Si aprirà il prossimo 14 maggio il prestigioso Festival Internazionale del Cinema di Cannes.
Giunta alla 67 esima edizione, la rassegna dedicata alla settima arte, richiama anche quest’anno grandi nomi del panorama cinematografico internazionale ed ospiti illustri a sfilare sulla croisette.
Tra le personalità presenti di grande rilievo è da annoverare quella della regista premio Oscar Jane Campion nominata quest’anno come presidente della Giuria. Produttrice e sceneggiatrice, la regista neo zelandese torna a Cannes, in una nuova veste, dopo aver vinto la palma d’oro nel 1986 con il cortometraggio “Peel, aka An Exercise in Discipline” , uno dei premi che hanno in seguito costellato la sua carriera.
Al fianco della Campion troviamo, nelle fila dei giurati, una rosa di nomi internazionali come l’attrice francese Carole Bouquet, l’iraniana Leila Hatami, la regista Sofia Coppola, l’attore Willem Dafoe, il regista cinese Jia Zhangke solo per citarne alcuni.
Lo scorso 17 aprile è stata annunciata la selezione ufficiale dei film che si contenderanno la Palma d’Oro. Sarà “Grace di Monaco” del regista Olivier Dahan il film d’apertura fuori concorso del Festival. Una pellicola che ha suscitato diverse polemiche e che vede Nicole Kidman interpretare il ruolo della principessa.
In competizione nella selezione ufficiale quest’anno è da evidenziare la presenza della regista italiana Alice Rhorwacher che, con “Le meraviglie” ,torna a Cannes a tre anni di distanza dal suo esordio cinematografico con la pellicola “Il corpo celeste” che nel 2011 le valse il Nastro d’argento come miglior regista esordiente.
E’ uno scenario ricco e dinamico quello della selezione ufficiale tra cui spiccano i nomi di David Cronenberg con il film “Maps to the stars” , Ken Loach che presenta “Jimmy’s Hall” , l’attore – regista Tommy Lee Jones in concorso con “ The Homesman” e ancora uno dei padri della Nouvelle Vague, l’83 enne Jean-Luc Godard con il lungometraggio “ Adieu au langage” , senza dimenticare la regista giapponese Naomi Kawase che con “ Fatatsume no mado” ( still the water) torna sulla croisette. Nome conosciuto, a Cannes e non solo, quello della regista del sol levante già vincitrice nel 1997 della Camera d’Or per l’opera “ Moe no suzaku”.
Ritroviamo l’Italia anche nella sezione Un certain regard  grazie alla presenza dell’attrice- regista Asia Argento, in concorso con “Incompresa” la sua terza pellicola in qualità di regista. Molto interessanti le altre proposte candidate in questa sezione come “ Lost river” dell’attore americano Ryan Gosling che debutta con quest’opera dietro la macchina da presa, e l’intimo connubio tra il regista Wim Wenders e Juliano Ribeiro Salgado figlio del noto fotografo Sebastiao Salgado, che presentano in concorso “ The salt of the earth”. Un film documentario che indaga la vita e, in modo particolare, il lavoro del noto fotografo brasiliano dal punto di vista del figlio Juliano, che lo ha accompagnato nei suoi viaggi in questi ultimi anni, e di Wenders fotografo lui stesso.
Uno sguardo attento al cinema italiano ed europeo emerge da questa edizione del Festival di Cannes, da sempre incline alla scelta di un cinema ricercato e di qualità.
Il poster ufficiale di quest’anno infatti, è rappresentato dall’affascinante sguardo di Marcello Mastroianni immortalato in un fotogramma del film “8 1/2” di Federico Fellini. I graphic designer Hervé Chigioni e Gilles Frappier che hanno scelto l’immagine hanno motivato così la loro decisione: “ Con Marcello Mastroianni e Federico Fellini celebriamo un cinema libero e aperto al mondo, riconoscendo ancora una volta l’importanza artistica del cinema italiano ed europeo attraverso una delle sue figure più straordinarie. Il modo in cui Mastroianni ci guarda da sopra quegli occhiali scuri ci attira subito in una promessa di felicità cinematografica completa”.
Non resta allora che attendere il 14 maggio.

Per tutte le info rimandiamo al sito ufficiale del Festival:  www.festival-cannes.com

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.lanouvellevague.it/home/wp-content/plugins/ultimate-author-box/inc/frontend/uap-shortcode.php on line 119
style=”display:none;”>
Author Details
“L’unico vero viaggio verso la scoperta non consiste nella ricerca di nuovi paesaggi, ma nell’avere nuovi occhi.” Marcel Proust
×
“L’unico vero viaggio verso la scoperta non consiste nella ricerca di nuovi paesaggi, ma nell’avere nuovi occhi.” Marcel Proust

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.