Un miliardo e cinque milioni di dollari è quando ha incassato fino ad oggi nel mondo “IL CAVALIERE OSCURO – IL RITORNO”, terza e ultima parte della trilogia di Batman firmata da Christopher Nolan.

C’è veramente poco da dire sulla qualità di questo film, molto poco. Una parola sola: capolavoro. I due precedenti erano splendidi, questo è un capolavoro. Ancora una volta Nolan ha saputo mischiare azione e ironia, suspence e sentimento, effetti speciali e dramma psicologico.

Il miliardario Bruce Wayne (Christian Bale) , dopo sei anni di volontaria reclusione dorata, torna ad essere Batman per affrontare il cattivo di turno, il corpulento Bane (Tom Hardy) dalla forza sovrumana , il cui volto è coperto da un impianto che gli permette di respirare. Bane pare essere il più efferrato dei cattivi fino ad ora affrontati da Batman. In una sorta di escalation del male, Bane è sicuramente più truce di Spaventapasseri e Ra’s al Ghul (Batman Begins) e di Due Facce e Joker (Il cavaliere Oscuro). Bane spezza il collo come un essere umano spezza un grissino, butta bombe come fossero caramelle. Bane, mercenario e nuovo capo della “Setta delle Ombre” in realtà è solo il “braccio” di una mente che vuole portare a termine le intenzioni del suo genitore…distruggere Gotham City .

Naturalmente non ce la farà (non è rivelare il finale, è ovvio che il buono vince sempre…, anche perché l’epilogo è un altro…). Wayne riuscirà a rialzarsi dalla sua stessa reclusione ,dai malesseri fisici e dal disagio mentale e, successivamente, dalla reclusione forzata dagli acciacchi connessi e da ulteriori disagi mentali in cui lo getterà Bane. Da qui assisterà impotente all’inizio della distruzione di Gotham City. Ma la rabbia lo spingerà a liberarsi e a salvare la città dal (o dalla) cattivo/a grazie anche alla “redenzione” (e alla quasi
scontata love story) della ladra Selina Kyle (Anne Hathaway) che si deduce essere Catwoman ma nel film non sarà mai nominata.Batman

Non mancano i coprotagonisti dei due episodi precedenti come il fedele maggiordomo Alfred (Michel Caine), che riserverà una sorpresa amara; Lucius Fox (Morgan Freeman), ex responsabile dei progetti speciali della Wayne Enterprises, diventato poi Amministratore Delegato della stessa; Jim Gordon (Gary Oldman), commissario della polizia di Gotham che finalmente capirà (ma solo alla fine) chi c’è dietro la maschera di Batman. Chi sa invece chi è Batman è John Blake (Joseph Gordon-Lewitt), poliziotto di Gotham, cresciuto in un orfanotrofio sostenuto dalla fondazione Wayne che incontrò da ragazzino. Sarà proprio lui che esorterà Wayne a tornare a vestire i panni di Batman e che farà qualcosa alla fine per cui si presume che la saga potrebbe andare avanti.

Già potrebbe perché il regista Nolan ha dichiarato che non è intenzionato a dare seguito, che la saga è stata studiata per essere divisa in tre capitoli. Però…però lascia questa finestra legata al personaggio Blake…e non solo…(ovvio che tutti i colpi di scena siano negli ultimi 10 minuti…).

Meriterebbe un Oscar il regista Christopher Nolan, un oscar per questo film e, infondo, per tutta la trilogia. Difficilmente mi è capitato di pensare, alla fine di un film “mi fermo e lo rivedo”. Con questo è successo.

BatmanMerito di una trama avvincente dove l’eroe è umano e quindi spesso sconfitto, di effetti speciali efficaci ma non strabordanti, di una colonna sonora quasi monotona, ossessiva, di un’interpretazione mai sopra le righe (e non sono d’accordo con chi dice che Bane ruba la scena a Batman).

Meriterebbe un Oscar , Nolan. Potrebbe ripensarci e donarci un quarto Batman. Il pubblico che ha speso un miliardo e cinque milioni di dollari (a oggi), tutto sommato se lo aspettano.

Alcune immagini del film

  • Articoli
Chi sono
Responsabile della Redazione Milano e Autrice La Nouvelle Vague Magazine
Giornalista pubblicista dal 1988 (critico musicale e spettacolo per quotidiani, mensili femminili e musicali), inizia la sua storia professionale come ufficio stampa nel campo della musica e dello spettacolo con uno dei più grandi promoter italiani, Franco Mamone, noto, tra gli altri, per i tour di Springsteen e Sting oltre che per essere stato manager della PFM. Inizia infatti con lui nel 1989 l’attività, tra i pochi consulenti del settore della comunicazione allora in circolazione. Da quel momento collabora con molti promoter italiani per tourneé italiane di cantanti italiani (Ramazzotti, Jovanotti, Carboni, Raf, Antonacci, 883) ed internazioni (U2, Springsteen, Sting, Dire Straits, Paul Mc Cartney, David Bowie, Michael Jackson, Sex Pistols, Cure, Kiss, Metallica, Bob Geldof), festival rock come Sonoria e Gods of Metal ed eventi (per Rai Due si occupa della promozione del Cantagiro 1992 – con Fiorello – e 1993). E’ ufficio stampa di Francesco de Gregori, Enrico Ruggeri, Riccardo Cocciante, Ornella Vanoni, Gino Paoli, Antonello Venditti, Lucio Dalla, Angelo Branduardi, Litfiba. Collabora esternamente con Emi Music Italy, con la quale contribuisce al lancio italiano di Coldplay e Gorillaz e agli album di Robbie Williams, Paul Mc Cartney (con incontro stampa a Milano) ecc.. e con diverse etichette indipendenti. Dal 1990 al 2001 è collaboratrice di Mario Luzzatto Fegiz del Corriere della Sera con il quale firma, per tre stagioni consecutive, il programma di Radio2 Rai “Fegiz Files”. Sempre con Fegiz, oltre a seguire la sua normale attività di critico musicale, lancia le prime collane di musica allegate al quotidiano quali “Cantautori Italiani” e “Musica per Sempre”. Si occupa, sempre per Radio2 de “I concerti dai Magazzini Generali di Milano” per tre stagioni consecutive. Negli ultimi anni ha lavorato sempre come consulente comunicazione, pr, promozione giornali, radio tv anche con importanti tour teatrali come “Notre Dame De Paris” (2003 da diretta tv Rai1 e tour 2004) ,“Tosca Amore Disperato” (tour 2004) “Cirque Du Soleil-Saltimbanco” (2004 Milano e Roma), Joaquin Cortes (2005) Arturo Brachetti “L’uomo dai 1000 volti” (2007). Dal settembre 2009 a gennaio 2013 è ufficio stampa del Teatro degli Arcimboldi di Milano. Nel 2010 ha seguito, sempre come ufficio stampa, le produzioni del Teatro delle Erbe (Divina commedia, Caveman, Christmas show). Ha assunto l’ufficio stampa del tour 2011 del decimo anniversario di “Notre Dame De Paris” e nel 2012 ufficio stampa di “Peter Pan il Musical” per Il Sistina. Nel 2013 è’ ufficio stampa dell’evento “Sensation Source of light” in esclusiva per l’Italia il 13 aprile 2013; di “Siddharta il Musical” e della pièce teatrale “Apnèa” Nel 2014 consulente comunicazione del musical “Spring Awakening”
×
Responsabile della Redazione Milano e Autrice La Nouvelle Vague Magazine
Giornalista pubblicista dal 1988 (critico musicale e spettacolo per quotidiani, mensili femminili e musicali), inizia la sua storia professionale come ufficio stampa nel campo della musica e dello spettacolo con uno dei più grandi promoter italiani, Franco Mamone, noto, tra gli altri, per i tour di Springsteen e Sting oltre che per essere stato manager della PFM. Inizia infatti con lui nel 1989 l’attività, tra i pochi consulenti del settore della comunicazione allora in circolazione. Da quel momento collabora con molti promoter italiani per tourneé italiane di cantanti italiani (Ramazzotti, Jovanotti, Carboni, Raf, Antonacci, 883) ed internazioni (U2, Springsteen, Sting, Dire Straits, Paul Mc Cartney, David Bowie, Michael Jackson, Sex Pistols, Cure, Kiss, Metallica, Bob Geldof), festival rock come Sonoria e Gods of Metal ed eventi (per Rai Due si occupa della promozione del Cantagiro 1992 – con Fiorello – e 1993). E’ ufficio stampa di Francesco de Gregori, Enrico Ruggeri, Riccardo Cocciante, Ornella Vanoni, Gino Paoli, Antonello Venditti, Lucio Dalla, Angelo Branduardi, Litfiba. Collabora esternamente con Emi Music Italy, con la quale contribuisce al lancio italiano di Coldplay e Gorillaz e agli album di Robbie Williams, Paul Mc Cartney (con incontro stampa a Milano) ecc.. e con diverse etichette indipendenti. Dal 1990 al 2001 è collaboratrice di Mario Luzzatto Fegiz del Corriere della Sera con il quale firma, per tre stagioni consecutive, il programma di Radio2 Rai “Fegiz Files”. Sempre con Fegiz, oltre a seguire la sua normale attività di critico musicale, lancia le prime collane di musica allegate al quotidiano quali “Cantautori Italiani” e “Musica per Sempre”. Si occupa, sempre per Radio2 de “I concerti dai Magazzini Generali di Milano” per tre stagioni consecutive. Negli ultimi anni ha lavorato sempre come consulente comunicazione, pr, promozione giornali, radio tv anche con importanti tour teatrali come “Notre Dame De Paris” (2003 da diretta tv Rai1 e tour 2004) ,“Tosca Amore Disperato” (tour 2004) “Cirque Du Soleil-Saltimbanco” (2004 Milano e Roma), Joaquin Cortes (2005) Arturo Brachetti “L’uomo dai 1000 volti” (2007). Dal settembre 2009 a gennaio 2013 è ufficio stampa del Teatro degli Arcimboldi di Milano. Nel 2010 ha seguito, sempre come ufficio stampa, le produzioni del Teatro delle Erbe (Divina commedia, Caveman, Christmas show). Ha assunto l’ufficio stampa del tour 2011 del decimo anniversario di “Notre Dame De Paris” e nel 2012 ufficio stampa di “Peter Pan il Musical” per Il Sistina. Nel 2013 è’ ufficio stampa dell’evento “Sensation Source of light” in esclusiva per l’Italia il 13 aprile 2013; di “Siddharta il Musical” e della pièce teatrale “Apnèa” Nel 2014 consulente comunicazione del musical “Spring Awakening”
Latest Posts
  • endgame
  • Netflix

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.