Non è facile recensire un libro di poesie, la poesia è un atto profondamente intimo, un moto naturale e divino che dall’anima porta a spargere su fogli versi, una scintilla che dentro di te si accende e conduce all’urgenza immediata a tratti liberatoria, catartica quasi “violenta” di esprimere se stessi. Spesso si scrivono poesie di getto, sotto l’influsso di una grande gioia o di una grande tristezza. Il dolore spesso è un mezzo da cui può nascere la bellezza.  Versi che per uno di noi potrebbero risultare banali per l’altro potrebbero significare un mondo intero: le poesie sanno dire e lenire.

La stessa urgenza di “dire” ha mosso il neo poeta Fabio Chiarini a scrivere la sua prima raccolta di poesie diversamente Angeli (diversamente con la d minuscola). Una copertina parzialmente provocatoria: due uomini che “morbidamente” si abbracciano, pelli a contatto e a contasto nel colore, a voler rimarcare il concetto di yin e yang o per come si suole dire volendo “ampliare lo sguardo” a sottolineare che L’Amore quello vero non è altro che incontro e fusione tra due anime, due essenze, due corpi che si cercano, si incontrano, si scelgono quasi a travalicare e trascendere i confini della sessualità stessa.

Le poesie di Fabio parlano di sentimenti comuni a tutti noi uomini, amore per la madre, per gli amici, la mancanza e la perdita di un legame viscerale,  la scoperta e l’accettazione di se stessi  e dell’altro, del desiderio di “accoglienza” e di libertà di vivere un amore che per molti potrebbe risultare sconveniente, scandaloso, perverso “contro natura”, le poesie di Fabio parlano di frustrazione , di desiderio, di conflitto con se stessi e con gli altri, di libertà, di una eterna dualità tra corpo e anima,  tra la natura angelica e demoniaca presente in ognuno di noi, il tutto visto con gli occhi di un giovane uomo che ha avuto la forza di fare un percorso su se stesso e che comunque ha ancora tanta strada da fare e percorrere per “arricchire” il suo viaggio. Frammenti di realtà e di vissuto che rimangono impressi nero su bianco tra le pagine.

I Sentimenti e stati d’animo di cui parla Fabio sono comuni a tutti noi uomini che nella nostra diversità o meglio Unicità viviamo, spesso contrastandoli, ognuno di noi nel loro piccolo, nel microcosmo della propria realtà, tra lacrime di troppo, sospiri  notti insonni e sogni di felicità spesso infranti.

Un libro consigliato a chi ha il coraggio di aprire lo sguardo, a chi crede ancora nell’Amore Uno e nella forza della poesia soprattutto in questi tempi moderni così individualistici e aridi o come spesso ha rimarcato l’autore stesso nel corso della presentazione della sua opera prima moralistici e “bigotti”

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.