È il comico internazionale del gruppo Satiriasi. Vive nel suo mondo surreale ed onirico.  Per dimostrare che la vita non ha senso, fa una Satira “variegata all’amarena”

É stato presentato così Francesco De Carlo uno dei sette comedian di Satiriasi. Dal 2 febbraio insieme ai suoi compagni di viaggio è in onda, ogni lunedì, su Comedy Central (Sky 124) dalle 23.00 con Stand Up Comedy. Si tratta della prima trasmissione di stand up, libera e trasgressiva. Autore di trasmissioni televisive e radiofoniche, comedian divertente e tagliente, Francesco De Carlo ha risposto alle nostre domande sulla sua carriera.

Com’è nata la tua passione per la stand up?

È nata quando ho scoperto come viene usata la libertà d’espressione all’estero, e non parlo solo dei monologhi politicamente scorretti, ma anche di come la creatività venga esercitata senza preoccuparsi del pubblico, del mercato e di altre variabili che spesso complicano la vita di un comico più della censura.

Lavori in radio, a Radio Globo e sei autore del programma Chiamata a Carico? C’è satira anche in quello?

No. Va bene che adesso la satira è pure nel cappuccino, ma a Radio Globo c’è tutt’altro. C’è innanzitutto il cazzeggio, che poi è uno dei motivi per cui ho scelto questa carriera. Con Massimo Vari e Gabry Venus ci divertiamo molto e penso che gli ascoltatori se ne rendano conto e che questo spieghi bene la popolarità del programma. Però, magari non ci crederete, dietro a ogni scherzo telefonico c’è anche tanta professionalità, preparazione ed esperienza. In 5 anni abbiamo rinnovato un genere antichissimo, visto che gli scherzi telefonici sono stati inventati prima del telefono e della radio. Li scriviamo come se fossero veri e propri sketch, dove uno degli attori è però inconsapevole. Spaziamo dal cinismo all’assurdo, e alcuni scherzi che abbiamo fatto li considero perle di comicità.

“Il comico più surreale del gruppo”- Cosa intendi?

Credo sia una definizione che mi è stata affibbiata perchè mi piace sperimentare una comicità che solletichi una risata infantile, inconsapevole, quasi inconscia, quel divertimento puerile e insensato che abbandoniamo con la maturità. Passo le ore a far ridere i figli dei miei amici in culla con facce e faccette. Ecco, questo è quello che voglio fare con i grandi nel pubblico, aiutarli a prendere meno la vita sul serio. Con i grandi, però, le faccette non bastano e quindi uso l’effetto sorpresa usando la fantasia per raccontare la realtà, spiegando per esempio perchè secondo me il singhiozzo sia la rivoluzione e la lettera H una falsa invalida, nemica della società.

Come si lavora con i colleghi di Satiriasi?

Mi ricordo che i primi anni facevamo spettacolo ogni due lunedì e il lunedì che non eravamo in scena ci vedevamo a casa di qualcuno per fare le prove e confrontare i pezzi. Credo che quel confronto sia alla base del successo di Satiriasi. Non so quello che succederà in futuro, ma ogni singolo comico ha giovato di questo gruppo e si porterà dietro quest’esperienza anche nei lavori che affronta da solo.

Cos’è per te Satiriasi?

È la possibilità di fare la cosa che mi piace di più nella vita: scrivere fino a tardi, circondato dai miei vizi.

Stand Up Comedy, un programma televisivo, non ha snaturato la vostra comicità prettamente da live?

Comedy Central è stata la prima che ha capito di non poter e non dover modificare più di tanto questo spettacolo. Chi ci ha provato prima ha sempre cercato di codificare il live con il linguaggio televisivo e ha finito per sporcarlo, sia con la modifica nei testi (nella lunghezza e nel contenuto), sia con una regia televisiva troppo ingombrante. “Stand Up Comedy”, soprattutto la seconda stagione, è il miglior programma televisivo sul genere. Detto questo, consiglio a tutti di venirci a vedere dal vivo, dove sicuramente un comico dà il meglio di sé.

Cosa vuoi fare da grande?

Scrivere canzoni d’amore.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.