Il Teatro degli Orrori ritorna a Trieste, al Teatro Miela, dopo l’uscita del nuovo album.

Un album senza nessun titolo, a sottolineare il nuovo corso intrapreso dal gruppo con la nuova line-up, che vede ora la presenza di Kole Laca alle tastiere e Marcello Batelli alla chitarra elettrica.

Dodici canzoni. Dodici nuovi capitoli di un romanzo degli orrori che racconta un paese allo sfacelo, sull’orlo del precipizio antropologico verso il quale la società italiana si affanna da decenni. È un affresco grottesco e disperato che non fa sconti a nessuno.

Il Teatro degli Orrori
Pierpaolo Capovilla

Pierpaolo Capovilla, come sempre, ha dedicato ai testi l’attenzione poetica che contraddistingue la sua scrittura. Emarginazioni ed esclusioni sociali, prigioni reali e metaforiche, il disagio psichico e il big business farmacologico, l’alienazione del lavoro e il consumismo compulsivo, la violenza omicidiaria dello stato, il dramma dei profughi in fuga dalle guerre. Sono i temi emersi in queste nuove canzoni, affrontati con disarmante ironia e sarcasmo o struggente disincanto. Innumerevoli le citazioni letterarie, disseminate come trappole allegoriche in tutto il disco.
Gli arrangiamenti sembrano spingersi verso un rock più definito ed essenziale, più inglese se vogliamo, e indubbiamente la presenza di Kole Laca alle “diavolerie elettroniche” spinge il suono della band verso un rock più ricercato e innovativo; quella di Marcello Batelli alla chitarra impreziosisce e completa il “fraseggio elettrico”.

Ma il gruppo non dimentica, neanche per un secondo, l’attitudine furiosa e la rabbia viscerale che da sempre lo contraddistingue. Sono dodici pugni in faccia, le nuove tracce de Il Teatro degli Orrori, che non lasceranno indifferente l’ascoltatore. Le amerà con dedizione liturgica, o le detesterà dalla prima all’ultima.  Lo condurranno nella gola del serpente, nell’incubo sociale in cui versano i nostri tempi. Dove disperazione e speranza, rancori e nostalgie, indifferenze e passioni, odio e amore, disputano la loro battaglia quotidiana.

Teatro degli Orrori è il nuovo album omonimo, quasi un nuovo debutto, a sottolineare il nuovo corso intrapreso con la nuova formazione, che vede ora Kole Laca e Marcello Batelli membri della band a tutti gli effetti.

Il Teatro Degli Orrori sono: Francesco Valente (batteria e percussioni), Giulio Ragno Favero (basso elettrico), Gionata Mirai (chitarra elettrica) e Pierpaolo Capovilla (voce),  Kole Laca (tastiere elettroniche) e Marcello Batelli (chitarra elettrica).

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.