Dialoghi al vetriolo. Verbi intinti in un surreale ma irresistibile cinismo. Battibecchi affilati come la lama di un rasoio fatti di parole colte e sceltissime, che feriscono con sarcasmo, tuttavia in un linguaggio comprensibile a tutti.

Queste le armi che Maurizio Jurgens scelse per due attori meravigliosi come Paolo Stoppa e Rina Morelli, per interpretare i litigi di una coppia medio borghese dell’Italia degli anni 60-70 in un insieme di sketches che, parodiando “Caro bugiardo” di Jerome Kilty, una commedia epistolare tratta dalla corrispondenza fra George Bernard Shaw e la signora Beatrice Stella Patrick Campbell, ovvero la rappresentazione di una relazione lunghissima e molto complicata vissuta con i tempi della pochade, fecero la fortuna della Rai con uno spettacolo radiofonico domenicale, in diretta da via Asiago, per cui a mezzogiorno si fermava l’Italia: Gran Varietà di cui ELEUTERIO E SEMPRE TUA fu  la rubrica di maggior successo.

I testi di Jurgens hanno avuto nuova vita al Teatro Belli di Roma, nell’adattamento di Jessica e Carlo Jurgens e Riccardo Bàrbera, e portati in scena con maestria ed eleganza dallo stesso Bàrbera e da Elisabetta De Palo.

Ma per una trasmissione dal vivo all’epoca servivano necessariamente musicisti e cantanti, e quindi, a completare il palco del Belli, troviamo un musicista/tecnico/rumorista (Andrea Calvani) e un trio di cantanti (Buffy Martin, Margherita Tatarelli, Erica Tuzzi) che eseguono canzoncine rigorosamente d’epoca, che il pubblico divertito si ritrova a canticchiare con un sorriso talvolta nostalgico.

La regia di Giancarlo Fares è dinamica e divertente, rendendo pienamente omaggio ai testi del compianto autore.

 Alcune immagini dello spettacolo

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.