In scena al Rossetti un grande classico goldoniano, I Rusteghi, per la fedele e attenta regia di Giuseppe Emiliani: in platea un pubblico variegato, per età e interessi, che attende di vedere un’altra edizione di questo capolavoro della drammaturgia italiana.

Non è la prima volta che I Rusteghi approdano al Politeama in tutta la loro aspra ed esilarante durezza “salvadega”: basta pensare all’ultima messinscena del 2011, per la regia di Gabriele Vacis, che ne aveva offerto una versione riadattata nel testo e innovativa nell’allestimento scenico. Nella regia di Emiliani invece è lampante una fedele quanto accurata attenzione alla tradizione a partire proprio dal linguaggio, conservato nella sua irresistibile dialettalità fino alla cura per gli abiti che rappresentano la visione esteriore degli usi e dei costumi della Venezia del tempo.

Rusteghi
Lo stile di vita morigerato imposto dalla rudezza dei mariti si rivela, nel corso dello spettacolo, assurdo e limitato: le convinzioni datate sono la dimora impenetrabile e inattaccabile che si rispecchia nei loro abiti e nell’aspetto dimesso e castigato delle loro donne che subiranno però un cambiamento evidente nel secondo atto.
I rusteghi per l’autore sono incarnati proprio in questi protagonisti burberi e a tratti misogini, chiusi nella loro limitata quanto vuota visione del mondo: attraverso di essi Goldoni denuncia l’involuzione dell’icona originaria dell’onesto, avveduto e responsabile borghese veneziano delle prime commedie, rappresentato dal mercante Pantalone. Al suo posto è subentrato il pater familias che si atteggia a protettore della morale, una maschera di comportamenti tiranni e scorbutici, talmente ottusi da risultare sbalorditivi quanto esilaranti all’occhio esterno dell’“omo civilRiccardo, amico della Siora Felice. La donna con la sua forza espressiva, la libertà di pensiero e la sottile quanto efficace retorica del linguaggio è la portavoce dell’autore, la ponderata e allegra provocazione del Teatro. Sior Riccardo, vivace e ricercato nell’espressione verbale e nel costume, è il rappresentante esplicito del pubblico sulla scena che assiste incredulo ma anche profondamente contrariato al “teatrino” assurdo, messo in piedi dai rusteghi.

Goldoni dipinge con sapiente e ironica maestria la scorza dura di questi individui che, ancorati alla loro visione del mondo, finiscono per diventare delle bestie e si rendono maschere di loro stessi, vuoti nella sostanza, ridicoli nell’apparenza, soprattutto quando organizzano il matrimonio combinato tra i loro figli, imponendo che questi non possano incontrarsi prima del rito. Sarà proprio questo ennesimo sopruso a far agire le mogli, capitanate da Siora Felice per ordire un piano che permetta ai promessi sposi di vedersi.
Nel secondo atto i vestiti delle donne si fanno audaci e vezzosi, irrompono i colori, subentra la libertà di espressione estetica: tale trasformazione però non è solo esteriore, come accade quando ci si traveste per il carnevale. Il cambiamento d’abito rivela un significativo rinnovamento in quello che è “l’abito mentale”: Siora Felice, autrice della “commedia nella commedia” per far conoscere i due ragazzi, è riuscita a convincere le donne e, grazie all’arringa finale, a far sì che tutto andasse per il meglio.

Nonostante la burla e il lieto fine, tuttavia sembra che nella sostanza l’animo rustego e retrogrado rimanga vivo nei mariti. Un po’ come avviene nella scenografia: pannelli che scorrono e che, a seconda della loro posizione, rivelano scenari diversi che in realtà rappresentano scorci della stessa scena immutata. Allora il teatro è veramente un rito sociale divertente ma inutile quanto la retorica di Siora Felice?

Goldoni mostra, suggerisce ma non impone: in questo non è assolutamente “rustego” ma moderno e vero ed è per questo che consiglio di andare a teatro e cogliere l’occasione per divertirsi e riflettere.

In scena al Rossetti fino al 21 febbraio.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.