Inizia Sanremo con lo strascico delle solite polemiche. Quanto pagano i presentatori…la dichiarazione di Baglioni e la relativa telefonata chiarificatrice con Salvini. Ah si..nel frattempo hanno anche fatto ascoltare le canzoni in gara. Ma non le ho sentite quindi rimando le opinioni su Sanremo.

Si, stasera inizia quella roba di Celentano che con la promozione a volume automaticamente aumentato ha già ammorbato. Non lo seguirò. Anche perché dallo scorso lunedì (in lingua originale) all’inizio di Marzo, il lunedì è votato alla terza stagione di True Detective .

Ovvio che ho visto le prime due puntate in lingua originale con i sottotitoli in italiano. Però che fatica seguirlo. Quell’inglese americano è di difficile comprensione, tutto costretto, parole mangiate, frase mono tone (non monotone..proprio pronunciate con un unico, basso, tono di voce).

Però. Però il creatore Nic Pizzolatto, dopo la deludente seconda stagione, è tornato allo script delle origini, quella storia oscura di omicidi restati per anni aperti, raccontata su piani temporali diversi, dove i protagonisti buoni hanno a loro volta storie intricate, malesseri interiori.

Pizzolatto rende qui star assoluta il protagonista, l’attore Mahershala Ali (accidenti, avevo appena imparato a scrivere Matthew McConaughey!), premio oscar per Moonlight, recente miglior attore ai Golden Globe per Green Book da noi ancora inedito).

Ali (per comodità), interpreta un poliziotto che segue negli anni un caso di scomparsa/omicidio di due fratellini, sulla scena della remota provincia americana, quella lontanissima dai grattacieli e dal glamour. Se nel primo True Detective i piani temporali erano due, qui Pizzolatto snoda la narrazione su ben tre piani temporali, chiedendo ad Ali uno sforzo interpretativo notevole, prova che l’attore supera a pieni voti.

L’intreccio è avvincente, la tensione è sempre molto alta, lui è bravo, il suo compagno al momento è relativamente messo in luce. Tutto bene fino a qui. Ma manca Rusty Cohle, manca anche il suo compagno Martin Hart (Woody Harrleson). Del resto, True Detective era stato scritto per loro, tanto che i due attori sono (tutt’ora) coinvolti nella serie come produttori esecutivi.

L’accoglienza negli Stati Uniti è stata tiepida, con risultati di pubblico inferiori alle aspettative. Però la storia c’è. Consiglio comunque di vederlo doppiato in italiano. Si rischia di seguire solo i sottotitoli e non la storia.

Ma ho parlato di ritorni (plurale quindi) Il secondo ritorno a cui ho assistito questa settimana è teatrale. “We will rock you” (devo dire ancora che è il musical scritto con le canzoni dei Queen?) è di nuovo in tour e tra pochi giorni si prepara ad affrontare il pubblico milanese (Al teatro Ciak per tre settimane, dal giovedi alla domenica).
Ho avuto modo di collaborare nel 2011 con la produzione italiana di We will rock you, e ho avuto modo di vedere anche la versione originale inglese al teatro Dominion di Londra dove è andato in scena per oltre 10 anni consecutivi.

La versione di quel periodo era ricca di effetti speciali in una scenografia maestosa. La versione 2018/2019 ha ridotto scene ed effetti e presenze di ballerini sul palco. Non solo in Italia, ma anche nei paesi (come in Francia) dove viene rappresentato.

Questo per fare in modo di portare la produzione anche in teatri di medie dimensioni.
Qui lo show è tutto sulle spalle degli interpreti, molti dei quali già in scena nella prima edizione. Troviamo infatti Salvo Vinci (Galileo), Valentina Ferrari (Killer Queen), Loredana Fadda (Oz), Massimiliano Colonna (Pop), Paolo Barillari (originariamente Brit, ora Khashoggi). E le due nuove entrate Alessandra Ferrari (Scaramouche) e Claudio Zanelli (Brit).

Loro sono lo show. Le loro voci sono lo show. E se volete sentire come si canta davvero, andate a vedere We Will Rock you. Che, tra l’altro, sta raccogliendo successi e tutto esauriti ovunque, penso anche grazie alla nuova Queen mania scoppiata grazie al film (non lo nomino, è inutile…).

  • Articoli
Chi sono
Responsabile della Redazione Milano e Autrice La Nouvelle Vague Magazine
Giornalista pubblicista dal 1988 (critico musicale e spettacolo per quotidiani, mensili femminili e musicali), inizia la sua storia professionale come ufficio stampa nel campo della musica e dello spettacolo con uno dei più grandi promoter italiani, Franco Mamone, noto, tra gli altri, per i tour di Springsteen e Sting oltre che per essere stato manager della PFM. Inizia infatti con lui nel 1989 l’attività, tra i pochi consulenti del settore della comunicazione allora in circolazione. Da quel momento collabora con molti promoter italiani per tourneé italiane di cantanti italiani (Ramazzotti, Jovanotti, Carboni, Raf, Antonacci, 883) ed internazioni (U2, Springsteen, Sting, Dire Straits, Paul Mc Cartney, David Bowie, Michael Jackson, Sex Pistols, Cure, Kiss, Metallica, Bob Geldof), festival rock come Sonoria e Gods of Metal ed eventi (per Rai Due si occupa della promozione del Cantagiro 1992 – con Fiorello – e 1993). E’ ufficio stampa di Francesco de Gregori, Enrico Ruggeri, Riccardo Cocciante, Ornella Vanoni, Gino Paoli, Antonello Venditti, Lucio Dalla, Angelo Branduardi, Litfiba. Collabora esternamente con Emi Music Italy, con la quale contribuisce al lancio italiano di Coldplay e Gorillaz e agli album di Robbie Williams, Paul Mc Cartney (con incontro stampa a Milano) ecc.. e con diverse etichette indipendenti. Dal 1990 al 2001 è collaboratrice di Mario Luzzatto Fegiz del Corriere della Sera con il quale firma, per tre stagioni consecutive, il programma di Radio2 Rai “Fegiz Files”. Sempre con Fegiz, oltre a seguire la sua normale attività di critico musicale, lancia le prime collane di musica allegate al quotidiano quali “Cantautori Italiani” e “Musica per Sempre”. Si occupa, sempre per Radio2 de “I concerti dai Magazzini Generali di Milano” per tre stagioni consecutive. Negli ultimi anni ha lavorato sempre come consulente comunicazione, pr, promozione giornali, radio tv anche con importanti tour teatrali come “Notre Dame De Paris” (2003 da diretta tv Rai1 e tour 2004) ,“Tosca Amore Disperato” (tour 2004) “Cirque Du Soleil-Saltimbanco” (2004 Milano e Roma), Joaquin Cortes (2005) Arturo Brachetti “L’uomo dai 1000 volti” (2007). Dal settembre 2009 a gennaio 2013 è ufficio stampa del Teatro degli Arcimboldi di Milano. Nel 2010 ha seguito, sempre come ufficio stampa, le produzioni del Teatro delle Erbe (Divina commedia, Caveman, Christmas show). Ha assunto l’ufficio stampa del tour 2011 del decimo anniversario di “Notre Dame De Paris” e nel 2012 ufficio stampa di “Peter Pan il Musical” per Il Sistina. Nel 2013 è’ ufficio stampa dell’evento “Sensation Source of light” in esclusiva per l’Italia il 13 aprile 2013; di “Siddharta il Musical” e della pièce teatrale “Apnèa” Nel 2014 consulente comunicazione del musical “Spring Awakening”
  • endgame
    ENDGAME – Ricomincio dalla fine

    Inizia Sanremo con lo strascico delle solite polemiche. Quanto pagano i presentatori…la dichiarazione di Baglioni e la relativa telefonata chiarificatrice con Salvini. Ah si..nel frattempo hanno anche fatto ascoltare le canzoni in gara. Ma non le ho sentite quindi rimando le opinioni su Sanremo. Si, stasera inizia quella roba di Celentano che con la promozione […]

  • Musicanti, ovvero chi ha il pane …

    Inizia Sanremo con lo strascico delle solite polemiche. Quanto pagano i presentatori…la dichiarazione di Baglioni e la relativa telefonata chiarificatrice con Salvini. Ah si..nel frattempo hanno anche fatto ascoltare le canzoni in gara. Ma non le ho sentite quindi rimando le opinioni su Sanremo. Si, stasera inizia quella roba di Celentano che con la promozione […]

  • Netflix
    Netflix o non Netflix

    Inizia Sanremo con lo strascico delle solite polemiche. Quanto pagano i presentatori…la dichiarazione di Baglioni e la relativa telefonata chiarificatrice con Salvini. Ah si..nel frattempo hanno anche fatto ascoltare le canzoni in gara. Ma non le ho sentite quindi rimando le opinioni su Sanremo. Si, stasera inizia quella roba di Celentano che con la promozione […]

  • Da Sanremo agli Oscar: il ritorno dei faraoni

    Questo è stato il mio primo pensiero quando questa mattina ho letto la lista dei vincitori degli Oscar 2019 assegnati a Los Angeles questa notte.

  • La polemica della domenica pomeriggio

    Inizia Sanremo con lo strascico delle solite polemiche. Quanto pagano i presentatori…la dichiarazione di Baglioni e la relativa telefonata chiarificatrice con Salvini. Ah si..nel frattempo hanno anche fatto ascoltare le canzoni in gara. Ma non le ho sentite quindi rimando le opinioni su Sanremo. Si, stasera inizia quella roba di Celentano che con la promozione […]

  • Sanremo. Il rito del giorno dopo

    Inizia Sanremo con lo strascico delle solite polemiche. Quanto pagano i presentatori…la dichiarazione di Baglioni e la relativa telefonata chiarificatrice con Salvini. Ah si..nel frattempo hanno anche fatto ascoltare le canzoni in gara. Ma non le ho sentite quindi rimando le opinioni su Sanremo. Si, stasera inizia quella roba di Celentano che con la promozione […]

  • Lo sconosciuto mondo delle Ball

    Sto seguendo con grande interesse una serie appena sbarcata su Netflix italia intitolata “Pose”. Interessante perché descrive un mondo, una realtà, una cultura poco o per nulla conosciuta qui in Italia, la realtà delle ballroom community, in breve Ball.

  • Non ci resta che… ridere

    Inizia Sanremo con lo strascico delle solite polemiche. Quanto pagano i presentatori…la dichiarazione di Baglioni e la relativa telefonata chiarificatrice con Salvini. Ah si..nel frattempo hanno anche fatto ascoltare le canzoni in gara. Ma non le ho sentite quindi rimando le opinioni su Sanremo. Si, stasera inizia quella roba di Celentano che con la promozione […]

  • I ritorni: le polemiche preSanremo, Celentano, True Detective e altre amenità

    Inizia Sanremo con lo strascico delle solite polemiche. Quanto pagano i presentatori…la dichiarazione di Baglioni e la relativa telefonata chiarificatrice con Salvini. Ah si..nel frattempo hanno anche fatto ascoltare le canzoni in gara. Ma non le ho sentite quindi rimando le opinioni su Sanremo. Si, stasera inizia quella roba di Celentano che con la promozione […]

  • Il pretesto della Musica del Diavolo

    Inizia Sanremo con lo strascico delle solite polemiche. Quanto pagano i presentatori…la dichiarazione di Baglioni e la relativa telefonata chiarificatrice con Salvini. Ah si..nel frattempo hanno anche fatto ascoltare le canzoni in gara. Ma non le ho sentite quindi rimando le opinioni su Sanremo. Si, stasera inizia quella roba di Celentano che con la promozione […]

×
Responsabile della Redazione Milano e Autrice La Nouvelle Vague Magazine
Giornalista pubblicista dal 1988 (critico musicale e spettacolo per quotidiani, mensili femminili e musicali), inizia la sua storia professionale come ufficio stampa nel campo della musica e dello spettacolo con uno dei più grandi promoter italiani, Franco Mamone, noto, tra gli altri, per i tour di Springsteen e Sting oltre che per essere stato manager della PFM. Inizia infatti con lui nel 1989 l’attività, tra i pochi consulenti del settore della comunicazione allora in circolazione. Da quel momento collabora con molti promoter italiani per tourneé italiane di cantanti italiani (Ramazzotti, Jovanotti, Carboni, Raf, Antonacci, 883) ed internazioni (U2, Springsteen, Sting, Dire Straits, Paul Mc Cartney, David Bowie, Michael Jackson, Sex Pistols, Cure, Kiss, Metallica, Bob Geldof), festival rock come Sonoria e Gods of Metal ed eventi (per Rai Due si occupa della promozione del Cantagiro 1992 – con Fiorello – e 1993). E’ ufficio stampa di Francesco de Gregori, Enrico Ruggeri, Riccardo Cocciante, Ornella Vanoni, Gino Paoli, Antonello Venditti, Lucio Dalla, Angelo Branduardi, Litfiba. Collabora esternamente con Emi Music Italy, con la quale contribuisce al lancio italiano di Coldplay e Gorillaz e agli album di Robbie Williams, Paul Mc Cartney (con incontro stampa a Milano) ecc.. e con diverse etichette indipendenti. Dal 1990 al 2001 è collaboratrice di Mario Luzzatto Fegiz del Corriere della Sera con il quale firma, per tre stagioni consecutive, il programma di Radio2 Rai “Fegiz Files”. Sempre con Fegiz, oltre a seguire la sua normale attività di critico musicale, lancia le prime collane di musica allegate al quotidiano quali “Cantautori Italiani” e “Musica per Sempre”. Si occupa, sempre per Radio2 de “I concerti dai Magazzini Generali di Milano” per tre stagioni consecutive. Negli ultimi anni ha lavorato sempre come consulente comunicazione, pr, promozione giornali, radio tv anche con importanti tour teatrali come “Notre Dame De Paris” (2003 da diretta tv Rai1 e tour 2004) ,“Tosca Amore Disperato” (tour 2004) “Cirque Du Soleil-Saltimbanco” (2004 Milano e Roma), Joaquin Cortes (2005) Arturo Brachetti “L’uomo dai 1000 volti” (2007). Dal settembre 2009 a gennaio 2013 è ufficio stampa del Teatro degli Arcimboldi di Milano. Nel 2010 ha seguito, sempre come ufficio stampa, le produzioni del Teatro delle Erbe (Divina commedia, Caveman, Christmas show). Ha assunto l’ufficio stampa del tour 2011 del decimo anniversario di “Notre Dame De Paris” e nel 2012 ufficio stampa di “Peter Pan il Musical” per Il Sistina. Nel 2013 è’ ufficio stampa dell’evento “Sensation Source of light” in esclusiva per l’Italia il 13 aprile 2013; di “Siddharta il Musical” e della pièce teatrale “Apnèa” Nel 2014 consulente comunicazione del musical “Spring Awakening”
Latest Posts
  • endgame
  • Netflix

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.