D’Iorama, l’uomo, l’attore, la scena, il volto, la maschera

755

Dal 18 al 23 febbraio al Teatro Trastevere di Roma è  andato in scena d’Iorama – Lo specchio distorto dell’io un testo scritto e diretto da Dario Antimi con Pierpaolo Laconi e Valerio Monaco accompagnati dalla musica dal vivo di Alessio Brugiotti.

D’iorama è certamente un titolo  fortemente evocativo che richiama nella mente dello spettatore un atmosfera da profumeria francese o meglio di un più futuristico cartoon Americano ma non è niente di tutto ciò.

- Advertisement -

D’iorama è il conflitto di un attore, in perenne bilico tra l’essere e l’apparire, tra il suo vero volto e la maschera che per deontologia professionale è costretto ad indossare. L’uomo, l’attore o  meglio la fusione e la divergenza tra le sue due nature è costretto chiuso, imprigionato, tra le quattro mura  nere di un teatro con solo due cubi  bianchi a contrasto come scenografia quasi a voler aumentare lo stato di pathos e a sottolineare la dualità del conflitto del protagonista.

Il testo è ben scritto, come è estremamente attuale e universale la tematica trattata. Tuttavia la recitazione a volte sembra essere un po’ forzata, quasi eccessiva, discontinua, con dei cali energetici evidenti in alcuni punti,ma non è sempre facile per un attore mettere in scena un monologo, che è in questo caso un dialogo su se stessi e con se stessi e  non è facile gestire dinamiche così complesse.

Uno spettacolo comunque interessante con dei grandi margini di crescita adatto ad un pubblico che vuole e sa ascoltare e che ama mettersi in gioco e riflettere sul tema sempre attuale dell’identità.

 

- Advertisement -

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.