Raramente capita di assistere ad uno spettacolo da un titolo apparentemente leggero, un titolo che sembra quasi “sbagliato e inadeguato”, uno di quegli spettacoli  nei quali nel momenti in cui  ti siedi non hai nessuna piacevole aspettativa.  Pensi ti annoierà e ti farai una piacevole pennichella  per ritrovarti  poi con sorpresa e stupore a partecipare e a vivere  ad una piece che di sbagliato ha poco o nulla.

Il coraggio fa….90 scritto e interpretato da Giuseppe Arnone e diretto da Claudio Zarlocchi  in scena al teatro Millelire dall’otto al tredici aprile è una delle più belle e piacevoli sorprese degli ultimi mesi nello scenario degli spettacoli off.

Il coraggio fa ….90 è la storia di un ragazzo siciliano trapiantato a Milano per lavoro, città che al protagonista non ha rubato apparentemente solo l’identità ma anche l’accento. Ma questo è solo il prologo ironico-amaro per catapultarci con le ali della nostalgia in un paesino della Sicilia, con il suo profumo di arance e limoni e di mare, e quegli odori sembra quasi di sentirli. E poi i ricordi si spostano all’estate degli anni 90, a quel mondiale che vede la consacrazione di Totò Schillaci e del “codino forse arruso” Roberto Baggio. Personaggi che vivono e rivivono come personaggi mitologici negli occhi di quel bambino seduto davanti ad una televisione Philips 32 pollici insieme alla sua numerosa e colorata famiglia. Il testo funziona molto bene, con una scrittura semplice, ironica, molto vera e appassionata da cui traspare benissimo tutta la malinconia e la poesia di un tempo andato, si sente quasi il sapore, il calore e il sole di quel paesino della Sicilia, l’identità e l’orgoglio di una famiglia e di una realtà che forse non esistono più. Giuseppe Arnone è bravissimo ad interpretare un monologo non monologo, dando mille voci e accenti alla  narrazione, il personaggio diventa multiplo, trasformista ad un certo punto sembra di vedere diversi personaggi in scena ma in realtà è sempre uno. Si ride, si sorride, si sogna ci si commuove e le ali della nostalgia alle note agrumate di fiori di arancio ci riconducono in tempi in cui la vita sembrava più leggera e i sogni sembravano così maledettamente vivi e a portata di mano.

Inaspettato il finale, che per denuncia sociale e valenza storica dell’avvenimento meritava un respiro più ampio e maggiormente approfondito. Uno spettacolo che comunque sorprende per originalità, bellezza e ricchezza poetica. Assolutamente da vedere e da applaudire.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.