sulla scia del precedente sodalizio.

E fin qui, la storia, narra della love story possibile anche tra noi comuni mortali.

 Ma cosa rende speciale, o comunque interessante questa relazione?

Certamente, finalmente “ l’isola” mette in luce l’ipocrisia dell’essere umano, l’incapacità degli individui di non sapersi relazionare con trasparenza, radicati nei meccanismi socio culturali, del Sistema imperante.

Ma proviamo a fare un passo indietro….

Riguardo all’Amore

Nell’antichità classica, il tema dell’Amore è stato trattato principalmente da Platone nel Simposio e nel Fedro. Per parlare di amore, è necessario riflettere sul significato di desiderio. L’etimologia del termine deriva dal latino, considerare e desiderare, cioè, da un lessico augurale.

In entrambi i termini è presente la parola “sidus”, cioè astro.

Letteralmente “considerare” significa contemplare un astro, mentre “desiderare”, significa rimpiangere un astro che è sparito, rimpiangere la sua assenza. Dunque desiderare, in senso etimologico, significa rimpiangere l’assenza di qualcosa o qualcuno. Mentre il desiderio, richiama la resurrezione di un benessere ormai sparito.

Dai grandi filosofi cristiani, S.Agostino e Tommaso D’Aquino, che riprendono la teoria platonica dell’amore reinterpretandola in chiave cristiana, rimandano al regno di Dio, a Freud che rimanda il desiderio al concetto di bene, l’equazione non cambia : la mancanza, il ricordo, il rimpianto di un astro sparito, prima presente, rimane sulla riflessione della parola…Amore!

In tutte le lingue del mondo Eros, Agape in greco, ishq, o amore divino nel sufismo islamico. I praticanti credono che l’amore sia una proiezione dell’essenza di Dio con l’universo. Nell’induismo l’amore e il piacere sensuale Kama, è desiderio naturale, dono della divinità, e rappresenta uno dei 4 scopi della vita, il cui opposto è Prema, cioè l’amore elevato, spirituale e divino.

Nel Buddismo, la definizione di “amore” è volontà che gli altri siano felici. E’ una pratica filosofica di comportamento di accettazione di sé e degli altri che matura la consapevolezza dello stato interiore di benessere verso la cura del prossimo, molto diverso da quello che si intende comunemente dal pensiero occidentale e nostro italiano: attaccamento, relazione e sesso.

Beh! Speriamo che questa spiegazione possa dare “sollievo”, a tutti coloro che in qualche modo vorrebbero essere come, o redimere Raz Degan dal suo stato di grazia.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.