Questo saggio (editrice Bibliografica, 480 pagine, collana “Geografie Culturali”) propone una riflessione sulla costruzione culturale dello sguardo, sulla sua storicità, e su come quest’ultimo non sia mai innocente, ma porti con sé ideologie, attese, riconoscimenti che contribuiscono a tracciare la nervatura di ciò che chiamiamo reale.

Il leitmotiv consiste nell’intrecciare traiettorie di pensiero che attingono alla fenomenologia e alla filosofia del Novecento, declinate a interpretare il quotidiano e i nostri comportamenti usuali, il nostro essere immersi in un paesaggio cangiante, il nostro continuo rappresentarci il mondo con tutti i sensi “così e non altrimenti”.

“Esercizi di sguardo” si rivolge agli appassionati di arte, agli amanti del paesaggio, della micro esplorazione di ciò che ci circonda.

L’autore, trattando della percezione e della fenomenologia del quotidiano, ha scelto di utilizzare la narrazione in prima persona, utile a situare lo sguardo, a farne apprezzare la necessaria soggettività, compromissione e angolatura.

 

L’autore

Luca Dal Pozzolo, architetto, è co-fondatore della Fondazione Fitzcarraldo e dal 1998 è direttore dell’Osservatorio culturale del Piemonte. Insegna “Regional Cultural Policies” nel corso di laurea specialistica GIOCA presso la facoltà di Economia di Bologna ed è docente nel Master in “Advanced Studies in Cultural Management” di Lugano.

Ha insegnato “Composizione architettonica” alla facoltà di Architettura del Politecnico di Torino dove attualmente cura un modulo di museografia nel master in “Interior, Exhibit & Retail Design”. È autore di studi e ricerche sul patrimonio culturale, oltre a progetti, allestimenti e piani di fattibilità di musei e beni culturali. Ha pubblicato numerosi libri e articoli sui temi dell’economia della cultura, dei musei e dei beni culturali, dell’intervento progettuale in contesti storici e delle problematiche culturali connesse alle trasformazioni urbane.

La collana

“Geografie Culturali” nasce per avvicinare e tenere insieme idee distanti e diverse; per separare e distinguere dove i fatti e le cose parrebbero insistere nella loro esausta ovvietà; per rileggere le premesse alla luce di nuove domande e fornire strumenti per la quotidianità.

Libri come itinerari; come compagni di ricerca; come coltellini svizzeri per chi abita e lavora nel mondo della cultura; un invito a inoltrarsi lungo i percorsi tracciati in queste pagine. La collana, frutto della collaborazione di Editrice Bibliografica e Fondazione Fitzcarraldo, intende concorrere sia allo sviluppo professionale degli operatori culturali che a una maggiore consapevolezza del ruolo della cultura nella società e nell’economia.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.