Tommaso AgneseNegli anni ’70 la donna cominciava il percorso femminista di consapevolezza del proprio corpo osservando con timore le proprie parti intime con uno specchio e in meno di cinquant’anni quella coscienza acquisita con fatica e significato viene irrimediabilmente perduta mostrando le stesse attraverso una webcam a qualsiasi sconosciuto.
Il regista e sceneggiatore Tommaso Agnese racconta l’internet del sesso nel suo romanzo Diario erotico di una cybernauta (l’Erudita) attraverso la storia di Riccardo Rea.
Riccardo è un milanese trentenne che muove, inizialmente per noia, i primi passi nelle chat di incontri per entrare in un mondo fatto di corpi belli, brutti ma sempre spudorati, abitati da immaturità di mocciosi lamentosi.
Mossi da istinto e ormoni in cui i neuroni vengono spinti con prepotenza in un angolo, in modo che la ragione non possa agire.
Perversione e esibizionismo, in una girandola di narcisismo pornografico e ansiogeno che vortica su se stesso.
Sovrastrutture, finzioni, lontananze fanno da filtro impedendo un accesso equilibrato al proprio mondo interiore e velocemente diventano una droga, come a voler provare a se stessi che è possibile spingersi sempre oltre, senza mai ottenere nulla.

Scritto in modo brillante l’autore trasporta il lettore in un mondo eccitato e vuoto, fatto di speranze deluse, desideri divorati in fretta e infruttuosi miraggi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.