Giuseppe Cederna in L’ultima estate dell’Europa a Forlì

1271

GIUSEPPE CEDERNA

L’ultima estate dell’Europa

 

- Advertisement -

Di Giuseppe Cederna e Augusto Golin

Regia di RUGGERO CARA

 

Con GIUSEPPE CEDERNA

Musiche originali eseguite dal vivo di

Alberto Capelli e Mauro Manzoni

 

IL 24 SETTEMBRE AL TEATRO DIEGO FABBRI DI FORLI (FC)

Giovedì 24 settembre, alle ore 10.30, al Teatro Diego Fabbri di Forlì (Corso A. Diaz, 47, Forlì, 47121 – ingresso gratuito – info0543 712160) nell’ambito della manifestazione “Exportiamo Buon Vivere” l’attore, scrittore e viaggiatore Giuseppe Cederna ritorna in scena nella città emiliana con il suo nuovo monologo “L’ultima estate dell’Europa” con le musiche originali eseguite dal vivo di Alberto Capelli, alla chitarra e percussioni e Mauro Manzoni, ai flauti, sassofoni e clarinetto basso.

“Il buon vivere è una cosa che si impara vivendo, ascoltando, sentendo, avendo qualche buon maestro, degli amici, viaggiando per poi tornare a casa” commenta Giuseppe Cederna su “Exportiamo Buon Vivere”, manifestazione che lo ospita ormai da anni. Il giorno dopo, invece, l’attore, scrittore e viaggiatore incontrerà le scuole di Vignola (Mo) in occasione del Poesia Festival.

Ecco tutti gli appuntamenti della tournèe: Teatro Sociale di Belluno – 3 ottobre; Teatro Nuovo di Mirandola (MO) – 17 novembre; Teatro India di Roma – dal 19 al 29 novembre; Teatro della Società di Chiavenna (SO) – 2 dicembre; Teatro Puccini di Firenze – 4 dicembre; Teatro Archivolto di Genova – 5 febbraio; Teatro Comunale De Micheli di Copparo (FE) – 26 febbraio.

 

Sarajevo 28 giugno 1914. Sono le dieci del mattino di una splendida domenica di giugno. Fra quarantacinque minuti due colpi di pistola sconvolgeranno il mondo. In poco più di un mese Austria, Serbia, Russia, Germania, Francia e Inghilterra si dichiarano guerra. Poi sarà la volta del Giappone e degli Stati uniti. E l’Italia? L’Italia comincia a pensarci. Ma in realtà ci sta già pensando da molto tempo.

Un tumulo informe di sacchi e legni anneriti dal fuoco- che diventerà fiume, trincea, montagna, cimitero- è la zattera a cui si aggrappa il protagonista dello spettacolo, un naufrago della Grande Guerra. Un sopravvissuto. Posseduto dall’implacabile progressione della memoria e incalzato dai temi musicali dei luoghi e dei personaggi, Giuseppe Cederna dà voce e corpo a quell’umanità di vittime e di carnefici che trasformarono l’Europa in un immenso mattatoio. Dai Futuristi ai Generali, dai fanti mandati a morire sul Carso e sull’Isonzo ai loro compagni di naufragio, quegli spettri usciti dalle trincee austriache, fino agli scrittori e ai poeti le cui parole, ancora oggi, ci illuminano e ci commuovono: Owen, Stuparich, Gadda, Ungaretti, Trilussa, Rumiz.Dall’esaltazione alla consapevolezza. Dalle “Radiose giornate di Maggio” alla notte di Caporetto.

«La guerra è molto più vicina di quello che pensiamo – commenta Giuseppe Cederna – la guerra dorme dentro di noi. Per questo, raccontarne gli orrori ma anche il desiderio e la capacità di riscatto, è doloroso e necessario. Con la pietà della memoria e la miracolosa potenza delle storie, l’uomo riesce a ribellarsi all’umiliazione del corpo e dell’anima. Anche nell’orrore, talvolta, riusciamo a trovare la nostra umanità e dignità più profonde.»

 

 

 

- Advertisement -

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.