Angelo Raffaele Pisani e Katia Follesa. Li abbiamo sempre visti separati: lui qualche anno fa in coppia con Marco Silvestri nel duo Pali e Dispari, lei più recentemente come conduttrice di Cake Star al fianco di Chef Damiano Carrara.

Quello che molti non sanno è che i due formano una coppia anche nella vita, da quasi vent’anni.

I due però si trovano per la prima volta sul palco insieme in questa stagione con “Finché social non ci separi Live”, spettacolo scritto con Luciano Federico, che ha fatto tappa anche a Trieste, al Teatro Bobbio, venerdì 17 Gennaio.

In tempi di donne che stanno un passo indietro agli uomini, nella vita e nell’arte, i due formano una coppia esplosiva, forse ancor più che singolarmente.

Tanto che viene da chiedersi perché abbiano aspettato così tanto per condividere la scena.

Tutto parte da una lista dei difetti. Katia scrive quelli di Angelo e lui fa altrettanto con quelli di lei

Dopo una rottura di qualche anno fa hanno deciso di condividere ciò che hanno imparato una volta tornati insieme.

Come definito dai due, “Finché social non ci separi” è un esperimento sociale durante il quale i due raccontano la coppia, e la famiglia, a trecentosessanta gradi.

Innamoramento, figli e relativa educazione degli stessi, sesso,…

Un esperimento che si basa anche sull’interazione col pubblico, invitato a commentare attraverso social (whatsapp nello specifico) le dinamiche di coppia e i difetti degli stessi compagni/e, mogli/mariti,…

I due, in un’ora e mezza di risate e di riflessione, ci ricordano tre verità sulla vita di coppia, ovvero che amare: a) è ammettere i propri difetti, b) significa dirsi le cose (anche a costo che l’altro

quasi quasi rimpianga la propria vita da single

e c) che amare non significa annullarsi in virtù dell’altro.

Ecco perché “Finchè social non ci separi” si può riassumere con una frase: amarsi è l’importanza di dirsi tutto, con garbo e ironia però…e sempre a ritmo di danza!

  • Articoli
Chi sono
Quasi trentenne triestina, laureanda in scienze dell’educazione col sogno di lavorare con minori in difficoltà. Curiosa di natura e sempre pronta a mettersi in gioco con nuove esperienze Appassionata di teatro e soprattutto di musical; di cinema, danza, musica e divoratrice di libri, insomma di qualsiasi forma d’arte
×
Quasi trentenne triestina, laureanda in scienze dell’educazione col sogno di lavorare con minori in difficoltà. Curiosa di natura e sempre pronta a mettersi in gioco con nuove esperienze Appassionata di teatro e soprattutto di musical; di cinema, danza, musica e divoratrice di libri, insomma di qualsiasi forma d’arte
Latest Posts

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.