I Fiori del male

 

Prendendo ispirazione da I fiori del male di Charles Baudelaire, lo spettacolo omonimo, scritto e diretto da Davide Sacco, è  una inchiesta sui fatti che caratterizzarono la storia italica a cavallo degli anni ’70 del secolo scorso.

Lo spunto allo spettacolo lo da’ la vicenda del Banco Ambrosiano, un impero finanziario innalzato e costruito sulla menzogna e sugli scandali, in cui sono rimasti coinvolti personaggi quali Michele “il demonio” Sindona, Roberto Calvi, Paul Marcinkus e lo IOR e che ha avuto come spettatori interessati Montanelli, Biagi, Ambrosoli, preti pedofili e l’immancabile Andreotti.

Un gran calderone di persone e fatti in cui è  difficile addentrarsi da soli.

Il personaggio portato in scena da Rosario d’Angelo, un po’ il deus ex machina della storia, ha provato a strappare quel velo ricoperto di sangue che per più di un decennio ha ricoperto questa intricata vicenda, un velo che lasciava intravedere i contorni ma non li definiva.

Diversamente da quanto accaduto per l’opera di Baudelaire che, pubblicata nella primavera del 1857, fu subito censurata  per i temi trattati, “I fiori del male” di Sacco prova a fare l’esatto opposto: riportare in vita quegli episodi per far riflettere lo spettatore su quello che è successo, analizzando i protagonisti e tentando così di rendere quei bordi più chiari e netti.

Scritto e diretto da Davide Sacco
con: Valentina Arena, Andrea Bonella, Rosario D’angelo
musiche dal vivo eseguite da: Alberto Redighieri

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.