Il Re di Girgenti di Andrea Camilleri nella riduzione e rielaborazione di Massimo Schuster e Fabio Monti conquista il pubblico del Teatro Due

L’atmosfera è quella di una Sicilia arsa dal sole, dove le leggende diventano valori da tramandare attraverso “li cunti“; dove la legge ufficialmente riconosciuta è la volontà di Dio, una terra sospesa da sogno ed incubo; tra invasori vestiti da eroi e furfanti pronti a raggirare il prossimo.

In questo contesto, con intensa abilità,  Massimo Schuster e Fabio Monti , cuntanu e cantanu le avventure di Zosimo, protagonista de Il Re di Girgenti, romanzo storico di Andrea Camilleri, che rivive attraverso i pupi di  Anton Duša e Jana Pogorielová.

La Sicilia di fine ‘600 fatta di giustizia sommaria, sospesa tra Spagnoli, Santa Inquisizione e Timor di Dio tutto questo raccontato nel Re di Girgenti, quasi a consegnare una memoria storica di un personaggio sospeso tra mito e realtà.

Del resto la stessa venuta al mondo di Zosimo è paragonabile ad un episodio mitologico e non poteva essere meno leggendaria la sua dipartita, che gli fa consegnare, nelle mani dei suoi sgangherati sudditi, l’ennesimo sogno: un sogno leggero e libero…come un aquilone.

In questo incanto il pubblico diventa bambino e si lascia guidare affatato tra li cunti. 

L’intensità interpretativa e la potenza del linguaggio sono tali da creare una magia assoluta, in una sala, quella del Teatro Due, immersa nel più totale e religioso silenzio.

La magia del teatro fatto bene!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.