Emanuela Grimalda ci racconta le sue difettose

1464

Debutto ieri sera al Teatro Miela-Bonawentura per l’unica data in Friuli Venezia Giulia (solo per il momento si spera) del monologo “Le Difettose” portato in scena nella sua Trieste da Emanuela Grimalda.

Grimalda che è creatrice del progetto, produttrice dello spettacolo e che ha fortemente voluto questo spettacolo, liberamente ispirato all’omonimo romanzo di Eleonora Mazzoni

- Advertisement -

Ho letto il romanzo di Eleonora Mazzoni e ho pensato che la storia che raccontava mi riguardasse non solo come donna ma come cittadina e individuo.

Del romanzo mi piaceva il parlare della fecondazione assistita nei termini di sentimenti e persone e non di leggi o ideologie.

Le difettoseL’indiscussa bravura e la straordinaria intensità emotiva della protagonista catturano lo spettatore per 80 minuti di spettacolo, in una scenografia minimale composta da aste per le flebo e una sedia.

La sua potenza espressiva le permette di destreggiarsi in un tema difficile che spaventa ma che è necessario conoscere ma soprattutto di destreggiarsi, lei sola in scena, con sette personaggi diversi (di cui due uomini cinque donne) e con altrettanti registri linguistici, inflessioni e accenti.

Troppo presto? Troppo tardi? Cos’è successo nel frattempo? Si vorrebbe recuperare il tempo perso ma è impossibile…

E poi? Che cosa è successo poi? Perché non mi sono accorta che il tempo continuava a trascorrere? Perché a 39 anni e tre mesi sono ancora ricercatrice universitaria e non ho un figlio? Saluto quella stronza della dottoressa Tini.

Veniamo così a conoscenza di Carla, la sua storia e i suoi ripetuti tentativi di restare incinta, di sua mamma che l’avuta giovanissima e che poi rivendica la sua libertà, di Marco compagno di una vita che la ama ma che è messo a dura prova dallo stress emotivo dell’iter per la fecondazione.

C’è poi l’amica toscana Catia con la sua compagna Sonia, in fuga a Bruxelles con lo stesso obiettivo, quello di diventare genitori ce la faranno? Lo si scopre a teatro…

Il santone Thiago con le tecniche di rilassamento, la dottoressa Tini più attenta(o forse realistica) alle probabilità di successo che alla sensibilità delle pazienti o l’infermiera che è il primo personaggio che incontriamo e che ci introduce a quel microcosmo di donne “in cerca” e che però non ha mai desiderato un figlio, lei…

Quando il confine tra normalità, l’essere come la mamma e l’essere “difettosa” di Carla è un pancione…deve essere proprio questo ciò che definisce una donna?

Con Emanuela Grimalda e le sue difettose si soffre, ci si commuove ma anche si ride riflettendo su un tema delicato… che dire? Peccato per chi se l’è perso!

- Advertisement -

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.