DIF2014 – piccole riflessioni

Difficile definire Danza in Fiera.

I momenti belli, gli incontri significativi, di quelli che ti rimangono addosso, sono stati molteplici così come le risate, la stanchezza, l’impegno,

Fra tutte però, l’immagine che mi ha lasciato l’impronta è una sola: i ragazzi composti in fila prestissimo la mattina, per aspettare di fare una lezione unica con i  maestri che si sono avvicendati durante i quattro giorni del DIF2014.

Questa è passione.

Questo è impegno.

Anime composte che difficilmente si sono mescolate fra i tanti appassionati che visitavano con interesse la manifestazione.

Nei volti di questi ragazzi il sogno del quale hanno raccontato  Francesco Ventriglia, Carla Fracci, Raffaele Paganini, Vladimir Malakhov, i grandi della danza.

Nelle borse abbandonate fra i corridoi, nei momenti rubati per riposare un poco, c’è quell’impegno che va riconosciuto offrendo loro la professionalità di chi già il sogno lo ha realizzato.

Il  maestro che si fa educatore nel suo significato più profondo.

Anche questo è stato Danza in Fiera.

[flagallery gid=206]

Magie D’Oriente

[flagallery gid=207]

Smuthie Freestyle Contest

[flagallery gid=208]

Dance Parade International

[flagallery gid=209]

 

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.lanouvellevague.it/home/wp-content/plugins/ultimate-author-box/inc/frontend/uap-shortcode.php on line 119
style=”display:none;”>
Author Details
Conservare lo spirito dell’infanzia dentro di sé per tutta la vita vuol dire conservare la curiosità di conoscere il piacere di capire la voglia di comunicare. – Bruno Munari – Insegnante di scuola dell’infanzia per passione, amo ripetermi che leggere fra le righe dell’arte sia una forma di comunicazione privilegiata della quale i bambini sono i veri maestri. Laureata in Scienze dell’Educazione con una Tesi dedicata al confronto fra i modelli mass mediali in relazione alla multicultura e alla multireligiosità in una prospettiva interculturale, scelgo di perfezionarmi successivamente proprio in Educazione Interculturale, convinta che saper guardare sempre “oltre”, osservare attentamente e ascoltare con curiosità, siano una buona chiave di lettura per stare al passo con questo mondo che non si ferma mai, proprio come i bambini ai quali dedico il mio lavoro. Proprio come l’Arte, alla quale dedico il mio entusiasmo.
×
Conservare lo spirito dell’infanzia dentro di sé per tutta la vita vuol dire conservare la curiosità di conoscere il piacere di capire la voglia di comunicare. – Bruno Munari – Insegnante di scuola dell’infanzia per passione, amo ripetermi che leggere fra le righe dell’arte sia una forma di comunicazione privilegiata della quale i bambini sono i veri maestri. Laureata in Scienze dell’Educazione con una Tesi dedicata al confronto fra i modelli mass mediali in relazione alla multicultura e alla multireligiosità in una prospettiva interculturale, scelgo di perfezionarmi successivamente proprio in Educazione Interculturale, convinta che saper guardare sempre “oltre”, osservare attentamente e ascoltare con curiosità, siano una buona chiave di lettura per stare al passo con questo mondo che non si ferma mai, proprio come i bambini ai quali dedico il mio lavoro. Proprio come l’Arte, alla quale dedico il mio entusiasmo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.