Il Festival del cinema Latino Americano apre con Piazzolla

1133

La XXXII  edizione del Festival del Cinema Latino Americano di Trieste apre con un evento speciale dedicato ad un artista icona del Nuevo Tango: Astor Piazzolla

PiazzollaIl Festival del Cinema Latino Americano rappresenta un appuntamento che si pone come strumento di connessione tra l’Italia e la culture latinoamericana.

Come ricordato dal direttore Rodrigo Diaz,  durante la serata inaugurale, già  nel corso dell’Ottocento e Novecento soprattutto, gli italiani e i latinoamericani, hanno vissuto l’incontro grazie al fenomeno dell’immigrazione.

Nelle parole di Diaz, è potente la voglia di far in modo che le nostre culture si conoscano più nel profondo e per farlo è fondamentale scoprire le radici, per meglio conoscere la pianta riscoprendo le similarità e apprezzando le differenze.

Proprio da un incipit simile si inserisce la scelta di proiettare un documentario su Astor Piazzolla e la sua vita da esule in Europa.

Tango in Paris- memories of Astor Piazzolla, diretto da Rodrigo Guion,  è un vero omaggio all’amicizia tra grandi artisti accomunati, oltre che dalla loro arte, anche dall’essere esuli in un paese straniero.

Due amici che divennero fratelli

Astor Piazzolla e Josè Pons, due vite che una volta incontrate rimasero insieme fino alla fine. Due amici che divennero fratelli, uniti dalla condivisione di ideali e dalla voglia di ripensare la musica esplorando nuove possibilità emozionali.

Un racconto di poetico attraverso immagini e registrazioni inedite di uno spaccato di amicizie e della naturalezza dei processi creativi che le animarono.

Incredibile vedere una festa di compleanno, in un appartamento di Parigi situato al numero 16 di Rue Descartes; incredibile pensare di vedere tutti insieme riuniti Astor Piazzolla, Josè Pons, Atahualpa Yupanqui, Mercedes Sosa, incredibile assistere a un tale processo creativo ma soprattutto alla grande amicizia che per tanto tempo ha unito i protagonisti di un momento decisivo per la cultura latinoamericana.

Un inizio davvero entusiasmante

Il Festival entrerà nel vivo già domani 21 alla scuola per interpreti di Via Filzi a Trieste con la proiezione di Silo un camin espiritual di Pablo Lavin alle 14.00 nella sezione Contemporanea Fuori Concorso; a seguire Cantar con sentido di Leonardo Beltràn alle 15.00, mentre alle 16.00 nella sezione contemporanea in concorso Opjalà vivas tiempos interesantes di Santiago Van Dam.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.