Si parte da una scenografia che richiama un po’ gli scaffali delle nostre tabaccherie, una sorta di Las Vegas artigianale, centinaia di gratta e vinci tappezzano il fondale e i lati della scena. Tutto questo colore, unito ad un disegno luci da casinò, preannuncia all’avvio di una commedia che possa condurre ripetutamente lo spettatore alla risata: ma il Ficcasoldi di Rosario Mastrota con Dalila Cozzolino, Marco Foscari e Marco Usai andato in scena al teatro Kopò dal 21 al 23 marzo non è solo questo, anzi.

Il Ficcasoldi è un atto unico che con leggerezza mai banale o superficiale tratta una piaga dei nostri giorni, la dipendenza dal gioco d’azzardo e dalle macchine mangia soldi “le slot machines”.

Il protagonista è un giovane imprenditore nel settore abbigliamento, la crisi economica ha bruciato il suo lavoro. Nel tentativo di rialzare la testa e ricominciare la sua vita, il caso lo trascina in un bar. Basta solo un euro, trovato per caso, e la sua vita inizia a virare in una direzione che presto sfugge al controllo.

Una moglie vicina, ma che non percepisce il disagio  e la frustrazione del compagno, un barista complice di inganni, l’annullamento del protagonista:  la storia inizia a muoversi sui fili di un vero e proprio dramma: l’esistenza di un uomo che perde,non solo soldi, ma sempre e continuamente se stesso. Una vita che va a pezzi, si frantuma, esattamente come un sacco di monete gettate a terra. Parallelamente emerge un universo parallelo, quello della malavita organizzata, che sull’ebbrezza compulsiva del gioco e la disperazione della gente costruisce la sua fortuna e il suo impero. Il tutto condurrà ad un finale amaro ma vero, tutto da vivere e scoprire.

Il ficca soldi è un bello spettacolo fatto da giovani e per questo è energico, ben scritto e ben recitato e vissuto  con grande “verità” dai tre protagonisti in scena. Forse  può risultare lento in alcuni punti ma recupera benissimo grazie a delle belle trovate sceniche, siparietti comici che non depotenziano il narrato, anzi attraverso il bisturi dell’ironia sottolineano come l’imperante etica del “vincere facile” e del “vivere facile” sia in realtà una macchinazione per “giocare”  esattamente come i led delle slot con la vita altrui.

Da vedere, da sentire.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.