Continua il Festival del Cinema Latino Americano di Trieste, alla sua 32 esima edizione, dal 18 al 26 novembre 201 al Teatro Miela.

Avvicinare l’America Latina a Trieste, al Friuli Venezia Giulia e all’Italia è compiere un viaggio a ritroso, percorrendo le orme di precedenti generazioni che da questi luoghi sono emigrate verso lidi Latino Americani in cerca di lavoro, fortuna, felicità.

Molti l’hanno trovata, e là sono rimasti. Basti pensare alla diffusione che i cognomi italiani hanno in Argentina. O ricordare che in Brasile, oggi, su 190 milioni di abitanti oltre 30 milioni sono di origine italiana.

La vera prossimità è data però dal terreno culturale comune, dall’affinità tra lo spagnolo e l’italiano, dalla vicinanza persino caratteriale che accomuna Italia e America Latina sotto un aggettivo comune. Infatti, anche per molti antropologi, siamo tutti latini.

Sto vivendo questo Festival di Trieste anche come occasione importante di confronto diretto con il pubblico. Internet e i social non potranno mai sostituire questo genere di incontri.

Tastare le emozioni del pubblico e ascoltare impressioni e anche dubbi, è pane quotidiano per chi cerca di fare un cinema vitale, che stia dentro l’attualità

ha detto Miguel Angel Rocca, regista argentino di “Maracaibo” film in Concorso Ufficiale proiettato ieri, che è a Trieste, ospite del Festival, in questi giorni.

Rocca tiene a ricordare la sua famiglia

Mia nonna era di Taranto e il mio bisnonno di Genova. Non parlo italiano, ma viaggio spesso in Italia durante le vacanze; è un paese che amo e a cui mi sento legato. A Trieste è la prima volta che vengo. Una città affascinante.

Miguel Angel Rocca ha incontrato il pubblico dopo la proiezione del suo film ieri sera, mercoledì 21 novembre.

Nella serata di giovedì 23 novembre, gli spettatori potranno incontrare Gualberto Díaz González regista messicano di “La Resistencia: Escuelita Zapatista” (Messico, 2016), film incluso della sezione Contemporanea Concorso. Il film è una produzione realizzata con il sostegno della Facoltà di Sociologia dell’Università di Veracruz.

È in programmazione alle ore 20.00 in Sala Birri.

Sarà un’attrice a concludere gli incontri con il pubblico della giornata. Incontro con Bella Carrijo, giovane attrice brasiliana protagonista di “Amando a Carolina” di Martín Viaggio (Argentina, 2017).

Teatro Miela – SALA GRANDE

ore 9.00

Rio Verde - 23 novembre CONTEMPORANEA FUORI CONCORSO – ARCOIRIS

Río verde: El tiempo de los Yakurunas  di Alvaro Sarmiento

Perù, 2017 – 70 min. (lingua indigena, sott. ESP)

ore 11.00

CONCORSO UFFICIALE

En un rincón del Alma di Jorge Dalton

El Salvador-Cuba, 2016 – 93 min.

Questo documentario ci svela alcuni dettagli profondi della rivoluzione cubana e spiega anche perché abbiamo perso la ragione e la passione.

ore 17.00

CONTEMPORANEA CONCORSO – ARCOIRIS

Legado del Mar di Gastòn Klingenfeld

Argentina, 2017 – 62 min.

Con questo documentario navigheremo durante il periodo di pesca del gambero, attraversando le storie della grande famiglia del porto di Rawson.

ore 18.30

Violeta Mas Viva - 23 novembreCONTEMPORANEA CONCORSO

Violeta más viva que nunca di Angel Parra e Daniel Sandoval

Cile, 2017 – 32 min.

Questo documentario racconta in struttura corale gli aspetti più intimi – umani e artistici – di Violeta Parra, il suo genio, l’opera e le passioni.

ore 20.00

CONCORSO UFFICIALE

Páramo di Andrés Diaz

Messico, 2017 – 90 min.

Fiction. Jesus ha concluso i suoi studi e consegna la sua tesi. Il suo piano è quello di suicidarsi quando la accetteranno, ma viene rifiutata

ore 22.00

CONCORSO UFFICIALE

Amando a Carolina di Marti­n Viaggio

Argentina, 2017 – 90 min. (lingua ESP, sott. ENG)

Fiction. Diego è innamorato di Carolina, ma lei è innamorata di Daniel e va in Brasile per cercarlo. Diego la segue per confessarle il suo amore.

A seguire Bella Carrijo, attrice protagonista del film, incontra il pubblico.

Teatro Miela – SALA BIRRI

ore 11.00

CONTEMPORANEA CONCORSO

Cirqo di Orlando Lübbert

Cile, 2015 – 104 min.

Fiction. Diventare pagliacci da circo per scappare alla brutale persecuzione di una dittatura può essere una buona idea

ore 15.00

CONTEMPORANEA CONCORSO

El color del camaleòn di Andrés Lübbert

Cile-Belgio, 2017 – 87 min.

Documentario. Durante la dittatura di Pinochet, Jorge diventa uno strumento nelle mani dei servizi segreti cileni. Riesce a scappare dal Cile…

ore 17.00

CONTEMPORANEA FUORI CONCORSO

Tierra y Libertad: anarquistas en la frontera di Carlos Altamirano

Messico, 2017 – 70 min. (lingua ESP senza sott.)

ore 20.00

CONTEMPORANEA CONCORSO – ARCOIRIS

La Resistencia: Escuelita Zapatista di Gualberto Diaz Gonzalez

Messico, 2016 – 34 min.

Documentario. 

A seguire il regista messicano Gualberto Di­az Gonzalez incontra il pubblico.

ore 21.00

CONTEMPORANEA FUORI CONCORSO

Si corre o vuela… a la cazuela di Rogelio Calderon Jimenez e Salomon Morales

Messico, 2016 – 75 min. (lingua ESP, senza sott.)

Programma completo su www.cinelatinotrieste.org

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.