Il Lago dei Cigni al Brancaccio: una favola romantica senza fine

Il Lago dei CigniMetti le musiche di Tchaikovsky, l’iconografia del cigno bianco immortalata dal coreografo Marius Petipa e la magia prenatalizia: tutto sembra già visto, già raccontato, un’oleografia cristallizzata nella cultura europea e internazionale moderna e, nonostante ciò, assistere alla rappresentazione del Lago dei Cigni è un’emozione lirica che si rinnova. La compagnia bulgara Sofia City Ballet porta al Teatro Brancaccio di Roma, il 3 e il 4 dicembre, quella che è stata definita l’opera più incantevole e immortale di Tchaikovsky: nonostante i limiti del Brancaccio che, di certo, non si presta ad ospitare scenografie imponenti (non è certo il Bolshoi) i quattro atti dell’opera sono un ensemble di talento, virtuosismi e momenti di grande performance di danza. Dalle performance più corali dove i ballerini danno spettacolo di sé agli assoli dove il primo ballerino Ovidiu Iancu compone in una variazione di avvitamenti, pliè, piroette il suo struggimento di amore per Odette e, per converso, la variazione del “cigno bianco”, (Tatiana Goljacova) con i suoi bellissimi arabesque e cambré, cattura immagini di alta potenza stilistica.

La compagnia bulgara interpreta in modo impeccabile le scene iconiche che hanno reso celebre il Lago dei cigni, la sua ipnotica danza lagunare, la coreografia “stregata” dei cosiddetti atti bianchi che vuole comunicare il senso della grazia delle fanciulle, dimezzata e intrappolata nel corpo di un cigno, per sortilegio del malvagio Rothbard. L’amore romantico e ostacolato dal destino avverso trionfa in uno pas a deux in cui i due innamorati, il principe Siegfried e Odette, celebrano il loro idillio, che, insieme al pas de quatre addensano tutta la forza espressiva dell’inimitabile balletto ottocentesco.

Lo spettacolo è lirico ed emozionante pur con qualche discontinuità coreografica che cela alcuni passaggi narrativi più cupi per sublimare la morte del cigno bianco e di Siegfried in una rinascita celestiale che immortala per sempre il loro amore.

Ad affascinare, dopotutto, nel Lago dei Cigni, sarà sempre il bipolarismo vita/morte, donna carnale/donna angelica, male/bene, cigno nero/cigno bianco ricomposto, solo in apparenza, in una coreografia che preserva il dualismo e lo celebra in quanto tale senza dissolvere i due opposti, l’uno nell’altro.

  • Articoli
Chi sono
Sedicente eclettica e anticonformista, bourgeois, in senso habermasiano, intraprendente giocoliera in bilico tra yin e yang: ecco come amo definirmi al di là di ogni stereotipata classificazione demo-psicografica. Nata a Benevento, cittadina di cultura “catto-centrista”, allo scoccare della maggiore età, “emigro” nella capitale con la classica valigia in tetrapack (rivisitazione post-moderna della tipica dotazione in cartone da primo emigrante), piena di sogni e scommesse a lunga scadenza, che accompagna gli out–of-home students. Laurea in Scienze della comunicazione, dal marketing all’ufficio stampa al giornalismo fino alle strategie di digital branding la comunicazione quasi non ha più segreti per me. Scrivere è sempre stata la mia prima vera passione al pari della danza: la scrittura e la danza sono i veri amori della mia vita!
  • Benvenuti a casa di Siri: Se lo dice lei… tutto a posto!

    Il Lago dei Cigni al Brancaccio: una favola romantica senza fine Metti le musiche di Tchaikovsky, l’iconografia del cigno bianco immortalata dal coreografo Marius Petipa e la magia prenatalizia: tutto sembra già visto, già raccontato, un’oleografia cristallizzata nella cultura europea e internazionale moderna e, nonostante ciò, assistere alla rappresentazione del Lago dei Cigni è un’emozione […]

  • Femminismo surrealista al Trastevere: Le Mammelle di Tiresia

    Il Lago dei Cigni al Brancaccio: una favola romantica senza fine Metti le musiche di Tchaikovsky, l’iconografia del cigno bianco immortalata dal coreografo Marius Petipa e la magia prenatalizia: tutto sembra già visto, già raccontato, un’oleografia cristallizzata nella cultura europea e internazionale moderna e, nonostante ciò, assistere alla rappresentazione del Lago dei Cigni è un’emozione […]

  • Ohne Nix al Roma Europa Festival: prospettive digitali

    Il Lago dei Cigni al Brancaccio: una favola romantica senza fine Metti le musiche di Tchaikovsky, l’iconografia del cigno bianco immortalata dal coreografo Marius Petipa e la magia prenatalizia: tutto sembra già visto, già raccontato, un’oleografia cristallizzata nella cultura europea e internazionale moderna e, nonostante ciò, assistere alla rappresentazione del Lago dei Cigni è un’emozione […]

  • Come va, va…
    Come va, va… una Roma Stralunata in uno stornello trasteverino 

    Il Lago dei Cigni al Brancaccio: una favola romantica senza fine Metti le musiche di Tchaikovsky, l’iconografia del cigno bianco immortalata dal coreografo Marius Petipa e la magia prenatalizia: tutto sembra già visto, già raccontato, un’oleografia cristallizzata nella cultura europea e internazionale moderna e, nonostante ciò, assistere alla rappresentazione del Lago dei Cigni è un’emozione […]

  • Spamalot - Foto di Luca Vantusso
    “Sono il re dei Britanni e cerco uomini” a… Spamalot

    Il Lago dei Cigni al Brancaccio: una favola romantica senza fine Metti le musiche di Tchaikovsky, l’iconografia del cigno bianco immortalata dal coreografo Marius Petipa e la magia prenatalizia: tutto sembra già visto, già raccontato, un’oleografia cristallizzata nella cultura europea e internazionale moderna e, nonostante ciò, assistere alla rappresentazione del Lago dei Cigni è un’emozione […]

  • La “caduta” del pater familias secondo Lavia

    Il Lago dei Cigni al Brancaccio: una favola romantica senza fine Metti le musiche di Tchaikovsky, l’iconografia del cigno bianco immortalata dal coreografo Marius Petipa e la magia prenatalizia: tutto sembra già visto, già raccontato, un’oleografia cristallizzata nella cultura europea e internazionale moderna e, nonostante ciò, assistere alla rappresentazione del Lago dei Cigni è un’emozione […]

  • La retorica della scomodità in ospedale: L’Operazione

    Il Lago dei Cigni al Brancaccio: una favola romantica senza fine Metti le musiche di Tchaikovsky, l’iconografia del cigno bianco immortalata dal coreografo Marius Petipa e la magia prenatalizia: tutto sembra già visto, già raccontato, un’oleografia cristallizzata nella cultura europea e internazionale moderna e, nonostante ciò, assistere alla rappresentazione del Lago dei Cigni è un’emozione […]

  • Il borghese gentiluomo: un parvenu ante – litteram

    Il Lago dei Cigni al Brancaccio: una favola romantica senza fine Metti le musiche di Tchaikovsky, l’iconografia del cigno bianco immortalata dal coreografo Marius Petipa e la magia prenatalizia: tutto sembra già visto, già raccontato, un’oleografia cristallizzata nella cultura europea e internazionale moderna e, nonostante ciò, assistere alla rappresentazione del Lago dei Cigni è un’emozione […]

  • Se fossi fico … rubberei (con 2 b) un sorriso al Teatro de’Servi

    Il Lago dei Cigni al Brancaccio: una favola romantica senza fine Metti le musiche di Tchaikovsky, l’iconografia del cigno bianco immortalata dal coreografo Marius Petipa e la magia prenatalizia: tutto sembra già visto, già raccontato, un’oleografia cristallizzata nella cultura europea e internazionale moderna e, nonostante ciò, assistere alla rappresentazione del Lago dei Cigni è un’emozione […]

  • L’Etranger di Camus visto da Gifuni : il grado zero dell’umano.

    Il Lago dei Cigni al Brancaccio: una favola romantica senza fine Metti le musiche di Tchaikovsky, l’iconografia del cigno bianco immortalata dal coreografo Marius Petipa e la magia prenatalizia: tutto sembra già visto, già raccontato, un’oleografia cristallizzata nella cultura europea e internazionale moderna e, nonostante ciò, assistere alla rappresentazione del Lago dei Cigni è un’emozione […]

×
Sedicente eclettica e anticonformista, bourgeois, in senso habermasiano, intraprendente giocoliera in bilico tra yin e yang: ecco come amo definirmi al di là di ogni stereotipata classificazione demo-psicografica. Nata a Benevento, cittadina di cultura “catto-centrista”, allo scoccare della maggiore età, “emigro” nella capitale con la classica valigia in tetrapack (rivisitazione post-moderna della tipica dotazione in cartone da primo emigrante), piena di sogni e scommesse a lunga scadenza, che accompagna gli out–of-home students. Laurea in Scienze della comunicazione, dal marketing all’ufficio stampa al giornalismo fino alle strategie di digital branding la comunicazione quasi non ha più segreti per me. Scrivere è sempre stata la mia prima vera passione al pari della danza: la scrittura e la danza sono i veri amori della mia vita!
Latest Posts
  • Come va, va…

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.